Iscrizioni aperte, numero chiuso a 8.000
Per tutti i  6.214 coraggiosi che lo scorso 28 ottobre sono partiti per affrontare i 42 km della 27ª Venicemarathon è disponibile uno sconto speciale sull’iscrizione all'edizione 2013, utilizzabile solo on-line e solo fino al 31 dicembre 2012, e non cumulabile con altre promozioni

Per tutti gli altri, la prima quota agevolata è di 44 euro fino al 31 dicembre 2012.
Dopo un'edizione storica si lavora per il 2013
La Venicemarathon non si riposa mai! Sono già 631 i maratoneti che hanno prenotato il pettorale per la 28a edizione che si correrà domenica 27 ottobre 2013. L’organizzazione ha difatti dato la possibilità a tutti coloro che per diversi motivi erano impossibilitati a correre domenica, di posticipare il pettorale all’anno successivo, offrendo così un'altra opportunità a chi sogna di correre a Venezia.

Ma lasciate decantare le emozioni e ristorato il corpo dal grande freddo, è tempo di stilare il bilancio di questa 27a edizione. Un’edizione che di sicuro rimarrà nella storia non solo per le condizioni estreme in cui si sono trovati a correre gli atleti e a lavorare gli addetti, ma soprattutto per i ben 5.931 atleti (su 6.214 partenti) che sono arrivati a Riva Sette Martiri sconfiggendo pioggia, vento, freddo e acqua alta. ‘Veri Eroi’, come li definisce il Presidente Piero Rosa Salva, quando si riferisce a tutti coloro che domenica hanno dato vita a questa memorabile edizione: atleti, volontari e pubblico.

"Dopo 12 anni di meteo fortunato stavolta l’abbiamo pagata tutta. Battute a parte - commenta il Presidente Piero Rosa Salva - la gara nel complesso è stata una prova ai limiti sia per gli addetti ai vari servizi, che per gli atleti e la macchina organizzativa ha retto molto bene. Le strutture rinforzate in partenza, all'arrivo e lungo il percorso hanno alleviato lo sforzo dei maratoneti, e difatti abbiamo registrato pochissimi problemi e solo qualche caso di ipotermia. Il dato strabiliante è però il bassissimo numero dei ritirati (283, pari al 5% dei partiti) che supera le più rosee previsioni in una simile condizione climatica e che qualifica questa edizione al terzo posto tra le annate con più arrivati, dopo quelle del 1995 e del 2010. Il nostro futuro parte da qui: dagli 8.000 iscritti quest’anno e dai pochissimi ritirati, che ancora una volta testimoniano l’alta qualità dei servizi offerti, uno dei nostri ‘must’ organizzativi. Allo stesso modo, per noi sono di primaria importanza la sostenibilità e l’impatto della gara sul territorio. Sono orgoglioso di poter constatare come la Maratona sia vissuta dagli enti locali e dai comuni che attraversa con una vera opportunità di crescita, sviluppo e visibilità. I riscontri ricevuti dalle Amministrazioni Locali ci danno sempre maggior spinta verso questa direzione”.

Archiviata anche positivamente la ‘prima’ su La7. Molto buoni sono, infatti, i riscontri della trasmissione televisiva in termini di ascolti, con picchi di share durante l’arrivo dei vincitori e di Alessandro Zanardi ed Eric Fontanari. “Ringraziamo "La7" per il prodotto realizzato malgrado le difficili condizioni in cui si sono trovati a lavorare - continua Rosa Salva - e giudichiamo positivo questo nuovo tipo di contenuto televisivo che abbiamo voluto proporre, con più immagini legate alle bellezze del territorio e simpatiche interviste al pubblico lungo il percorso e a Piazza San Marco. La differita è stata una nostra scelta concordata con l’emittente ed è nata anche in funzione della programmazione sportiva sugli altri canali, in particolare la concomitanza con il Gran Premio di Formula 1. La trasmissione è quindi iniziata alle 10:15, con una differita di circa un’ora, e questo ci ha permesso di poter dare la possibilità allo spettatore appassionato di sport di seguire sia il GP che la Maratona, e la nostra scelta è stata premiata perché gli ascolti sono aumentati proprio al termine della Formula 1. Senza dubbio tutti conosciamo il bello della diretta e valuteremo come regolarci in futuro, ma quest’anno possiamo ritenerci molto soddisfatti dei risultati anche perché su La7 D, nel mezzogiorno di domenica, era in diretta anche l’anticipo del campionato di Lega1 di basket con la nostra Reyer impegnata a Brindisi”.

La 27a Venicemarathon è stata impreziosita ancora una volta dal grande cuore di Alessandro Zanardi che ha portato a termine la sua impresa, prima spingendo e poi trainando all’arrivo il giovane Eric Fontanari. “Anche questa volta - conclude Rosa Salva - Zanardi ci ha dato dimostrazione della sua grande umanità portando a termine una gara epica che ci ha regalato emozioni immense. Il mio pensiero e il mio ringraziamento va a lui, a tutti i partecipanti della gara di handbike che hanno affrontato mille insidie e naturalmente anche agli altri quasi 6.000 'eroi' della 27a Venicemarathon. Un grazie di cuore a tutti coloro che hanno reso possibile questa straordinaria manifestazione e un arrivederci al 2013”.
27° Venicemarathon Philemon Kisang ed Emebt Bedada vincono in condizioni estreme
Venezia, 28 ottobre 2012 – Pioggia, vento e acqua alta non hanno fermato la 27° Venicemarathon che ha incoronato il keniano Philemon Kipchumba Kisang e l’etiope Emebt Etea Bedada, vincitori della gara rispettivamente con 2h17’00” e 2h38’11”. Grandissima impresa anche di Alessandro Zanardi che ha portato al traguardo il giovane Eric in 3h11’28” e grande caparbietà per i 5.931 arrivati.



 A livello maschile, la gara si è sviluppata inizialmente su ritmi blandi, con il gruppo di testa che ha sofferto un po’ il forte vento contrario. Dopo un passaggio a metà di 1h08’19”, l’attacco decisivo è arrivato al 35° chilometro, quando Philemon Kipchumba Kisang ha allungato andando a vincere in solitaria con il tempo di 2h17’00” davanti al connazionale debuttante Titus Kwemoi Masai (2h18’21”) e all’altro keniano Elija Karanja (2h19’41”). Ottimo quarto posto, a un soffio dal podio, per l’azzurro Domenico Ricatti (2h19’43”), bravo a recuperare molte posizioni proprio sui ponti veneziani.

Tra le donne, la gara ha subito mostrato essere una questione tra etiopi: Emebt Etea Bedada ha corso fianco a fianco alla connazionale Fantu Eticha Jimma fino al 30° km, quando ha sferrato l’azione decisiva, che le ha fatto ben presto guadagnare un vantaggio notevole fino a vincere con il tempo di 2h38’11”. Dietro a lei, mentre Fantu Ethicha crollava, rinveniva la terza etiope Helima Hassen Beriso che guadagnava la seconda piazza 2h48’32. Terza chiudeva Fantu Eticha Jimma in 2h50’48”. Buon quarto posto per l’azzurra Monica Carlin con il tempo di 2h54’13”, mentre Martina Celi si è ritirata poco dopo metà gara.

La gara di handbike, vinta da Robert Kauffmann (GS Disabili Alto Adige) in 1h47’06”, davanti a Cristiano Picco (1h54’28”) e Gianni Garbin (1h56”08”), è stata ancora una volta arricchita dall’ennesima impresa dell’ex pilota di Formula 1 e bi-campione paralimpico Alessandro Zanardi che ha portato con sé Eric Fontanari, ragazzo trentino diciassettenne tetraplegico: “E’ stata un’avventura pazzesca! Attorno al 25° km mi è venuto qualche dubbio perché Eric ha iniziato a patire il freddo con degli spasmi muscolari e non riusciva più a tenere la sua handbike che piegava tutta a sinistra. A quel punto ho capito che era troppo rischioso arrivare in queste condizioni a Venezia per cui, memore dell’esperienza dello scorso anno con Francesco Canali, ho deciso di sganciare la ruota anteriore di Eric e agganciare il suo mezzo al mio con una corda trovata quasi per caso sul percorso. Siamo così ripartiti, quando sul Ponte della Libertà iniziava a scendere una pioggia battente e tirava un vento fortissimo. Ma il bello doveva ancora venire: qualche chilometro dopo, infatti, mi si rompeva la guaina del cambio e tutto ciò mi ha costretto ad utilizzare un rapporto durissimo e fare una fatica incredibile. Poi, miracolosamente, ho trovato un nastro e ho ‘steccato’ la guaina rotta attorno al freno. In questo modo sono riuscito a cambiare di nuovo e rendere quindi più facile la mia pedalata. Inoltre, ero troppo incitato da Eric che dietro di me urlava ‘vai trattore che ce la facciamo, arriviamo al traguardo!’. Iniziavano così i 13 ponti di Venezia, dove io facevo fatica a tenere l’handbike perché la ruota anteriore slittava, visto che tutto il peso era sbilanciato all’indietro. Avevamo il pubblico e i volontari ad aiutarci, e sapevamo che il traguardo era vicino e non potevamo mai mollare in quel momento. Dopo l’ultimo ponte mi sono fermato per attendere l’accompagnatore in bicicletta che avrebbe dovuto portarmi la ruota anteriore dell’handbike di Eric, perché volevo fosse lui a transitare per primo sul traguardo. Purtroppo, l’accompagnatore non è mai arrivato, forse fermato dagli addetti alla sicurezza, e così ho deciso di trainare Eric fino a 1 centimetro dall’arrivo, sono sceso dalla mia handbike e, come già fatto lo scorso anno con Francesco, ho fatto in modo che fosse il suo corpo a transitare per primo sotto la linea di arrivo. Adesso, con il senno di poi, dico che è stata durissima ma anche stavolta un’emozione incredibile: non potevo arrendermi, perché Eric ci ha creduto dal primo all’ultimo metro. Mi complimento anche con Fabio Marzocchi, l’altro ragazzo con noi in gara nel progetto Bimbingamba Sport che ci ha staccati al 25 km per portare a termine la sua gara con facilità”.

Grande soddisfazione in casa Venicemarathon perché i dati parlano chiaro e dimostrano ancora una volta la grandissima capacità organizzativa. Sono stati infatti solo 283 i ritirati. Questa mattina 6.214 erano i partenti e 5.931 gli arrivati. Le previsioni meteo avevano scoraggiato 965 atleti che non hanno ritirato il pettorale, mentre sono stati 631 gli atleti che, per vari motivi, hanno posticipato l’iscrizione direttamente all’anno prossimo, e 190 i chip resi prima della partenza. Gli iscritti alla 27esima Venicemarathon, infatti, erano 8.000.

“Malgrado il maltempo – commenta il Presidente del Venicemarathon Club Piero Rosa Salva – anche questa edizione è stata memorabile per tanti motivi: per l’accesa sfida che si è combattuta tra i top runners, per l’ennesima impresa di Alessandro Zanardi che ha scaldato il cuore di tutti, per i 5.931 eroi che sono arrivati al traguardo in condizioni estreme e per gli oltre 2000 volontari che hanno dato l’anima. Di sicuro le previsioni di questa settimana hanno scoraggiato molti atleti e quindi il numero dei partenti è stato inferiore rispetto agli iscritti, ma trovo straordinario il numero degli atleti che hanno concluso la maratona... in 27 edizioni questa è una delle poche in cui abbiamo sfiorato i 6.000 arrivati”.

Curiosità
Tra gli arrivati, i più maturi giunti al traguardo sono stati Luciano Bevilacqua (MM75) in 5h47’05” e Raymonde Bizzot (MM70) tra le donne in 4h21’10”. I gruppi sportivi più numerosi sono stati il Venicemarathon Club con 64 iscritti, la Polisportiva Biancazzurra Pettinelli con 63, la Essetre Running con 61, il Brema Running Team con 56 iscritti e l’Atletica Vicentina Master con 52, prima tra le società non veneziane. Due, infine, i sacerdoti che hanno portato a termine la Venicemarathon: Don Marco Pozza in 2h47’32” e Don Danilo Miotto in 4h01’11”.
Numeri eccezionali anche lungo il percorso: 80.000 bottiglie di Acqua San Benedetto e 30.000 litri di Gatorade. Palmisano ha offerto 15.000 confezioni di biscotti, 8.000 barrette inserite nei pacchi gara, oltre a 20.000 pezzi di biscotteria tradizionale sfusa lungo il percorso. 20 quintali di mele e 20 quintali di arance sono state messe a disposizione anche quest’anno da Coldiretti, oltre a 35 quintali di banane. 2.000 è il numero di volontari impegnati a presidio di incroci, ristori e spugnaggi. Proprio le spugne utilizzate dagli atleti sono state 20.000, prontamente raccolte al termine della gara. Per garantire la sicurezza degli atleti sono stati inoltre utilizzati 40 km di nastro segnaletico e oltre 10 km di transenne per chiudere strade ed incroci. La salute degli atleti invece è stata garantita da 4 postazioni mediche fisse distribuite sul percorso, 2 centri di raccolta per gli atleti ritirati, 7 ambulanze, 2 automediche, 1 motomedica, 3 idroambulanze, 10 squadre di pronto intervento a piedi, 10 squadre di pronto intervento in bicicletta all'interno del Parco di San Giuliano e 3 postazioni fisse e 25 defribillatori lungo il percorso offerti da Philips. Complessivamente, saranno a sostegno del soccorso della gara 7 medici, 21 infermieri professionali, 40 soccorritori della Croce Verde ed un servizio di assistenza fisioterapica, gestito da Natura House – Leopard Sport, con 15 fisioterapisti.

Premiazioni Speciali
Il premio Trofeo Sprint del Gazzettino per il primo atleta del Triveneto al traguardo, consegnato dal redattore della testata Michele Fullin, è andato Said Boudalia dell’Atletica Biotekna Marcon.

Le dichiarazioni dei protagonisti

Philemon Kipchumba Kisang: “Nonostante il cattivo tempo è stata una gara bella ed avvincente. Dopo una prima parte di gara corsa al coperto, ho deciso di attaccare al 35° chilometro ed è andata bene. E’ una grande emozione vincere in una città come Venezia ed in una maratona così importante”.

Titus Kwemoi Masai: “Ieri avevo annunciato che avrei fatto un crono attorno alle 2h07’, ma purtroppo il tempo ha scombussolato i miei piani. Vuol dire che ci riproverò l’anno prossimo”.

Elija Karanja: “E’ stata una gara molto difficile, soprattutto quando siamo arrivati sul Ponte della Libertà a causa della pioggia e del vento forte, ma mi ha aiutato molto il calore del pubblico”.

Domenico Ricatti: “Ho corso con il cuore e con le gambe per tutti i 42 chilometri, e per questo devo ringraziare il mio allenatore Piero Incalza che mi ha sempre dato le giuste indicazioni tecniche e motivazionali. Nonostante l’acqua e il vento è stata un’esperienza bellissima, grazie all’incitamento del pubblico lungo il percorso. Ho preso la medaglia di legno, ma visto che il Signore faceva il falegname, allora vuol dire che è un materiale molto prezioso! Ho già ricevuto l’invito per l’anno prossimo, sarò ben felice di tornare qui per migliorare il mio quarto posto e riprovare queste grandi emozioni”.


Classifiche
Gara Maschile
1. Kisang Philemon Kipchumba (KEN) 02:17:00
2. Masai Titus Kwemoi (KEN) 02:18:20
3. Karanja Elija (KEN) 02:19:41
4. Ricatti Domenico (ITA) 02:19:43
5. Awash Habtamu (ETH) 02:21:00
6. Korir Patrick Kiptanui (KEN) 02:24:58
7. Boudalia Said (ITA) 02:27:50
8. Rognoni Dario (ITA) 02:30:30
9. Simion Giancarlo (ITA) 02:30:46
10. Ndiwa Robert (KEN) 02:30:48

Gara Femminile
1. Bedada Emebt Etea (ETH) 02:38:09
2. Beriso Halima Hassen (ETH) 02:48:30
3. Jimma Fantu Eticha (ETH) 02:50:48
4. Carlin Monica (ITA) 02:54:13
5. Cunico Maurizia (ITA) 02:56:57
6. Gizzi Noemy (ITA) 03:01:06
7. Vecchiato Ambra (ITA) 03:01:14
8. Markley Pamela (USA) 03:01:33
9. Patuelli Francesca (ITA) 03:02:28
10. De Rose Rossella (ITA) 03:09:09
27esima Venicemarathon: vincono Kisang e Bedada
Venezia, 28 ottobre. Il keniano Philemon Kipchumba Kisang e l’etiope Emebt Etea Bedada si sono aggiudicati una 27esima Venicemarathon battuta da vento e pioggia.



Kisang ha vinto tra gli uomini con il tempo di 2h17’00” davanti ai connazionali Titus Kwemoi Masai (2h18’21”) ed Elija Karanja (2h19’41”) con l’azzurro Domenico Ricatti quarto in 2h19’43”.

Tra le donne, la Bedada ha corso in 2h38’11”, precedendo le connazionali Helima Hassen Beriso (2h48’32”) e Fantu Eticha Jimma (2h50’48” ).

Nella gara di handbike la vittoria è andata a Robert Kauffmann (GS Disabili Alto Adige) con il tempo di 1h47’06”, davanti a Cristiano Picco (1h54’28”) e Gianni Garbin (1h56”08”).
Family Run: una festa per oltre 13.000 persone
Venezia, 27 ottobre - La pioggia di questa mattina non ha spento l’entusiasmo delle due Family Run, che si sono svolte in contemporanea al Parco San Giuliano di Mestre e a Dolo, e che hanno regalato emozioni grazie alla partecipazione di grandi campioni come Stefano Baldini, Bebe Vio, Martina Caironi e Giusy Versace a Mestre, e Simone Cercato e Pietro Martire a Dolo.


Al Parco San Giuliano di Mestre il campione olimpico di Maratona di Atene 2004 Stefano Baldini ha tenuto a battesimo la Family Run assieme a Bebe Vio ed alle campionesse paralimpiche Martina Caironi, oro ai Giochi di Londra sui 100 metri nella categoria T42 e Giusy Versace, primatista italiana dei 100 e 200 metri nella categoria T43. Martina, Giusy e molti altri sono alcuni dei numerosi amici di art4sport, l’associazione no profit che crede nello sport come terapia per il recupero fisico e psicologico di bambini con amputazioni di arto e di cui Bebe Vio, campionessa di scherma paralimpica, ne è l’anima.

La gara in Riviera del Brenta è stata ancora una volta dedicata alla memoria di Lorenzo Trovò, il fondatore di Dolo Sport scomparso quattro anni fa. Il 4° Memorial “Lorenzo Trovò” ha visto al via l’olimpionico di nuoto Simone Cercato assieme a Pietro Martire, atleta molto conosciuto in Riviera del Brenta che ha esordito lo scorso anno proprio a Venezia nella gara di handbike. Anche quest’anno, la famiglia Trovò ha messo in palio un personal computer alla scuola elementare più numerosa ed il premio è stato vinto dal Circolo Elementare Mira 1.

Tra le scuole più numerose presenti alle due Family Run, a Dolo ha vinto il Liceo statale Galilei di Dolo con 1000 partecipanti, davanti alle scuole elementari di Dolo (640) e la Scuola Media Leopardi di Mira (626), mentre a Mestre si è imposto il Liceo Scientifico Bruno (644 partecipanti) davanti lal liceo Classico Franchetti (521) e la Scuola Media Statale Giulio Cesare (483), tutti istituti di Mestre.

Coordinate dall’associazione Un Cuore per Tutti O.n.l.u.s., alla Family Run di Mestre hanno partecipato alcune realtà nazionali e locali che operano sul territorio: il coordinamento provinciale di Telethon, l’associazione Il Piccolo Principe, l’Avis di Mestre, la Croce Verde di Mestre, l’Aism di Venezia, il gruppo di Venezia-Mestre di Emergency e l’ASAMSI.

Alle due Family Run, come sempre, si è corso per fare del bene. Il ricavato delle iscrizioni (3 euro per atleta), detratte le spese organizzative di 1 euro, verrà devoluto ad Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo per la costruzione di pozzi d’acqua potabile in Uganda ed al progetto “Bimbingamba” - di cui è testimonial l’ex pilota di Formula 1 Alessandro Zanardi - per la costruzione di protesi ai bambini. Il restante euro invece sarà trattenuto direttamente dalle scuole per finanziare i progetti didattici e dalle varie associazioni.

Tra le tante e belle premiazioni, c’è stata anche quella organizzata dal Gruppo Veneto dell'Ussi – Unione Stampa Sportiva Italiana, che ha voluto dare un riconoscimento ai nuotatori della Polisportiva Terraglio che hanno partecipato ai Mondiali Special Olympics a Porto Rico, e uno speciale premio a Bebe Vio, tedofora alle Paralimpiadi di Londra 2012.

A tutti i partecipanti è stata regalata la maglietta Alì Aliper, il pettorale Banco San Marco e al termine della corsa un ricco ristoro per tutti i partecipanti con Acqua San Benedetto, Gatorade e biscotti Palmisano.
27esima Venicemarathon: l'etiope Aredo a caccia del bis
Presentati i top runners: tra gli uomini, occhi puntati anche sui keniani Ivuti, Kiwibott e Masai.
Tra le donne sarà lotta tra le etiopi Jimma, Beriso e Bedada. Italiani protagonisti con Ricatti e la Celi.
Nella gara di handbike nuova impresa di Alex Zanardi



Venezia, 27 Ottobre 2012 – Sarà una 27° Venicemarathon più aperta ed avvincente che mai, quella che si corre domani da Stra a Riva Sette Martiri in Venezia con partenza alle 9.20, con gli atleti africani che si contenderanno ancora una volta la vittoria finale sia in campo maschile che femminile.

Tra gli uomini, dove è stato richiesto un passaggio a metà gara di 64’30” per i primi, il favorito della vigilia è l’etiope Tadese Tolesa Aredo, vincitore lo scorso anno in 2h09’13” e 4° quest’anno alla Maratona di Roma. A contendergli la vittoria saranno un gruppo di keniani: il veterano Patrick Ivuti, già vincitore alla Maratona di Chicago 2005 con un ottimo 2h07’46”, ed i connazionali Stephen Kipkoech Kiwibot e Titus Masai, quest’ultimo all’esordio sulla distanza dei 42 km ma con grandi aspettative: “cerco un tempo attorno alle 2h07’” ha dichiarato ai giornalisti. L’Italia sarà rappresentata dal barlettano Domenico Ricatti, che cercherà di migliorare il suo record personale di 2h16’31” ottenuto lo scorso anno a Berlino: “Sono emotivamente legato a questa maratona leggendaria – ha dichiarato l’atleta dell’Aeronautica – perché nel 1995, quando ero solo un bambino, vidi i miei amici Goffi e Leone arrivare primo e secondo. Per questo è un’emozione provare a ripercorrere le loro strade”.

Tra le donne, la 27esima Venicemarathon potrebbe parlare etiope, con Fantu Eticha Jimma, già terza lo scorso anno con 2h30’25”, che dovrà guardarsi dagli attacchi delle connazionali Halima Hassen Beriso, terza quest’anno alla Maratona di Hannover con 2h30’26”, ed Emebt Etea Bedada che quest’anno ai Mondiali di Mezza Maratona di Kavarna è giunta 5ª nella gara individuale con il tempo di 1h10’01” ed ha vinto la gara a squadre. Tra le azzurre, occhi puntati su Martina Celi, campionessa italiana 2011, che torna a Venezia dopo il 9° posto del 2010: “Il mio esordio sulla distanza è stato proprio a Venezia, fu una bellissima esperienza e perciò non è casuale che ritorni qui alla ricerca di un buon tempo. Dopo un’estate un po’ travagliata a causa di qualche malanno fisico, negli ultimi tempi sono riuscita ad allenarmi bene, dunque mi aspetto buone cose”.

Quest’anno la Venicemarathon andrà in onda su La7, con una trasmissione che durerà ben tre ore e mezza: dalle 10 alle 13.30.

La partenza della gara è prevista per le ore 9:20 sia per gli uomini che per le donne, mentre la gara di handbike partirà alcuni minuti prima, con in gara anche Alex Zanardi. Dopo l'impresa dello scorso anno che vide l'ex pilota trainare con la sua handbike, lungo i 42 km di gara, l'amico Francesco Canali affetto da SLA, quest'anno il bi-campione paralimpico correrà con Eric e Fabio, i primi rappresentanti del progetto Bimbingamba Sport. Eric è un ragazzo di 17 anni, diventato tetraplegico dopo un banale incidente domestico. Zanardi ha attrezzato la sua handbike per poterlo spingere fine a Riva Sette Martiri.

In caso di acqua alta in Piazza San Marco, gli organizzatori predisporranno il percorso B, glià testato due anni fa ed anch’esso certificato Iaaf.

Il livello agonistico ed organizzativo di Venicemarathon consente alla gara di fregiarsi della IAAF Road Race Silver Label, un riconoscimento di qualità concesso dalla Federazione Internazionale di Atletica ad un ristretto numero di eventi in tutto il mondo.
Venicemarathon e il Gran Premio di Formula 1 di Monza: quando lo sport genera ricchezza e valore aggiunto
Venezia, 27 ottobre 2012 - Lo sport che genera ricchezza, lo sport come traino per il turismo, lo sport che dà valore aggiunto e visibilità al territorio: questo il tema conduttore del convegno di oggi “L’indotto economico dei grandi eventi sportivi: case histories Venicemarathon e Gran premio di Formula 1”, presentato questo pomeriggio all’hotel Hilton Garden Inn di Mestre, quartier generale della Venicemarathon. Supera ancora una volta i 7 milioni di euro l’indotto economico dell’edizione 2011 della Maratona di Venezia, mentre si aggira sui 31 milioni quello del Gran Premio di Formula 1 di Monza.



 Il Convegno, realizzato congiuntamente dal Venicemarathon Club, dalla Camera di Commercio di Venezia e promosso in collaborazione con il Ciset dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, è stato aperto dai saluti dell’Assessore allo Sport del Comune di Venezia Andrea Ferrazzi, dal Vice Presidente dell’Ente camerale veneziano Giuseppe Molin e del Presidente dell’A.S.D. Venicemarathon Club, Piero Rosa Salva. Le relazioni sui due eventi sportivi, introdotte dal Segretario Generale dell’Ente camerale veneziano Roberto Crosta, sono state presentate da Stefano Fornasier, Vice Presidente di A.S.D. Venicemarathon Club, e dal Segretario Generale della Camera di Commercio di Monza e Brianza Renato Mattioni. Sono inoltre intervenuti Mara Manente, Direttrice del Ciset, e Paolo Rosso, dirigente del settore Turismo della Regione Veneto.

Come ha illustrato Stefano Fornasier, curatore dello studio dedicato alla Venicemarathon, i partecipanti dell’ultima edizione sono stati 7.113, con un lieve calo rispetto ai 7.324 del 2010, ma sono aumentati gli stranieri (1.701 stranieri, il 23,91% del totale), di cui il 60% pernotta in zona oltre cinque notti. Aumentato anche il numero degli accompagnatori passati dai 12.885 del 2009 ai 13.397 del 2010 fino ai 14.294 del 2011. Queste presenze compensano abbondantemente il leggero calo di iscritti rispetto al 2010. Le spese sostenute da partecipanti e accompagnatori ammonta a 5 milioni 789mila euro e per la maggior parte sono state sostenute nel territorio. Ciascun partecipante alla corsa, calcolando anche gli accompagnatori al seguito (un totale di 21.407 persone giunte a Venezia nel 2011 per Venicemarathon), ha speso mediamente nel Veneziano 248,25 euro: ogni iscritto ha quindi portato un valore di 747,11 euro pro capite sul territorio. A questa cifra va aggiunto il milione e mezzo di euro delle spese dirette, quelle cioè sostenute dall’organizzazione effettuate per la stragrande maggioranza (un milione e 451mila euro) all’interno della provincia di Venezia. Ne consegue che l’indotto economico totale della manifestazione viene stimato nell’ordine dei 7 milioni e 300mila euro, sostanzialmente in linea con la cifra prodotta dall’edizione 2010, mentre l’indotto economico prodotto nell’area provinciale è di 6 milioni e 800mila euro. Una delle novità sono le ricadute degli altri due eventi sportivi: la Moonlight Half Marathon e la Corrimestre. La prima edizione della mezza maratona ha già attirato 2.838 atleti, di cui 119 stranieri, a cui vanno aggiunti 5.581 accompagnatori, per un totale di 8.689 persone, e ha prodotto un indotto economico totale di quasi mezzo milione di euro (484mila 184 euro) tra spese dei partecipanti (270mila euro; ogni persona giunta a Jesolo per la MHF ha speso in media 31,15 euro) e spese organizzative (213.466 euro). La Corrimestre, infine, ha coinvolto, nel 2011, 1.467 persone tra atleti (677) e accompagnatori (790), che hanno speso mediamente oltre 40 euro: l’indotto economico globale, sommando alle spese dei partecipanti (quasi 60mila euro) quelle dirette organizzative (circa 39mila euro), sfiora la cifra di cento mila euro, tutt’altro che disprezzabile per un evento che vede al via atleti provenienti per lo più (il 92,76%) dal Veneto.

Lo studio dell’indotto generato dal Gran Premio di Monza, presentato dal Segretario Generale della Camera di Commercio di Monza e Brianza Renato Mattioni, mette subito in luce come il Gran Premio di Monza generi nella sola settimana dell’evento un indotto turistico “diretto” di quasi 31 milioni di euro. Nel dettaglio, il sistema della ricettività alberghiera ed extralberghiera assorbe il 33% dell’indotto turistico (10,1 milioni di euro), mentre lo shopping il 32,6% (10 milioni di euro). Il GP ha portato benefici anche al settore della ristorazione per 8,2 milioni di euro e al comparto della mobilità, fra trasporti e parcheggi, di 2,3 milioni di euro. Il GP è un affare non solo per Monza e Brianza, ma anche per tutto il territorio limitrofo: l’edizione del 2012 ha portato quasi 16 milioni di euro nelle casse di albergatori, ristoratori e commercianti brianzoli, ma ha generato indotto turistico anche nell’area milanese per oltre 9 milioni di euro, nelle località lacustri e di villeggiatura di Como e di Lecco con un indotto turistico rispettivamente di 3,3 milioni di Euro e di quasi 1 milione di euro. Fondamentale è anche il brand “Gran Premio d’Italia” stimato dall’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza in 3,8 miliardi di euro, sulla base di un insieme di parametri: conoscenza e attrattività della manifestazione a livello nazionale ed internazionale, flussi turistici generali e legati all’evento, competitività economica del territorio. L’appassionato di motori che segue il Gran Premio di Monza direttamente dagli spalti dello storico circuito è soprattutto uomo (79,3% sul totale del pubblico partecipante), giovane (il 33,7% ha tra i 21 e i 30 anni e il 27,3% tra i 31 e i 40 anni). Il GP fa da traino al turismo a Monza ed in Brianza: la quasi totalità degli spettatori (99,3%), stranieri e italiani, sceglie di visitare Monza per assistere alla manifestazione sportiva internazionale. L’evento del Gp di Monza è, del resto, giudicato positivamente sia dagli stranieri che dagli italiani provenienti da fuori la Lombardia, tanto che la metà dei turisti fa del Gp di Monza un’abitudine, scegliendo di tornare ad assistere alla manifestazione più di una volta. Se il monzese appassionato di Formula 1 ha l’abitudine di andare in autodromo per il GP da solo (37%) o al massimo con gli amici (24,1%), spostandosi soprattutto in moto (35,2%) o in bicicletta (33,3%), i lombardi vengono anche in coppia (21,7%), soprattutto in automobile (45,7%), mentre chi proviene da fuori Lombardia o dall’estero sceglie la compagnia di amici (29,9%) o della compagna (29,1%), viaggiando in auto (46%) o in treno (37,3%).

Il Direttore del Ciset Mara Manente ha invece approfondito l’argomento facendo una panoramica dei più importanti eventi sportivi della letteratura internazionale, mentre il Dirigente del Settore Turismo della Regione Veneto Paolo Rosso ha concluso testimoniando come il network creato dalla Regione con le 4 maratone venete (Venezia, Padova, Verona e Treviso) sia un fortissimo veicolo di promozione del territorio e un volano per il turismo.
Con Venicemarathon la Città di Venezia è più accessibile
Presentato quest’oggi il Progetto “Venezia Accessibile – Le barriere si superano di Corsa” con Alex Zanardi e le “mamme sprint” della Parents’ Fun




Venezia, 26 ottobre. L’accessibilità non è solo una questione di barriere architettoniche, ma un fatto culturale e di educazione. Questo è stato il filo conduttore di oggi, quando nella bellissima cornice dell’Hotel Metropole di Venezia è stato presentato il progetto “Venezia Accessibile – Le barriere si superano di Corsa”, iniziativa nata nel 2005 in collaborazione tra Venicemarathon ed il Comune di Venezia, in collaborazione con il prezioso contributo di Autorità Portuale di Venezia, il Gazzettino e Alilaguna, e che prevede il rivestimento dei 13 ponti attraversati dalla corsa con speciali rampe di legno. Un percorso, quindi, accessibile in un contesto di grande rilevanza storica e ambientale, da San Basilio alle Zattere fino ai Giardini di Sant’Elena, per una lunghezza di circa 3 km e che resteranno posate fino al 13 febbraio del 2013. Subito dopo la conferenza stampa si è svolta la “Parents’ Fun”, una camminata dimostrativa di mamme con i passeggini, ideata dal gruppo Mamme con le Rampe, per dimostrare l’importanza delle rampe e chiederne il prolungamento della posa. Numerose donne con i loro passeggini si sono così date appuntamento alla Chiesa della Pietà e hanno camminato fino ai Giardini.

Un’iniziativa arricchita anche quest’anno dalla presenza dell’ex campione di Formula 1 e bi-campione paralimpico di handbike Alessandro Zanardi, da anni testimonial di Venezia Accessibile, che ha voluto ancora una volta sottolineare l’importanza del progetto: “Venezia è una città che immagina, progetta, si dà da fare per diventare accessibile e per questo dev’essere vista come esempio da molte altre città italiane. L’accessibilità, d’altronde, è un problema educativo dove ognuno è messo in condizione di esprimere le proprie abilità: vale per i maratoneti come per le mamme con passeggino e le persone disabili”.
Il Campione Paralimpico di Handbike si è poi soffermato sulla sua gara: “Proprio dalla Venicemarathon, partì tre anni fa la mia avventura per tentare la sfida dei Giochi Paralimpici. Vincere qui la maratona è stato importante, ha costruito in me ricordi che resteranno memorabili, e mi convinse a mettere da parte i miei programmi automobilistici per tentare questa meravigliosa avventura. Un’avventura che continuerà domenica, quando correrò con Eric e Fabio, che sostituirà la sua carissima amica Sara bloccata purtroppo a letto da un’infezione. Eric è un ragazzo di 17 anni, diventato tetraplegico dopo un banale incidente domestico e per la maratona sto attrezzando la mia handbike per poterlo spingere lungo i 42 km di percorso. Loro sono i primi rappresentanti del progetto Bimbingamba Sport, attraverso il quale mi impegnerò ad avvicinare allo sport ragazzi disabili con difficoltà economiche”.

Dello stesso parere è il Presidente di Venicemarathon Piero Rosa Salva: “Le rampe non sono di Venicemarathon ma di tutta la città: tutto questo grazie al Comune di Venezia che ogni anno riesce a fare cose straordinarie. Siamo felici che il messaggio di accessibilità si vada diffondendo di anno in anno, creando sempre più consapevolezza nella cittadinanza. Dal 1986, anno in cui posammo le prime pedane, la sensibilità dei cittadini è cresciuta sempre di più. Grazie all’Amministrazione Comunale, poi, riusciamo inoltre a prolungare la permanenza di queste rampe, fornendo così un servizio alla gente”.

L’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Venezia Alessandro Maggioni ha sottolineato il valore dell’iniziativa: “Venezia Accessibile non è solo una piacevole consuetudine, ma soprattutto un momento fondamentale della città perché cresce di anno in anno, nel numero di pedane e come sensibilità della cittadinanza. Proprio per questo siamo ben felici di ospitare Parents’ Fun, perché è un’iniziativa che arriva proprio dai cittadini, e perché dimostra come Venezia può essere accessibile e comoda per tutti, non solo per le persone disabili ma proprio per tutti quelli che vivono in una città così complessa. Venicemarathon, evento sportivo di risonanza mondiale, mette a disposizione del tessuto cittadino e dei turisti delle infrastrutture importantissime, e noi siamo ben felice di essere al loro fianco”.

Elena Grimaldo, responsabile del gruppo “Mamme con le Rampe”, ha espresso tutta la sua felicità per l’iniziativa: “Queste rampe sono veramente importanti per noi, perché altrimenti rischieremmo l’isolamento. Siamo una città che ha sempre ospitato il nuovo, e quindi abbiamo pensato a questa Parents’ Fun come segnale di socializzazione e divertimento dei genitori. Correre con i passeggini di solito è fatica, stavolta invece è una grande festa!”.

E’ intervenuto poi anche Andrea Ferrazzi, Assessore allo Sport del Comune di Venezia: “Venezia Accessibile rende una città straordinaria come Venezia ordinaria nella sua vita quotidiana. Questo è ciò che vuole la nostra amministrazione, e lavorare sul tema delle barriere architettoniche è soprattutto una scommessa di civiltà. Il diritto alla mobilità è un diritto fondamentale della persona, e la Parents’ Run ne è ottimo testimone: con Elena Grimaldo, tra l’altro, ci siamo accordati per una proposta suggestiva: una gara di mamme con i passeggini nel 2013!”

L’Architetto Franco Gazzarri, Responsabile dell’ufficio EBA (Eliminazione Barriere Architettoniche), è infine intervenuto sui particolari tecnici: “Oltre alla Venicemarathon, quest’anno abbiamo costruito anche delle rampe per la Biennale di Venezia. Tutto ciò è diventato una sorta di vetrina per il nostro progetto: quello di riuscire a far diventare definitive alcune di queste soluzioni permanenti”.

Intanto proseguono le iniziative di contorno alla 27° Venicemarathon. Domani mattina alle ore 10 si correranno le due Family Run in contemporanea al Parco San Giuliano di Mestre e in Riviera del Brenta con partenza da Dolo. E’ stato un vero e proprio boom di iscrizioni: sono attesi infatti ben oltre 12.000 studenti. A Mestre la scatenata folla di giovani sarà trascinata dal campione olimpico di maratona Stefano Baldini, e dalle campionesse paralimpiche Martina Caironi, oro ai Giochi di Londra sui 100 metri nella categoria T42 e Giusy Versace, primatista italiana dei 100 e 200 metri nella categoria T43. Martina e Giusy sono alcuni dei numerosi amici di art4sport, l’associazione no profit che crede nello sport come terapia per il recupero fisico e psicologico di bambini con amputazioni di arto e di cui Bebe Vio, campionessa di scherma paralimpica, ne è l’anima. La gara in Riviera del Brenta sarà invece ancora una volta alla memoria di Lorenzo Trovò, il fondatore di Dolo Sport scomparso quattro anni fa. Il 4° Memorial “Lorenzo Trovò” vedrà al via Simone Cercato olimpionico di nuoto, Pietro Martire, atleta molto conosciuto in Riviera del Brenta che ha esordito l’anno scorso proprio a Venezia nella gara di handbike e correrà assieme a Luca Gasparato. Anche quest’anno, la famiglia Trovò donerà un personal computer alla scuola elementare più numerosa.
Oggi il via alla 22° Exposport
Si alza ufficialmente il sipario sulla 22a edizione di Exposport, la casa del maratoneta, aprirà le porte, giovedì 25 ottobre, con l’Inaugurazione Ufficiale prevista alle ore 16.

 

Aperta al pubblico da giovedì a sabato fino alle ore 20, l’area espositiva di 2.000 mq accolta all’interno dei 10.000 mq del Parco San Giuliano, sarà il luogo dove gli 8.000 iscritti, oltre a ritirare pacco gara e pettorale, potranno conoscere le ultime novità del running in termini di abbigliamento, di calzature, delle nuove frontiere high-tech dell’allenamento e soprattutto vivere in anteprima la magica atmosfera della Venicemarathon.

Di seguito, l’elenco degli appuntamenti da non perdere.

GIOVEDÌ 25 OTTOBRE

16:00 Inaugurazione Exposport
presso la struttura espositiva collocata all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi della Porta Rossa, a Venezia Mestre

18:00-19:00 “The Race: Technical & Pratical Advice”
Presentazione del percorso della Venicemarathon ai runners, con segreti e consigli per affrontare al meglio la gara. A cura del Suunto Pacing Team, coordinato da Julia Jones.

VENERDÌ 26 OTTOBRE

10:30-11:30 “The Race: Technical & Pratical Advice”
Presentazione del percorso della Venicemarathon ai runners, con segreti e consigli per affrontare al meglio la gara. A cura del Suunto Pacing Team, coordinato da Julia Jones.

11:30 12:30 “La solidarietà costruisce il futuro”
Alcuni volontari di Cooperazione e Sviluppo porteranno le loro testimonianze dirette del lavoro svolto nel Continente Africano.

14:00-15:00 “The Race: Technical & Pratical Advice”
Presentazione del percorso della Venicemarathon ai runners, con segreti e consigli per affrontare al meglio la gara. A cura del Suunto Pacing Team, coordinato da Julia Jones.

15:00-16:00 L’Energia dei prodotti della Terra per correre la Maratona
Coldiretti propone una tavola rotonda, rivolta a sportivi ed appassionari con consigli legati ad una giousta e corretta alimentazione da parte di esperti del settore.

16:00 17:00 “The Race: Technical & Pratical Advice”
Presentazione del percorso della Venicemarathon ai runners, con segreti e consigli per affrontare al meglio la gara. A cura del Suunto Pacing Team, coordinato da Julia Jones.

17:00 19:00 Tavola rotonda: "Le buone pratiche per una città accessibile. Esperienze a confronto"
Città per tutti ed Ufficio Eba del Comune di Venezia. I professionisti e gli esperti del settore illustreranno le politiche per una città accogliente.

19:00 20:00 “The Race: Technical & Pratical Advice”
Presentazione del percorso della Venicemarathon ai runners, con segreti e consigli per affrontare al meglio la gara. A cura del Suunto Pacing Team, coordinato da Julia Jones.

SABATO 27 OTTOBRE

9:00-13:00 Percorso Piccoli Pompieri
Un breve percorso “di Sopravvivenza” che si concluderà con lo spegnimento di un piccolo fuoco. Alla fine del percorso ogni bambino riceverà un diploma.

10:30-11:30 La Biennale di Venezia presenta Common PlayGround -
Un laboratorio pratico-creativo ad azione collettiva sulle tematiche della 13. Mostra Internazionale di Architettura “Common Ground” per vivere assieme un’esperienza divertente, giocosa e formativa.
Iniziativa per famiglie a partecipazione gratuita.
All’ingresso di Exposport, Parco San Giuliano

10:30-11:30 “The Race: Technical & Pratical Advice”
Presentazione del percorso della Venicemarathon ai runners, con segreti e consigli per affrontare al meglio la gara. A cura del Suunto Pacing Team, coordinato da Julia Jones.

11:30-12:30 Sappada Terra di Campioni
Sappada Emozioni e divertimento per tutta la famiglia. A cura di Massimo Casciano

12:30-13:00 I 10 Consigli per gestire al meglio le 24 ore prima della Maratona
Il direttore di Runner’s World Marco Marchei ed il Prof Fulvio Massini spiegano come affrontare una vigilia delicata

14:00-15:00 “The Race: Technical & Pratical Advice”
Presentazione del percorso della Venicemarathon ai runners, con segreti e consigli per affrontare al meglio la gara. A cura del Suunto Pacing Team, coordinato da Julia Jones.

15:00-15:30 Suunto Ambit : il GPS per esploratori
Uno spazio dedicato interamente al nuovo nato in casa Suunto: il primo orologio GPS che combina funzioni di allenamento avanzate con caratteristiche di robustezza. Navigazione on-screene tanto altro con l’aggiornamento software 1.8!

16:00-17:00 “The Race: Technical & Pratical Advice”
Presentazione del percorso della Venicemarathon ai runners, con segreti e consigli per affrontare al meglio la gara. A cura del Suunto Pacing Team, coordinato da Julia Jones.

17:00-18:00 ASICS presenta le sue novità: linea 33, strada e trail
Uno spazio dedicato alla nuova collezione ASICS presentata da Giorgio Garello (ASICS shoe advisor) con la partecipazione di Stefano Baldini

18:30-19:00 Estrazione concorso MarathonFoto: "Vinci le tue foto ricordo alla 27a Venicemarathon"
Durante i tre giorni di apertura tutti i maratoneti saranno inviatati a lasciare il proprio numero di pettorale allo stand MarathonFoto e tentare la fortuna. Verranno estratti i pettorali di tre persone che riceveranno il pacchetto digitale con tutte le loro foto.
Allo stand MarathonFoto durante tutta la durata della fiera potrai visionare in anteprima i prodotti fotografici che verranno offerti!

19:00-20:00 “The Race: Technical & Pratical Advice”
Presentazione del percorso della Venicemarathon ai runners, con segreti e consigli per affrontare al meglio la gara. A cura del Suunto Pacing Team, coordinato da Julia Jones.
Inaugurato oggi Exposport
Venezia, 25 ottobre 2012 - La 27esima Venicemarthon entra finalmente nel vivo con l’inaugurazione della 22°Exposport- La Fiera dello Sport e del tempo Libero, avvenuta questo pomeriggio con l’Assessore allo Sport del Comune di Venezia Andrea Ferrazzi, del Presidente di Idea Venezia Stefano Fornasier, del Presidente del Coni Provinciale Renzo De Antonia, del Presidente Istituzione Grandi Parchi Giovanni Caprioglio, del Presidente del Venicemarathon Club Piero Rosa Salva, del Vice Presidente Massimo Zanotto e del Segretario Generale Lorenzo Cortesi.

 

Il padrone di casa Stefano Fornasier ha illustrato il ricco programma di eventi che intratterranno pubblico e maratoneti da qui a domenica: “Exposport non soffre la crisi del mercato. Anche quest’anno, malgrado le difficoltà economiche, le aziende hanno ritenuto ancora una volta strategico partecipare ad un evento espositivo di questo tipo, che ogni anno richiama oltre 50.000 persone tra atleti e visitatori. Grazie a chi ha creduto in noi, siamo riusciti a confezionare anche quest'anno una fiera che offre qualcosa di diverso all’atleta ”.

 

Exposport è infatti la casa del maratoneta, il luogo dove gli 8.000 iscritti, oltre a ritirare pacco gara e pettorale, vengono a contatto con le ultime novità del running in termini di abbigliamento, di calzature, delle nuove frontiere high-tech dell’allenamento e soprattutto vivono in anteprima la magica atmosfera della Venicemarathon. Exposport diventa da oggi a sabato  il centro nevralgico della Maratona e unavalida e ricca attrazione per il pubblico locale.

 

“I comuni di Mestre e Venezia sono felici che la maratona sia un contenitore di eventi così ampio – interviene l’Assessore Ferrazzi -  e per questo  riteniamo che la Venicemarathon sia una manifestazion importantissima per il nostro territorio, ricambiata con il massimo supporto organizzativo da parte del Comune che nella giornata di domenica mobilità circa 230 persone tra Protezione Civile e Polizia Municipale”.

 

Renzo De Antonia, Presidente Provinciale del Coni, nel porgere i suoi saluti al pubblico ha ricordato l’iniziativa di promozione sportiva ‘Coni Open Sport’ al via da domani al Parco San Giuliano: “Siamo riusciti anche quest’anno ad organizzare la sesta edizione di Coni Open Sport malgrado le vicende interne del Coni che tutti conoscono. Domani mattina attendiamo oltre 1500 bambini delle scuole elementari, e nei prossimi giorni altrettanti delle scuole medie. Ringraziamo per questo la Venicemarathon sempre a disposizione degli altri per promuovere lo sport”.

 

Il villaggio dello sport open air organizzato dal Coni Provinciale Venezia si pone come obiettivo quello di avvicinare i giovani allo sport, dando vita ad un vero e proprio villaggio sportivo all’interno di Parco San Giuliano, con campi prova e percorsi didattici in cui tutti i ragazzi, seguiti da allenatori e tecnici federali, avranno la possibilità di cimentarsi nelle diverse discipline. Saranno presenti le seguenti Federazione e Enti di Promozione: Fiso, Fitet, Fipsas, Fids, Fisi, Fib, Fita, Csi, Libertas, Fgi, Fis, Fipt, Uisp. Coni Open Sport è aperto al pubblico tutti i giorni dalle 9.00 alle 18 e domenica dalle 9 alle 15.

Nella foto di Matteo Bertolin si riconosce: Renzo De Antonia, Lorenzo Cortesi, Piero Rosa Salva e Stefano Fornasier.
27esima Venicemarathon: ottomila maratoneti alla conquista di Venezia
Domenica si corre la 27esima edizione da Stra a Riva Sette Martiri in Venezia. Raggiunta quota record di 8000 iscritti. La gara sarà teletrasmessa da La7. Nuova impresa di Zanardi che correrà con i suoi Bimbingamba. In campo internazionale, tra gli uomini torna il vincitore dell’edizione 2011 Tadese Tolesa Aredo e tra le donne occhi puntati sulle etiopi Eticha e Bedada.


Venezia, 23 ottobre 2012 - La Venicemarathon, presentata ufficialmente questa mattina nelle eleganti sale del Casinò di Venezia, domenica 28 ottobre taglierà il traguardo della 27a edizione e sarà sicuramente ricordata come l’edizione dei record. Da record sono, infatti, i numeri degli iscritti che hanno raggiunto per la prima volta nella storia quota 8.000; i 12.000 partenti alle Family Run, le due corse non competitive di Mestre e Dolo del sabato mattina; i 50.000 euro di fondi raccolti nell’edizione 2011 e destinati ai tre progetti benefici sostenuti dalla maratona (Run For Water – Run for Life, Bimbingamba e Run To End Polio), e da record sono infine i 7.448.476 euro di indotto economico generato dalla maratona dello scorso anno sul territorio. Invariato il percorso rispetto allo scorso anno, con il passaggio in Piazza San Marco che sarà solo l’highlight di un tracciato spettacolare che dalla Riviera del Brenta giunge a Riva Sette Martire, con il tradizionale e suggestivo attraversamento del Canal Grande sul tradizionale ponte di barche che collega la punta della Salute ai Giardini Reali. In caso di acqua alta in Piazza San Marco, la macchina organizzativa predisporrà il percorso B, anch’esso certificato Iaaf.
 

Il Presidente Piero Rosa Salva, dopo aver virtualmente consegnato il testimone a quelli che saranno i protagonisti della Venicemarathon, si è soffermato sulla continua evoluzione e sulle novità che contraddistinguono questa 27esima edizione: “La Venicemarathon è un evento in continua crescita sia da un punto di vista quantitativo, e mi riferisco agli 8000 iscritti alla Maratona e ai 12.000 alle Family Run, sia da un punto di vista qualitativo. La manifestazione è diventata infatti un evento sempre più internazionale e capace di arricchirsi di nuove motivazioni come ad esempio l’importante collaborazione con la Biennale”.

Quest’anno, infatti, per la prima volta tutti i partecipanti alla Maratona troveranno nel pacco gara un coupon valido come ingresso alla Biennale e all’interno di Exposport sarà interessante partecipare ai laboratori pratico-creativo ‘Common PlayGround’ focalizzati sulle tematiche della 13° Mostra Internazionale di Architettura “Common Ground”. Un pullman personalizzato Biennale stazionerà poi all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi del quale si svolgeranno attività ludico-creative per il pubblico.

Grande entusiasmo sulle potenzialità di crescita della maratona sono state espresse dal Sindaco di Stra Mario Collini: “Noi in partenza possiamo spingerci ad ospitare 12.000 atleti, per cui diamo già da ora la nostra disponibilità a far crescere ancora di più la Venicemarathon”.

Maratona come vetrina e promozione, questo il binomio usato dall’Assessore al Turismo del Comune di Venezia Roberto Panciera che ha sottolineato come la Venicemarathon contribuisce a creare turismo di qualità sul territorio, mentre l’Assessore allo Sport Andrea Ferrazzi, esprimendo il suo apprezzamento per i livelli raggiunti dalla manifestazione, ha evidenziato l’importante sostegno che il Comune fornisce all’organizzazione in termini di mezzi, uomini e risorse.

Amico della maratona di Venezia sarà ancora una volta Alessandro Zanardi. Dopo l’emozionante impresa dello scorso anno che vide l’ex pilota di Formula 1 trainare lungo i 42 chilometri del percorso la carrozzina dell’amico Francesco Canali affetto da SLA, quest’anno il bicampione paralimpico correrà assieme a Eric e Sara, due giovani rappresentanti del nuovo progetto sportivo Bimbingamba Sport – Scintille di vita. “Alex – racconta Sergio Campo, dell’Associazione Niccolò Campo – vuole lanciare anche quest’anno un messaggio forte e lo farà dando il via ufficiale al nostro nuovo progetto sportivo che ha come obiettivo quello di dare la possibilità a ragazzi riaffacciarsi alla vita attraverso le emozioni dello sport. Grazie a GS Gestione Sinistri che ci ha donato due nuove handbike, domenica Alex si porterà con sé in gara Sara, diciottenne pavese colpita da mielite ed Eric, diciasettenne di Pergine Valsugana rimasto tetraplegico dopo un’incidente. Il giovane trentino non ha la forza di concludere una maratona da solo per cui Zanardi sta predisponendo la sua handbike in modo da potersi posizionare dietro a quella di Eric e spingerlo nei tratti più duri”.

La gara dei top runners sarà ancora una volta teatro di un’accesa sfida tra Kenya ed Etiopia sia in campo maschile che femminile. Cercherà di bissare il successo dello scorso anno l’etiope Tadese Tolesa Aredo, mentre in campo femminile torna l’etiope bronzo nella passata edizione Fantu Jimma Eticha, ma occhi puntati anche sull’altra etiope Emebt Etea Bedada, Campionessa Mondiale a squadre di Mezza Maratona. Tra gli italiani al via, Giuliano Battocletti e il campione italiano 2012 dei 10 Km su strada Domenico Ricatti, mentre tra le donne ci saranno la campionessa italiana di Maratona 2011 Martina Celi e la specialista delle ultramaratone Monica Carlin.

Per la prima volta nei suoi ventisette anni di storia, Venicemarathon gestirà direttamente la produzione televisiva della gara, che andrà in onda domenica mattina su La7 con oltre 3 ore di trasmissione. “Ci impegneremo a raccontare la gara attraverso prestazioni, tempi, fatica ma cercheremo anche di testimoniare le emozioni vissute dai tanti amatori sul percorso” queste le parole di Roberto Bernabai, responsabile area sport della redazione giornalistica e presente oggi in sala.

Ricchissimo anche quest’anno il calendario di eventi collaterali. Si inizia giovedì 25 ottobre alle ore 16 con l’inaugurazione di Exposport al Parco San Giuliano di Mestre e si prosegue venerdì 26 con il Coni Open Sport, l’iniziativa di promozione sportiva dedicata agli studenti. Sabato 27, alle 10, i protagonisti saranno i giovani delle due Family Run con Stefano Baldini, Bebe Vio, Giusy Versace e Martina Caironi, mentre il pomeriggio sarà dedicato al Convegno ‘L’indotto di grandi eventi sportivi - Case history: Venicemarathon e Gran Premio di Formula 1 di Monza’ a cura della Camera di Commercio di Venezia e A.S.D. Venicemarathon Club.

Erano presenti in sala questa mattina anche: Raffaele Speranzon, Assessore allo Sport della Provincia di Venezia; Osvaldo Zucchetta, Consigliere Nazionale Fidal, Gianfranco Bardelle, Presidente Coni Veneto, Giovanni Paolo Valente, Presidente Fidal Veneto, Vito Vittorio Presidente Fidal Provinciale; Vittorio Ravà, Amministratore Delegato Casinò di Venezia e Lorenzo Cortesi, Segretario Generale Venicemarathon Club.

 

 VENICEMARATHON IN PILLOLE

 

Record d’iscritti

Da record sono i numeri degli iscritti saliti quest’anno a 8.000, 1.000 in più rispetto la passata edizione, con iscrizioni già chiuse al mese di maggio. Da record sono anche gli iscritti stranieri, che salgono ad oltre 2.000 con 63 nazioni presenti e il numero di donne partecipanti che ha raggiunto quota 1.403. I paesi più rappresentati, dopo l’Italia, sono la Francia, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Tra le regioni italiane, dopo ovviamente il Veneto, si posizionano la Lombardia e l’Emilia Romagna, mentre le province più numerose sono Venezia, Padova, Treviso e Milano.

 

Curiosita’ iscritti

I nomi italiani più comuni sono: Silvia per le donne e Andrea per gli uomini. In campo internazionale: Catherine e David. In termini di età, gli atleti più maturi sono Amilcare di 83 anni ed Eleonora di 73, mentre i più giovani sono Andrea di 20 anni e Cloesiana di 21. Tra gli stranieri, il più anziano è Yves di 77 anni e la più anziana Raymonde di 70 anni, mentre i più giovani sono Daniel di 20 anni e Julie di 21 anni. Il giorno della maratona saranno in 40, tra uomini e donne, a festeggiare il compleanno. Tra le professioni indicate dagli iscritti, spicca quella di Danilo: sacerdote. I gruppi sportivi più numerosi sono il Venicemarathon Club con 64 iscritti, la Polisportiva Biancazzurra Pettinelli con 63, la Essetre Running con 61 e il Brema Running Team con 56 iscritti.

 

La produzione televisiva

Per la prima volta nei suoi ventisette anni di storia, Venicemarathon gestirà direttamente la produzione televisiva della trasmissione, che andrà in onda domenica mattina su La7 e consentirà una copertura completa della gara, con un occhio di riguardo non solo per i top runners, ma anche per le migliaia di amatori. Il coordinamento delle oltre 60 persone coinvolte sarà a cura di Infront Sports & Media, azienda leader nel settore dei diritti e della produzione televisiva di eventi sportivi, che oltre ad essere advisor della Lega Calcio gestisce i diritti della gare FIS di sci alpino e nordico.

Lungo il percorso saranno posizionate 9 telecamere fisse (1 alla partenza, 2 al Parco San Giuliano, 6 nel tratto finale a Venezia) alle quali si aggiungeranno le immagini trasmesse da 3 moto e da un elicottero con telecamera Cineflex. Il tratto delle Zattere sarà ripreso anche da telecamere montate su una bicicletta e su un motoscafo, per consentire inquadrature inedite. Per permettere ai giornalisti de La7 di svolgere al meglio il proprio lavoro, sono state inoltre previste telecamere a spalla alla partenza, a San Giuliano e all’arrivo.

La regia principale sarà all’interno della Unit 18-HD di Telerecord, posizionata su un pontone galleggiante ormeggiato in Riva Sette Martiri, mentre sia a Stra sia al Parco di San Giuliano saranno collocate regie ausiliarie.

 

Il percorso

Invariato il percorso rispetto allo scorso anno. Il passaggio in Piazza San Marco è solo l’highlight di un tracciato spettacolare nella sua interezza: dai primi chilometri che attraversano la Riviera del Brenta, unendo idealmente i comuni di Stra, Fiesso d'Artico, Dolo e Mira, al tratto intermedio nella terraferma veneziana (Malcontenta, Marghera e Mestre), dove la gara si inserisce gradualmente nel cuore del tessuto urbano, integrazione che culmina con il passaggio in Piazza Ferretto, ‘il salotto buono’ di Mestre.

Attraversati gli ampi spazi del Parco San Giuliano e giunti al termine del Ponte della Libertà, i maratoneti si dirigeranno verso Santa Marta, percorrendo l’area recentemente ristrutturata che ospita gli edifici dell’Autorità Portuale e della Capitaneria di Porto, per poi proseguire lungo le Zattere fino all’attraversamento del Canal Grande sul tradizionale ponte di barche, installato da Insula, che con i suoi 166 metri collega per un giorno Punta della Dogana alla riva davanti ai Giardini ex-Reali.

I runners faranno il loro ingresso in Piazza San Marco transitando tra le colonne di San Todaro (sormontata dalla statua di S. Teodoro, primo protettore della città, che uccide un drago) e di San Marco (con il tradizionale leone alato sulla sommità), attraversando quindi quello che era l’accesso monumentale della Serenissima per chi proveniva dalla laguna.

Il “giro d’onore” all’interno della Piazza consentirà di ammirare il Museo Correr, il Caffè Florian, le Procuratie, la Basilica di San Marco e la Torre dell’Orologio. Tornando verso la laguna gli atleti passeranno una seconda volta per la Piazzetta San Marco, tra Palazzo Ducale e Libreria Marciana, per poi uscire dal medesimo varco tra le colonne e, svoltando a sinistra, ritornare sul percorso di gara tradizionale che raggiunge in meno di un chilometro il traguardo di Riva Sette Martiri.

Il percorso – sul quale sarà dislocata la maggior parte degli oltre 2.000 volontari di Venicemarathon – sarà interamente chiuso al traffico, grazie all’aiuto della Polizia Stradale, della Polizia Municipale, dei Vigili del Fuoco e al preziosissimo supporto degli oltre 400 volontari della Protezione Civile, coordinati dall’Assessorato Provinciale di Venezia. Al termine della corsa le strade interessate dal passaggio della gara saranno prontamente ripulite da Veritas, la multiutility pubblica che gestisce l’igiene urbana a Venezia e in buona parte della provincia.

 

 

Prima e durante la maratona

La gara sarà ancora una volta aperta dalla sfilata motociclistica “Harley Davidson & Custom Bikes” organizzata dall’associazione Ancient Dragons, mentre il passo degli atleti sarà scandito dai gruppi Rock, Pop e Blues di “Anima la Maratona” e dai tanti tifosi, che si attrezzeranno con pentole e strumenti musicali improvvisati per incitare i maratoneti. Inoltre, grazie alla collaborazione con l’Assessorato al Commercio del Comune di Venezia e l’Associazione Commercianti di Piazza San Marco, durante il passaggio in Piazza San Marco gli atleti potranno godere anche della musica delle famose orchestre degli storici locali che si affacciano sulla Piazza.

 

Una maratona di numeri

Sono più di 8.000 le t-shirt tecniche preparate da Asics per gli atleti partecipanti alla Venicemarathon, alle quali si aggiungo altri 5.000 capi di abbigliamento (tra t-shirt, gilet e jacket, in tessuto tecnico e dagli accattivanti colori) destinati a staff e volontari. Acqua San Benedetto fornirà 75.000 bottigliette e 10.000 bicchieri, mentre saranno quasi 30.000 i litri di Gatorade (tra bottiglie per pacchi gara e ristoro finale, e l’integratore servito in 60.000 bicchieri ai ristori) che mette anche a disposizione degli atleti 10.000 teli termici da indossare dopo l’arrivo. Palmisano fornirà 14.000 confezioni di biscotti “Bussolai” da inserire nei pacchi gara, 8.000 confezioni di barrette alle mandorle per il ristoro finale, 20.000 pezzi di biscotteria tradizionale sfusa per i ristori lungo il percorso e 1.200 confezioni per l’Area Ospitalità. Infine Coldiretti offrirà 20 quintali di mele e 20 quintali di arance. Arricchiranno i ristori anche 35 quintali di banane provenienti dal Sud America. Renault metterà a disposizione 10 furgoni e 20 auto per gestire al meglio la complessa logistica dell’evento, che si avvale anche dell’official carrier Air France.

Per il trasporto delle sacche, che gli atleti consegneranno alla partenza per poi ritrovarle in arrivo, saranno impiegati 8 autotreni, 10 barche e 100 persone dedicate.

Lungo il percorso, il ponte di barche appositamente realizzato per la gara è lungo166 metri e largo 3,6 metri, posto ad una altezza di 1,2 m dal livello dell’acqua ed è composto da 7 moduli e 14 galleggianti che lo sorreggono. Per garantire la sicurezza degli atleti e chiudere strade ed incroci verranno utilizzati 40 km di nastro segnaletico, oltre 10.000 metri di transenne e saranno impegnati più di 2.000 volontari a presidio di incroci, ristori e spugnaggi. 20.000 saranno le spugne utilizzate e prontamente raccolte dai volontari. Il primo soccorso sarà garantito da 1 motomedica, 2 automediche, 7 ambulanze, 3 idroambulanze, 10 squadre di pronto intervento a piedi, 10 squadre di pronto intervento in bicicletta all'interno del Parco di San Giuliano e 3 postazioni fisse. Complessivamente, saranno a sostegno del soccorso della gara 7 medici, 21 infermieri professionali, 40 soccorritori della Croce Verde.

Per trattare eventuali problemi muscolari vi sarà inoltre all'arrivo un servizio di Assistenza Fisioterapica, gestito da Natura House – Leopard Sport, con 15 fisioterapisti, che si affiancherà all’area destinata al recupero attivo con gli elettrostimolatori Compex.

 

Pasta e Fagioli Party

Novità di quest’anno sarà il Pasta e Fagioli Party, offerto nella splendida sede de La Serra dei Giardini, che rifocillerà gli atleti al termine della maratona con un piatto tipico della tradizione veneziana come la pasta e fagioli in collaborazione con Pasta Zara e Coldiretti. Giovedì 25 ottobre la cooperativa sociale Nonsoloverde invita tutti i bambini della cittadinanza veneziana ad abbellire il percorso finale della maratona con fiori e fioriere assieme ai giardinieri de La Serra dei Giardini

 

Premi speciali

Le prime tre donne e i primi tre uomini saranno premiati con trofei in vetro di Murano appositamente realizzati dal Consorzio Promovetro. Il primo veneziano e la prima veneziana che taglieranno il traguardo di Riva Sette Martiri saranno premiati da Banco San Marco mentre il premio speciale Trofeo Sprint sarà consegnato da Il Gazzettino all’atleta del Veneto o del Friuli Venezia Giulia che supererà per primo la linea d’arrivo. E proprio su Il Gazzettino di lunedì 29 ottobre saranno disponibili le classifiche complete, pubblicate in esclusiva.

 

Servizio foto e video personalizzato

Le foto ufficiali della 27ª Venicemarathon verranno realizzate da MarathonFoto, fornitore delle più importanti maratone mondiali tra cui Berlino, Londra e Boston, e saranno disponibili per gli atleti nei giorni immediatamente successivi alla gara. Sabato 27, alle 18:30, presso lo stand MarathonFoto all’interno di Exposport ci sarà l’estrazione: “Vinci le tue foto ricordo alla 27a Venicemarathon”, con in palio il pacchetto digitale con tutte le foto della maratona.

Il servizio video sarà invece realizzato da MySports e consentirà a tutti i partecipanti di vedere il proprio filmato personalizzato nelle 24 ore successive alla maratona, con riprese effettuate nei tratti più significativi del percorso. Gli highlights saranno visibili a tutti gli atleti, grazie alla sponsorizzazione del servizio da parte di Asics.

 

Classifiche e tecnologia di cronometraggio

Le classifiche saranno elaborate da Timing Data Service attraverso l’utilizzo esclusivo di un sistema elettronico (soluzione consentita dal regolamento IAAF entrato in vigore dopo il Campionato Mondiale di Corsa su Strada del 2007). Il transponder (comunemente chiamato “chip”) apposto sul pettorale dei maratoneti verrà rilevato dalle antenne posizionate a terra, che registrano il passaggio e consentono di calcolare immediatamente la classifica parziale e finale. I tempi di passaggio degli atleti potranno essere seguiti su internet in tempo reale sul sito www.tds-live.com.

 

Official timing

Il tempo di maratona sarà scandito dagli orologi Suunto, official timing della corsa. Gli atleti potranno inoltre usufruire del Suunto Pacing Team, costituito da gruppi di corridori, facilmente riconoscibili grazie a palloncini colorati, che facendo l’andatura ad un ritmo costante garantiscono di terminare la gara in un tempo prestabilito. Queste le fasce orarie: 2h50’ - 3h00’ - 3h10’ - 3h20’ - 3h30’ - 3h40’ - 3h50’ - 4h00’ - 4h15’ - 4h30’ - 5h00’ - 6h00’.

 

Trasporti per gli atleti

Grazie alla preziosa collaborazione con il gruppo Actv sarà a disposizione per tutti gli atleti un servizio navette sia per il trasporto verso la partenza sia per il rientro dall’arrivo verso i punti di raccolta. Le navette partiranno dalla zona del Tronchetto e dalla stazione ferroviaria di Mestre la mattina prima della corsa. Terminata la gara, gli atleti potranno usufruire di un trasporto lagunare che li riporterà nella zona del Tronchetto e da lì di autobus riservati per raggiungere la partenza o la stazione di Mestre. Tutti i trasporti nei mezzi riservati sono gratuiti ed esclusivamente per i maratoneti.

 
Convegno “Storie di Sport”

Nell’ambito degli eventi collaterali di Venicemarathon, mercoledì 24 ottobre alle ore 20:45 Villa Foscarini Rossi a Stra ospiterà la tavola rotonda “Storie di Sport” promossa e organizzata dalla Atletica Riviera del Brenta, ASD Venicemarathon Club, Dolo Sport e dall’Assessorato allo Sport e alla Cultura del Comune di Stra. Racconteranno la loro storia Andrea Marcato, nuotatore Campione del Mondo Master (M35), Alvise De Vidi, argento suoi 100 m. alle ultime Paralimpiadi di Londra, Ruggero Pertile, il maratoneta padovano 10° ai Giochi di Londra, Vittorio Carrara pluricampione del Mondo Master di Scherma e Eleonora Calzavara, medaglia d'argento ai recenti campionati italiani cadetti di Jesolo.
Verso la 27esima Venicemarathon con un'anteprima ricchissima di eventi
Presentato oggi il ricco cartellone di eventi e iniziative collaterali alla 27esima Venicemarathon del prossimo 28 ottobre.

 

La Venicemarathon si prepara a celebrare la 27esima edizione del prossimo 28 ottobre con un’anteprima, come sempre, ricca di eventi, convegni, incontri, dibattiti, concorsi ed iniziative speciali. Una settimana dello sport che inizierà domenica 20 ottobre con l’iniziativa Venezia in Salute e che vivrà il suo clou da giovedì 25 con l’apertura di Exposport – la fiera dello sport e del tempo libero, l’iniziativa Coni Open Sport ma soprattutto con le due Family Run dove sono attesi, tra Mestre e Dolo, circa 12.000 studenti. Campioni olimpici come Stefano Baldini, Bebe Vio, testimonial dell’evento, Giusy Versace e Martina Caironi arricchiranno ulteriormente queste iniziative di contorno.

Il ricco calendario è stato illustrato questa mattina nel corso di una conferenza stampa all’ hotel Hilton Garden Inn, nuovo quartier generale della Venicemarathon, alla presenza dell’Assessore allo Sport del Comune di Venezia Andrea Ferrazzi, al Presidente del Coni Venezia Renzo De Antonia, al Presidente del Venicemarathon Club Piero Rosa Salva, al Presidente di Idea Venezia Stefano Fornasier e al Segretario Generale Lorenzo Cortesi.

“La Venicemarathon, grazie alle sue iniziative collaterali, è riuscita a creare nel territorio quella moltitudine di sinergie che l’hanno resa un contenitore di straordinaria capacità. Anche quest’anno, malgrado il momento di crisi che l’Italia sta attraversando, siamo riusciti a realizzare una fiera dello sport e del tempo libero con la presenza di molte aziende e di alta qualità. Inoltre quest’anno abbiamo voluto dare risalto alle eccellenze enogastronomiche del nostro territorio con ‘Osteria Veneta’ la nuovissima area food & beverage dedicata ai prodotti veneti, presente all’Expo” – queste le parole di Stefano Fornasier.

Anche l’Assessore allo Sport Andrea Ferrazzi ha ribadito il valore promozionale della Venicemarathon: “La Venicemarathon è una vetrina della nostra città e del nostro territorio unica a livello mondiale e rappresenta una ricchezza perché nel giorno della maratona Venezia si mobilita e non rimane solo uno splendido palcoscenico.”

“Sono contenta di essere testimonial della Family Run di Mestre - racconta Bebe Vio - perché l’associazione art4sport fondata dai miei genitori in aiuto dei bambini protesizzati è nata proprio in quest’occasione tre anni. Sabato 27 ottobre saremo in tanti, ho invitato anche due campionesse come Martina Caironi e Giusy Versace, e ci divertiremo a percorrere i 3,5 km di gara in sella a speciali tricicli. Speriamo di non fare danni!”

Exposport
Si inizia giovedì 25 ottobre alle ore 15.00 con l’apertura di Exposport al Parco San Giuliano di Mestre e la sua successiva inaugurazione, alle ore 16.00. Exposport sarà come sempre il cuore di tutte le attività della maratona e il punto di ritrovo dei maratoneti, dove oltre a ritirare il pettorale potranno conoscere le ultime novità sul mondo del running. La superficie fieristica occupata sarà di 12.000 mq totali tra area coperta e scoperta e saranno più di 100 le aziende rappresentate. Lo scorso anno i visitatori furono 40.000 e tra le molte attività che animeranno la tre giorni di fiera da non perdere la tavola rotonda proposta dalla Coldiretti dal titolo ‘L’Energia dei prodotti della Terra per correre la Maratona’, in programma di venerdì 26 ore 15 e il dibattito promosso e organizzato dall’Ufficio Eliminazione Barriere Architettoniche e da “Città per Tutti” del Comune di Venezia: ‘Le buone pratiche per una città accessibile - Esperienze a confronto’ in programma sempre venerdì alle ore 17.

Family Run
La mattinata di sabato 27 ottobre (con ritrovo ore 9.00 e partenza ore 10.00) vedrà come protagonisti i giovani nelle Family Run, le due corse non competitive che si correranno in contemporanea a Mestre, nel Parco San Giuliano, e a Dolo in Riviera del Brenta. A Mestre la scatenata folla di studenti sarà trainata dal campione olimpico di maratona di Atene 2004 Stefano Baldini, da Bebe (Beatrice Vio) e alcuni degli amici dell’associazione fondata dai suoi genitori in aiuto di bambini protesizzati art4sport che per l’occasione ha invitato campionesse paralimpiche come Martina Caironi, oro ai Giochi di Londra sui 100 metri nella cat, T42 e Giusy Versace, primatista italiana dei 100 e 200 metri nella cat. T43. A Dolo, il 4° Memorial “Lorenzo Trovò” vedrà al via l’olimpionico del nuoto Simone Cercato e l’handbiker veneto Pietro Martire. Anche quest’anno, la famiglia Trovò donerà un personal computer alla scuola elementare più numerosa.
A tutti i partecipanti verrà regalata la maglietta ufficiale Alì Aliper, prodotta esclusivamente in Italia con materiali che rispettano e tutelano l’ambiente, e il pettorale Banco San Marco

Il Convegno
Sabato 27 ottobre, a partire dalle ore 15.00 l’Hotel Hilton Garden Inn ospiterà il Convegno ‘L’indotto economico di grandi eventi sportivi - Case History: Venicemarathon e Gran Premio di Formula 1 di Monza’ promosso e organizzato dalla Camera di Commercio di Venezia e dalla ASD Venicemarathon Club, in collaborazione con CISET - (Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica dell’Università Ca' Foscari di Venezia) e la Camera di Commercio di Monza Brianza. Il Convegno pone a confronto due grandissimi eventi come la Venicemarathon e il Gp di Formula 1 di Monza, sottolineando la capacità dei grandi eventi di sviluppare indotto economico ed opportunità di crescita per il territorio ospitante. Interverranno il Presidente della Camera di Commercio di Venezia Giuseppe Fedalto, il Presidente della Camera di Commercio di Monza Carlo Edoardo Valli, la Direttrice del CISET Mara Manente, il Dirigente Turismo della Regione Veneto Paolo Rosso, il Segretario Generale della Camera di Commercio di Venezia Roberto Crosta e il Segretario Generale della Camera di Commercio di Monza Renato Mattioni.

Coni Open Sport
All’esterno della fiera, da venerdì 26 prenderà il via la sesta edizione di Coni Open Sport, l’iniziativa di promozione sportiva rivolta ai giovani, organizzata come ogni anno dal Comitato Provinciale di Venezia. Saranno presenti le seguenti Federazione e Enti di Promozione: Fiso, Fitet, Fipsas, Fids, Fisi, Fib, Fita, Csi, Libertas, Fgi, Fis, Fipt, Uisp.

Venezia Accessibile e la Parent’s Fun
Nell’ambito dei progetti di abbattimento delle barriere architettoniche del Comune di Venezia e della Conferenza Stampa ‘Venezia Accessibile - quando le barriere si superano di corsa’ in programma venerdì 26 ottobre ore 15 all’Hotel Metropole di Venezia, prenderà il via anche la prima Parents’ Fun, una camminata di mamme con il passeggino che dalla Chiesa della Pietà arriverà ai Giardini. Obiettivo dell’iniziativa è quello di testimoniare che le rampe di legno che rivestono i ponti della città in occasione della maratona sono molto utili a mamme con passeggini, persone con difficoltà a camminare e persone con trolley e carelli e che queste rampe dovrebbero rimanere posate più a lungo. Questa camminata nasce da un’idea del gruppo Mamme con le Rampe in collaborazione con Venicemarathon e il Comune di Venezia. Il ritrovo è alle ore 16.00 alla Chiesa della Pietà.

La conferenza stampa ufficiale di presentazione della 27° Venicemarathon è in programma martedì 23 ottobre, ore 12.00, al Casinò di Venezia.


CALENDARIO EVENTI 27° VENICEMARATHON

SABATO 20 / DOMENICA 21 OTTOBRE
10:00-18.00 Venezia in Salute: l’Ordine dei Medici di Venezia, in collaborazione con il Venicemarathon Club, presenta:
una vetrina dove Enti, Associazioni, Aziende ULSS e professionisti della salute potranno confrontarsi e proporre le migliori pratiche assistenziali ed offrire alla popolazione informazioni sui corretti stili di vita
all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi della Porta Rossa, a Venezia Mestre
MARTEDI 23 OTTOBRE
12:00 Presentazione ufficiale della 27ª Venicemarathon
presso il Casinò Municipale di Venezia – Ca’ Vendramin Calergi – Cannaregio, 2040 - Venezia
GIOVEDI 25 OTTOBRE
10:30 Presentazione della Family Run Riviera del Brenta - “4° Memorial Lorenzo Trovò”
presso l'Istituto Superiore Galileo Galilei - via Curzio Frasio, 27 - Dolo
15:00-20:00 Exposport 2012
Fiera dello Sport e del Tempo Libero, 22a edizione presso la struttura espositiva collocata all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi della Porta Rossa, a Venezia Mestre
16:00 Cerimonia di inaugurazione 22ª Exposport – Fiera dello Sport e del Tempo Libero
presso la struttura espositiva collocata all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi della Porta Rossa, a Venezia Mestre
VENERDI 26 OTTOBRE
9:00-18:00 CONI Open Sport 2012
all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi della Porta Rossa, a Venezia Mestre
10:00-20:00 Exposport 2012
presso la struttura espositiva collocata all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi della Porta Rossa, a Venezia Mestre
14:30 Presentazione del Progetto “Venezia Accessibile” e inaugurazione delle rampe
presso l’Hotel Metropole in Riva degli Schiavoni – Venezia
A seguire PASSEGGIATA NON COMPETITIVA “MAMME IN RAMPA” – Partenza Hotel Metropole/Arrivo Serra dei Giardini
21:00 Welcome Dinner
presso il Casinò Municipale di Venezia - Ca’ Vendramin Calergi – Cannaregio, 2040 – Venezia
SABATO 27 OTTOBRE
9:00 Family Run 2012 - Mestre
in collaborazione con Alì Supermercati e Banco San Marco e con la partecipazione di Stefano Baldini Corsa non competitiva aperta a tutti su percorso di 3 km ritrovo al Parco San Giuliano a Venezia Mestre, partenza alle ore 10:00
Family Run 2012 - Riviera del Brenta “4° Memorial Lorenzo Trovò”
in collaborazione con Alì Supermercati e Banco San Marco e con la partecipazione di Antonella Munaro e Pietro Martire Corsa non competitiva aperta a tutti su percorso di 3 km
ritrovo presso il Centro Sportivo “Walter Martire” di via Arino a Dolo, partenza alle ore 10:00
9:00-20:00 Exposport 2012
presso la struttura espositiva collocata all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi della Porta Rossa, a Venezia Mestre
9:00-18:00 CONI Open Sport 2012
all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi della Porta Rossa, a Venezia Mestre
12:00 Presentazione ufficiale dei Top Runners della 27a Venicemarathon
presso il Venicemarathon Official Hotel and Media Center - Hilton Garden Inn - Via Orlanda, 1 - Venezia Mestre
15:00-18:00 Convegno “L’indotto di grandi eventi sportivi” Case history: “Venicemarathon e Gran Premio di Formula 1 di Monza”
a cura di Camera di Commercio di Venezia e A.S.D. Venicemarathon Club
presso il Venicemarathon Official Hotel and Media Center - Hilton Garden Inn - Via Orlanda, 1 - Venezia Mestre
DOMENICA 28 OTTOBRE
09:00-18:00 CONI Open Sport 2012
all’interno del Parco San Giuliano, nei pressi della Porta Rossa, a Venezia Mestre
9:00-15:00 Anima la Maratona
Attività di intrattenimento musicale lungo il percorso della 27a Venicemarathon
9:00 Sfilata motociclistica Harley Davidson & Custom Bikes
Organizzata dall’associazione Ancient Dragons
da Fiesso d’Artico al Parco San Giuliano (Venezia Mestre)
9:00 Accesso all’Area Ospitalità
L’accesso è riservato agli ospiti di Venicemarathon
presso la motonave “Il Doge” attraccata in Riva Sette Martiri - Venezia
9:15-15:30 27a Venicemarathon
Maratona Internazionale di Venezia
partenza da Stra, arrivo a Venezia in Riva Sette Martiri

Nella foto di Matteo Bertolin, la presentazione della maglietta e del pettorale della Family Run. Si riconoscono da sinistra a destra: Stefano Fornasier (Presidente Idea Venezia), Andrea Ferrazzi (Ass. Sport del Comune di Venezia), Piero Rosa Salva (Presidente Venicemarathon), Bebe Vio, Lorenzo Cortesi (Segretario Generale Venicemarathon), Giulia Levorato (Ali Aliper), Renzo De Antonia (Coni Venezia) e Tommaso Voltolina (Banco San Marco)
Record di iscritti e di donazioni benefiche

Record d'iscritti per la 27a Venicemarathon del prossimo 28 ottobre e 50.000 euro di ricavi per i progetti solidali

Inizia il countdown verso la 27esima edizione del prossimo 28 ottobre, ma in casa Venicemarathon è già record di iscritti. Saranno 8.000 quest'anno i partenti, 1.000 in più rispetto alla passata edizione, grazie a nuove soluzioni organizzative in partenza e arrivo che hanno permesso agli organizzatori di alzare il tetto massimo di partecipanti, garantendo comunque la massima qualità nei servizi. Ma la conferenza stampa, che ha avuto luogo questa mattina all’hotel Hilton Garden Inn di Mestre nuovo quartier generale della Venicemarathon, alla presenza dell’Assessore allo Sport del Comune di Venezia Andrea Ferrazzi, dell’Assessore allo Sport della Provincia di Venezia Raffaele Speranzon, del Sindaco di Fiesso d’Artico Andrea Martellato, dell’Assessore ai Lavori Pubblici di Stra Giuseppe Cavallin, del Presidente del Coni Veneto Gianfranco Bardelle e di quello provinciale Renzo De Antonia, del Presidente della Fidal Provinciale Vito Vittorio e del Presidente della Venicemarathon Piero Rosa Salva, è stata soprattutto l’occasione per stilare il lusinghiero bilancio della solidarietà.

La raccolta fondi legata all’edizione del 2011 ha raggiunto l’importante cifra di 50.000 euro, devoluti ai tre progetti solidali sostenuti dalla maratona: Run For Water - Run For Life, Bimbingamba e Run to End Polio. Africa Mission Cooperazione e Sviluppo potrà così realizzare nella regione ugandese del Karamoja altri 2 pozzi per l’acqua potabile e riabilitare altrettante fonti idriche già esistenti. Questi si andranno ad aggiungere agli 11 pozzi e alle 3 riattivazioni realizzate dal 2006 ad oggi con il progetto Run for Water, Run for Life. L’Associazione Niccolò Campo, che assieme ad Alessandro Zanardi dà vita al progetto ‘Bimbingamba’ grazie alla Venicemarathon ha potuto fornire protesi cinetiche per le braccia a Stacey Jebet Sang (Kenya, nato nel 1999), protesi per arto inferiore a Kante Sidiki (Guinea, nata nel 2004) e due protesi per arto inferiore a Doumbouya Massaba (Guinea, nata nel 1998). Soddisfazione anche per il Rotary Club Venezia Riviera del Brenta che, in collaborazione con il Distretto Rotary 2060, grazie al progetto “Run to End Polio” ha devoluto tutto il ricavato dalla vendita dei pettorali ‘solidali’ alla Fondazione Rotary per il progetto Polio Plus e debellare la poliomielite nel mondo.

“Già nell’edizione 2011 – è intervenuto il Presidente Rosa Salva – avevamo testato soluzioni organizzative in partenza e arrivo rivelatesi positive e al termine della gara avevamo annunciato che saremmo potuti salire a 7.500 iscritti. Nel corso dell’inverno, vista l’incessante richiesta soprattutto da parte di atleti stranieri, abbiamo deciso di incrementare di altre 500 unità. Ma siamo orgogliosi di essere qui a presentare i risultati ottenuti dalla raccolta fondi solidali legata all’edizione 2011. La solidarietà è parte integrante della nostra storia, siamo stati tra i primi ad aprire con l’Unicef, circa 20 anni fa, la strada delle charities e nel corso degli anni abbiamo sposato diversi progetti. Sport e solidarietà sono per noi un binomio imprescindibile.”

“La Venicemarathon è l’evento bandiera del nostro territorio – ha commentato l’Assessore Ferrazzi – perché la Venicemarathon non è solo una maratona ma una serie di eventi che durano tutto l’anno e si inseriscono nel tessuto sociale, aiutando anche molte attività e realtà locali a crescere. Il Comune di Venezia è impegnato a supportare il Venicemarathon Club proprio per le capacità che ha questo evento di crescere e di arricchirsi".

Grande soddisfazione è stata poi espressa dai rappresentanti dei progetti benefici intervenuti questa mattina: Carlo Antonello - Presidente di Africa Mission Cooperazione e Sviluppo, Sergio Campo - Presidente dell’Associazione Niccolò Campo e il Governatore del Rotary Distretto 2060 Alessandro Perolo, che hanno pubblicamente ringraziato Venicemarathon e tutti coloro che hanno voluto aiutare i progetti attraverso l'acquisto di pettorali solidali e altre forme di donazioni.

Contribuiscono in maniera importante a rendere la Venicemarathon una manifestazione di successo aziende come: Asics (technical sponsor), il Banco San Marco (financial sponsor), Gatorade (official sports drink), Suunto (official timing), Renault (official car), Hilton Garden Inn (official hotel), Il Gazzettino (media partner) e il Casinò di Venezia. Official suppliers come Air France-KLM, Labocaina, Acqua Minerale San Benedetto, Pepsi, Lipton Ice Tea, Gruppo Veritas, Insula che allestirà l’ormai famoso ponte sul Canal Grande, Actv, Compex, Coldiretti Venezia, Leopard, Méthode, Biscotti Palmisano, Supermercati Alì & Aliper, Studio 5, Sara Assicurazioni, Timing Data Service, MarathonFoto, Ekologica Services e Promovetro che fornirà i premi ufficiali.

Preziosissimo è anche come sempre il supporto della Città di Venezia e dei Comuni di Stra, Fiesso d’Artico, Dolo e Mira, il contributo economico e operativo della Regione Veneto, della Provincia di Venezia, della Prefettura, della Questura, dell’Autorità Portuale di Venezia della Protezione Civile del territorio, della Camera di Commercio, di Venezia Opportunità, dell’Istituzione Bosco e Grandi Parchi di Mestre, dei Vigili del Fuoco, della Polizia di Stato, Stradale, delle Telecomunicazioni e di Frontiera, dei Carabinieri, delle Polizie Municipali, e di tutte le altre Istituzioni e Forze dell’Ordine. Sono inoltre a fianco di Venicemarathon le Istituzioni Sportive: Iaaf, Coni, Fidal, Aims, Maratone Italiane ed il C.I.P. (Comitato Italiano Paralimpico), visto il forte impegno della Venicemarathon nell’abbattimento delle barriere architettoniche.

Nella foto di Matteo Bertolin si riconoscono da sinistra a destra: Il Governatore del Rotary Distretto 2060 Alessandro Perolo, Sergio Campo dell’Associazione Niccolò Campo, l’Assessore allo sport della Provincia Raffaele Speranzon, Carlo Antonello Presidente di Africa Mission Cooperazione e Sviluppo, l’Assessore allo Sport del Comune Andrea Ferrazzi, il Presidente del Venicemarathon Club Piero Rosa Salva, il Sindaco di Fiesso d’Artico Andrea Martellato e l’Assessore ai Lavori Pubblici di Stra Giuseppe Cavallin.

Grazie Alex!

Venicemarathon si congratula con il suo amico Alex Zanardi per gli straordinari risultati ottenuti alle Paralimpiadi di Londra: 2 ori (gara in linea e cronometro individuale) e 1 bronzo (staffetta). Bravissimo Alex! Grazie!

Intanto, sono terminata anche le ultima possibilità di correre la 27ª edizione di Venicemarathon con i Pettorali Solidali: tre progetti (Run for Water, Bimbingamba - di cui il testimonial è proprio Alex, e Run to End Polio) che grazie a voi potranno continuare le proprie attività benefiche.

Non ci resta che dare appuntamento a tutti al prossimo 25 ottobre con l’inaugurazione di Exposport e l’inizio di tutti gli eventi Venicemarathon che si concluderanno con la grande gara della domenica. Rimanete aggiornati su novità ed iniziative sulla prossima edizione di Venicemarathon seguendo il sito ufficiale www.venicemarathon.it , la pagina facebook Venice Marathon ed il gruppo Official Website Venicemarathon.

… e per chi non è riuscito ad iscriversi per quest’anno: iscrizioni per Venicemarathon 2013 aperte dal 29 ottobre 2012!

Inizia il count-down verso la chiusura iscrizioni
In casa Venicemarathon è iniziato il conto alla rovescia per la chiusura delle iscrizioni alla 27a Maratona di Venezia del prossimo 28 ottobre. Sono già più di 5.000 i pettorali assegnati sui 7.000 disponibili e a breve, sul sito ufficiale della manifestazione www.venicemarathon.it, comparirà un contatore che ne aggiornerà la disponibilità giornaliera.

Gli organizzatori si avvicinano quindi a grandi passi verso la chiusura anticipata delle iscrizioni, che come avviene ormai da qualche anno, si compie nel mese di maggio, periodo in cui i maratoneti concludono la prima parte di stagione e iniziano a pianificare gli appuntamenti dell’autunno.

Anche quest’anno si potrà correre per una buona causa e scegliere di acquistare i pettorali speciali che Venicemarathon abbina ai tre progetti benefici come Run for Water - Run For Life, Bimbingamba e Run To End Polio. 1.000 sono i pettorali speciali a disposizione, acquistabili solo online e disponibili già dal mese di gennaio. Si potrà fare del bene anche attraverso donazioni spontanee destinate ai tre progetti, all’atto dell'acquisto di pettorali tradizionali.

Chi correrà la Venicemarathon per fare del bene potrà così scegliere di aiutare Africa Mission Cooperazione e Sviluppo, la Onlus che da più di trent’anni opera in Africa per raccogliere fondi da utilizzare per la costruzione di pozzi d’acqua in Uganda, oppure correre a fianco del progetto di Alex Zanardi per la costruzione di protesi ai bambini, o sostenere il Rotary International per la campagna globale di immunizzazione anti-poliomielite.

Ci si avvicina a grandi passi anche verso la 2a Moonlight Half Marathon. Mancano ormai solo tre settimane alla mezza maratona organizzata dal Venicemarathon Club, che si correrà sabato 12 maggio al chiaro di luna da Cavallino Treporti a Jesolo. Anche in questo caso, per garantire alti standard di qualità nei servizi agli atleti, Venicemarathon ha posto un tetto massimo di 3.500 pettorali, e dopo gli ottimi risultati fatti registrare lo scorso anno, cresce sempre di più l’attesa.
Venicemarathon protagonista al Salone del Turismo Accessibile
Quando si parla di sport e di turismo accessibile la Venicemarathon è sempre presente. L’occasione, questa volta, è stata Gitando.all, la prima manifestazione in Italia dedicata al turismo e allo sport fruibile a tutti, organizzato all’interno del Salone del campeggio e del turismo, andato in scena alla Fiera di Vicenza da giovedì 22 a domenica 25 marzo.

Nello spazioso ed elegante stand della Regione Veneto gli organizzatori della Maratona di Venezia, della Treviso Marathon e della Maratona Sant’Antonio di Padova, hanno messo in mostra il loro forte impegno nell’investire in direzione dello sport accessibile e del turismo sostenibile.

In casa Venicemarathon, da molti anni Comune e organizzatori collaborano per abbattere le barriere architettoniche grazie al progetto ‘Venezia Accessibile – Le barriere si superano di corsa’ che prevede la copertura con rampe di legno di 13 ponti della città, nell’area compresa tra le Zattere e Riva dei Sette Martiri. Questo rivestimento, che permane fino a Carnevale, facilita non solo il passaggio degli atleti, ma rende la città più accessibile a tutti (portatori di handicap, mamme con il passeggino, turisti con valige trolley ecc..). E’ di pochi giorni fa la notizia che 3 di queste rampe, quelle che rivestono i ponti Longo, de la Calcina e ai Incurabili, verranno mantenute fino a fine maggio per permettere ad un bambino disabile di raggiungere la scuola in piena autonomia. Si abbatte così un’altra barriera.

Ma per il Venicemarathon Club accessibilità significa restituire la città ai pedoni, alle mamme con i bambini grazie alla chiusura totale del traffico nel giorno della maratona, e significa organizzare ogni anno gare di handbike di alto livello. Non è un caso che nelle ultime edizioni l’immagine della Venicemarathon sia stata legata a due icone dello sport disabile come Oscar Pistorius e Alex Zanardi e che la Family Run ogni anno coinvolge decine di bambini disabili, grazie alla spinta di Bebe Vio, la giovane campionessa della scherma paralimpica.
Venicemarathon Running Project: ecco gli appuntamenti da non perdere!
In casa Venicemarathon si riprende a correre. Mentre proseguono a pieno ritmo le iscrizioni alla maratona del prossimo 28 ottobre con oltre 3.000 pettorali già venduti, il Venicemarathon Club delinea gli appuntamenti del Running Project 2012.

Si inizia sabato 12 maggio con la 2ª Moonlight Half Marathon, la mezza maratona internazionale organizzata in collaborazione con la Città di Jesolo e il Comune di Cavallino Treporti. Dopo il felice debutto dello scorso anno, con ben 2.585 atleti al traguardo e la splendida vittoria dell'azzurro Ruggero Pertile in volata, gli organizzatori sono al lavoro per confezionare un’altra edizione di successo. Da Lungomare San Felice (Cavallino Treporti) a Piazza Mazzini (Jesolo), lo spettacolare e veloce percorso che costeggia la laguna di Venezia con paesaggi mozzafiato al tramonto (partenza ore 20,00) sarà prerogativa vincente per attrarre appassionati da tutta Italia. Le iscrizioni sono già aperte e 3.500 i pettorali disponibili. Informazioni e modalità disponibili sul sito www.moonlighthalfmarathon.it.

Venerdì 22 giugno si rinnova poi l'appuntamento con la 4ª CorriMestre, competizione ormai classica sulla distanza di 10 km e prestigiosa tappa del circuito Grand Prix Strade d’Italia. La gara, che si correrà in notturna nel centro di Mestre, sarà come sempre accolta da una città in festa, con animazione, concerti e negozi aperti. Info e modalità disponibili sul sito www.corrimestre.it.

Domenica 28 ottobre, infine, Venezia e la Riviera del Brenta accoglieranno la 27ª Venicemarathon. La corsa al pettorale continua: gli iscritti sono già più di 3.000. Se il trend dovesse essere quello degli anni scorsi, già in primavera i 7.000 pettorali disponibili potrebbero essere esauriti e le iscrizioni chiudersi per ‘sold out’. Informazioni e modalità disponibili sul sito www.venicemarathon.it.
Aumenta il numero dei pettorali VM a disposizione: 7.500
La Venicemarathon cresce ancora e non sente la crisi! E’ notizia di questi giorni la decisione del Venicemarathon Club di accogliere, dopo una lunga serie di valutazioni, 500 atleti in più per la 27° edizione del prossimo 28 ottobre, portando così a 7.500 il tetto massimo di partecipanti.

La scelta nasce dal desiderio di far fronte alle innumerevoli richieste pervenute anche quest'anno. Già nelle ultime due edizioni gli organizzatori sono stati costretti a chiudere le iscrizioni prematuramente nel mese di maggio per raggiungimento del tetto massimo previsto. Sforzi per aumentare la capienza erano già stati fatti nel 2010, quando ai 6.000 pettorali programmati, furono aggiunti 1.000 ‘speciali’ legati ai progetti solidali, ma ugualmente la domanda non si è placata. Così quest’anno, considerati gli oltre 6.000 iscritti già ad aprile, sono state studiate con attenzione nuove soluzioni organizzative, soprattutto in partenza e arrivo, per accogliere altri 500 atleti e garantire la massima qualità nei servizi offerti e nella logistica di gara. Questo testimonia come la Venicemarathon sia in controtendenza rispetto ad altre maratone e grandi manifestazioni che quest’anno hanno sofferto un calo di partecipanti.

A breve il contatore presente sulla home page del sito ufficiale www.venicemarathon.it, e che ad oggi indica una disponibilità di 117 pettorali tradizionali e 738 solidali (acquistabili solo online e abbinati ai progetti benefici Run for Water - Run For Life, Bimbingamba e Run To End Polio), aggiornerà la nuova capienza, ma difficilmente si arriverà alla scadenza della quota agevolata del 30 giugno con le iscrizioni ancora aperte.

Nel frattempo, conclusa con successo la seconda edizione della Moonlight Half Marathon con il nuovo primato della corsa (1h03’31” del keniano Robert Chemosin), l’attenzione del Venicemarathon Club si sposta sul prossimo impegno organizzativo: la 4° CorriMestre, prestigiosa 10 km, tappa del circuito Grand Prix Strade d’Italia, che si correrà in notturna nel centro storico di Mestre il prossimo 22 giugno. Informazioni e dettagli disponibili sul sito www.corrimestre.it.