Comunicazione relativa a comportamento antisportivo
Il Venicemarathon Club, organizzatore della 23a edizione della Maratona Internazionale di Venezia, preso atto del comportamento tenuto prima, durante e dopo la gara dall’atleta olandese Kristijna Loonen, numero di pettorale F6, si scusa con tutti gli atleti che possono essere stati danneggiati dalla suddetta atleta. Tali episodi, assolutamente ingiustificati e antisportivi, sono stati oggetto di segnalazione al competente organo di giuria Fidal per la squalifica sportiva e la cancellazione dalla classifica ufficiale. L’ Organizzazione, riscontrati anche altri episodi estranei alla gara, si riserva ogni altra azione a tutela della propria immagine, nei confronti della sig.ra Kristijna Loonen.
Il keniano Lomala vince in volata la 23a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia

Il keniano Joseph Lomala si aggiudica la 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia in 2h11’04”, vincendo in volata sul connazionale e compagno di squadra Jacobs Chesire, staccato di un solo secondo (2h11’07”) e davanti all’etiope Kidane Abdi, terzo al traguardo in 2h11’57”.
Tra le donne, l’ungherese Aniko Kalovics non tradisce i pronostici vincendo la gara con un crono di 2h31’24 condizionato dal caldo e da problemi fisici sorti durante la gara. Dietro di lei, la keniana eterna seconda a Venicemarathon Anne Kosgei (2h32’21”) e la connazionale Florence Chepkurui. L’ungherese mette così fine al dominio africano delle ultime sei edizioni.

A metà gara, mentre il carabinieri Francesco Bennici alzava bandiera bianca per guai fisici, un gruppetto di keniani e di etiopi prendeva il comando della corsa, correndo ancora su buoni ritmi con proiezioni finali da sotto le 2 ore e 10, ma sul lungo ponte della Libertà che unisce la terraferma all’isola di Venezia, i keniani Joseph e Jacobs hanno staccato il gruppo, iniziando così un tandem a due che li avrebbe condotti fino al volata finale. Joseph, un keniano di origine Nandi molto alto per essere un maratoneta (175 cm), ama correre in Italia le mezze maratone. L’ultima sua apparizione risale infatti alla mezza di Torino dello scorso settembre. Jacobs, che al contrario appare come un nano vicino al connazionale, è fratello di Lenah Cheruyot, l’atleta keniana che lo scorso anno fece registrare il nuovo primato della corsa femminile. Primo italiano al traguardo è Federico Simionato dell’Aeronautica che ha chiuso in 2h18’05.

Nella gara femminile, l’esperta Anne Kosgei prendeva il largo attorno al 30° chilometro mentre la Kalovics veniva sorpresa da un’improvvisa stanchezza che la faceva rallentare il passo. Ma, l’esperta magiara ha lasciato sapientemente sfogare la keniana per un paio di chilometri, riprendendola e staccandola definitivamente all’ingresso a Venezia. La Kosgei, che ha chiuso in 2h32’21, collezionando così un altro secondo posto alla Venicemarathon dopo quello del 2007 e del 2002. Prima delle italiane è Monica Carlin del Brema Running Team che ha chiuso in 2h50’42 mentre Elisa Desco si ritirava proprio sul ponte della Libertà, attorno al 31° chilometro.

Ordine d’Arrivo - Uomini
1. Joseph Lomala (Ken) 2h11’06”
2. Jacob Chesire (Ken) 2h11’07”
3. Kidane Abdi (Eth) 2h11’57”
4. Wodajo Teneri (Eth) 2h14’21”
5. Paul Kimugul (Ken) 2h14’51”
6. William Biama (Ken) 2h15’55”
7. Nickodemus Biwott (Ken) 2h16’27”
8. Federico Simionato (Ita) 2h18’05”

Ordine d’Arrivo - Donne
1. Aniko Kalovics (Hun) 2h31’24”
2. Anne Kosgei (Ken) 2h32’21”
3. Florence Chepkurui (Ken) 2h35’09”
4. Caroline Kwambai (Ken) 2h38’33”
5. Amane Chewo (Eth) 2h40’59”
6. Seman Tigist (Eth) 2h43’40”
7. Monica Carlin (Ita) 2h50’42”

Nella categoria Handbike ha vinto Mauro Cattai in 1h26’30” su Giancarlo Meriti in 1h32’35”. Terzo Gian Luca Laghi in 1h32’39”.

Grande successo di pubblico lungo i 42 km di corsa, animati dalla carovana d’apertura composta da oltre 100 Harley Davidson e dai 21 gruppi di “Anima la Maratona”.

Grande successo anche per la prova regionale dei CAS del Coni, all’interno di Open Sport, al Parco San Giuliano, con oltre 500 bambini che si sono dilettati nelle diverse discipline sportive.

Oscar Pistorius taglia il nastro di Exposport

Oscar Pistorius (3 volte oro alle ultime Paralimpiadi di Pechino) e il piccolo Pedro Leita hanno inaugurato oggi alle 16:00 Exposport e OpenSport al Parco San Giuliano di Mestre.

Grande emozione al momento del taglio ufficiale del nastro, con Pedro e Oscar (a Venezia in qualità di testimonial del progetto “Venezia Accessibile”, promosso in collaborazione con il Comune) che ha dato il via ufficialmente al lungo week-end di eventi legato alla 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia. Dalle 16:00 di oggi fino a sabato tutti potranno recarsi a Exposport, la fiera dello sport e del tempo libero che per 3 giorni sarà il fulcro sportivo della città. In contemporanea ad Exposport è stato inaugurato anche OpenSport, il villaggio degli sport, coorganizzato con il Coni provinciale, dove più di venti federazioni e enti di promozione sportiva hanno attrezzato campi gioco e percorsi ludico-sportivi per consentire ai bambini e ai ragazzi di dilettarsi nelle più disparate discipline.

“Sono felice di trovarmi in una delle più belle città del mondo, e di assistere a questa maratona” ha dichiarato Oscar “soprattutto di essere qui per promuovere una tematica così importante come quella dell’accessibilità e spero che in futuro più città si sensibilizzino su questo argomento quanto Venezia”.

Presenti all’inaugurazione anche l’Assessore allo Sport e alle Politiche Sociali del Comune di Venezia Sandro Simionato, l’Assessore al Piano Strategico e alla Pianificazione Territoriale del Comune di Venezia Laura Fincato, il Prosindaco per la Terraferma Michele Mognato, il Presidente della Municipalità di Mestre Massimo Venturini, l’Assessore al Turismo della Provincia di Venezia Danilo Lunardelli, il Presidente Regionale del Coni Gianfranco Bardelle, il Presidente Provinciale del Coni Renzo De Antonia, il Presidente di Venicemarathon Enrico Jacomini, il Presidente Onorario di Venicemarathon Piero Rosa Salva, il Vicepresidente di Venicemarathon Stefano Fornasier e il Segretario Generale di Venicemarathon Lorenzo Cortesi.

L’appuntamento con Oscar è per domani alle 12:30 all’Hotel Metropole di Venezia per l’inaugurazione delle rampe del progetto “Venezia Accessibile”.

Si alza il sipario sulla 23a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia con Oscar Pistorius, Alex Schwazer e Maurizia Cacciatori

Oscar Pistorius, Alex Schwazer e Maurizia Cacciatori, con questi grandi campioni la 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia, in programma domenica, inizia il proprio percorso di avvicinamento al prestigioso traguardo dei 25 anni. Gli organizzatori hanno voluto confezionare un’edizione ancora più ricca e varia di contenuti, novità e personaggi come preludio di una lunga celebrazione che li accompagnerà da qui fino alle fatidiche nozze d’argento.

“Venicemarathon ha sempre privilegiato la presenza di grandi personaggi nel suo evento perché oltre la gara Venicemarathon è una festa dello sport con un corollario di eventi che dura per quasi una settimana” dichiara Enrico Jacomini Presidente di Venicemarathon “i campioni di quest’anno hanno poi un peso particolare, Oscar Pistorius, un personaggio di massimo richiamo nel mondo sportivo per impegno e forza di volontà, Alex Schwazer, l’unica medaglia d’oro olimpica dell’atletica e Maurizia Cacciatori che è stata la prima donna a dare importanza e visibilità al volley italiano”.

La maratona più bella d’Italia nasceva infatti 23 anni fa da un gruppo di grandi appassionati di atletica, che sposarono la maratona alla città di Venezia realizzando una corsa a filo d’acqua attraverso ponti, calli e canali e unendo in seguito persino le due rive del Canal Grande (da Punta della Salute ai Giardini) per mezzo di un ponte di barche su cui passano i maratoneti. Oggi questa maratona è ancora in continua crescita e accoglie sempre più maratoneti da tutto il mondo.

Si alza quindi domani, giovedì 23, il sipario sulla 23ª edizione della Venicemarathon con l’apertura di Exposport, la casa del maratoneta e il luogo dove per 4 giorni ogni sportivo troverà accoglienza, calore e tutto ciò che gli serve per preparare al meglio l’appuntamento della domenica. Sarà Oscar Pistorius, l’atleta sudafricano vincitore di 3 medaglie d’oro ai Giochi Paralimpici di Pechino, a tagliare ufficialmente il nastro domani alle ore 16.00. Sempre alle16:00, nell’area adiacente ai padiglioni di Exposport, inizieranno le oltre 20 attività di Open Sport - la cittadella dello sport, che per 4 giorni farà provare le varie discipline sportive al pubblico. L’azzurro del bob Simone Bertazzo svelerà trucchi e segreti del bob presso lo stand FISI.

Lo stesso Oscar venerdì mattina spiegherà invece, assieme al Sindaco di Venezia Massimo Cacciari, l’importanza dell’accessibilità ai disabili per una città. Pistorius è infatti testimonial del progetto ‘Venezia Accessibile – le barriere si superano di corsa’, l’iniziativa promossa di concerto tra gli organizzatori della Venicemarathon e il Comune di Venezia rivolta a migliorare la fruibilità della città da parte dei portatori di handicap attraverso la posa di speciali rampe di legno sui ponti della città. Le rampe, che domenica faciliteranno l’azione di corsa dei maratoneti sui ponti, verranno rimosse solo dopo le feste di Natale e Capodanno. Una conferenza stampa di presentazione, in programma alle ore 12:30 di venerdì 24 all’hotel Metropole, ne illustrerà dettagli e contenuti.

Sabato mattina, alle ore 10:00, sarà invece la volta delle famiglie e degli studenti che daranno vita alle due Family Run, le quali si svolgeranno in contemporanea al Parco San Giuliano di Mestre e a Dolo. La corsa mestrina avrà come starter d’eccezione Oscar e Alex Schwazer, il campione olimpico della 50 km di marcia, mentre a Dolo il maratoneta italiano Ruggero Pertile correrà assieme ai ragazzi. Chi vorrà potrà incontrare il marciatore olimpionico, ospite della maratona grazie all’impegno di Powerade - azienda sponsor della 23ª Venicemarathon, a partire dalle ore 17:00 presso gli stand di Asics e Powerade di Exposport.

Il via alla Venicemarathon domenica alle ore 9:20, sarà infine dato ufficialmente dalla bellissima ex azzurra di volley Maurizia Cacciatori, medaglia d’oro dei Giochi del Mediterraneo nel 2001 e argento agli Europei del 1999, che a Venezia rivestirà un ruolo del tutto inedito per lei, mentre all’arrivo i vincitori saranno attesi da Oscar e Alex, che per una volta saliranno sul podio a consegnare loro stessi i premi ai vincitori.

Una 23a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia tutta al femminile. Attesi Oscar Pistorius e Alex Schwazer.

Sarà la gara femminile ad impreziosire la 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia, presentata ufficialmente quest'oggi nelle splendide sale del Casinò di Venezia, in programma domenica prossima sul tradizionale tracciato che da Stra penetra nel cuore di Venezia raggiungendo Riva Sette Martiri e che avrà una diretta televisiva di 3 ore su Rai 3.

Occhi puntati quindi sull'ungherese Aniko Kalovics, accreditata con un personale di un 2h26’43”(Carpi 2006), al via per la prima volta della Venicemarathon e che cercherà da subito di andare all'attacco del fresco primato della manifestazione di 2h27’02” di Lenah Cheruiyot della scorsa edizione. A complicarle la vita, un'esperta Anne Kosgei (2h28’27” Venezia 2007) in cerca del riscatto dopo i due secondi posti del 2002 e del 2007 e la russa Natalya Volgina, che vanta un personale di 2h27’10” fatto a Parigi nel 2006.
A difendere i colori azzurri Elisa Desco, recente Campionessa Europea di Corsa in Montagna e medaglia di bronzo ai Campionati Mondiali sempre di Corsa in Montagna dello scorso settembre, che sulla maratona ha un personale di 2h36’54” fatto quest’anno a Torino.
In campo maschile, un altro volto conosciuto è quello del vincitore della 20ª Venicemarathon Raymond Kipkoech, forte quest’anno del 2h09’39” della maratona di Dubai. Tra gli avversari, il migliore accreditato è l’etiope Teferi Wodajo Kure 2h08’11” (2004) classe 1982, alla seconda maratona stagionale e il keniano Daniel Yego, quest’anno 12º a Rotterdam in 2h10’41”.
Tra gli italiani potrà dire la sua il carabiniere siciliano Francesco Bennici, che detiene un personale sulla distanza di 2h11’15”, fatto a Torino nel 2005 e poi Federico Simionato, classe 1979 e in forza al gruppo sportivo dell’Aereonautica, neo Campione Italiano di Mezza Maratona e che vanta un personale sulla doppia distanza di 2h15’58”, fatto a Milano lo scorso dicembre. Entrambi sono alla prima partecipazione in laguna.
Con l'obiettivo di allinearsi a tutte le maratone più importanti al mondo, anche la 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia ha voluto equiparare il montepremi tra maschile e femminile.

Al via anche, nello speciale ruolo di gregario, il campione australiano di ciclismo Cadel Evans (vincitore del ProTour 2007 e due volte secondo al Tour De France nel 2007 e 2008), che accompagnerà in sella alla sua bicicletta la lunga fatica dell'amico e direttore sportivo Roberto Damiani.

Con partenza alle ore 9:20 e alla presenza dell’ex azzurra di pallavolo Maurizia Cacciatori, madrina dell'evento, saranno più di 6.000 gli atleti al via che affronteranno un percorso pressoché invariato con l'attraversamento, come di consueto, del Canal Grande dalla Punta della Salute attraverso un ponte di barche installato per l’occasione da Insula.
Ad attenderli all'arrivo il vincitore di tre medaglie d'oro ai Giochi Paralimpici di Pechino Oscar Pistorius e il campione olimpico nella 50 km di marcia Alex Schwazer.
Per rendere praticabili anche ai disabili i 13 ponti interessati dal percorso nel centro storico di Venezia, Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia in collaborazione con l’Ufficio Eliminazione Barriere Architettoniche del Comune di Venezia ha adagiato sui ponti anche quest’anno delle speciali rampe che “eliminano” gli scalini. Testimonial d’eccezione del progetto denominato “Venezia Accessibile” sarà proprio l’atleta sudafricano Oscar Pistorius, che nel pomeriggio di sabato 25 darà anche il calcio d’inizio della partita di rugby Casinò di Venezia-Cammi Calvisano.

Nasce in questa edizione la carovana d’apertura, uno dei tanti eventi collaterali a contorno della maratona e che in vista del venticinquennale della gara contribuiranno ad arricchire sempre di più l’evento. Con oltre 100 moto tra Harley Davidson e altri particolari tipi di moto tutte personalizzate. Tra queste anche moto preparate per persone portatrici di handicap dall’Ancient Dragons M.C. di Venezia, che da anni si adopera per far avvicinare i disabili alla pratica motociclistica. Le moto si fermeranno poi al Parco San Giuliano, accessibile domenica mattina tramite un servizio navetta da Viale San Marco. Tutto il percorso di Venicemarathon sarà invece animato dai 21 gruppi di “Anima la Maratona” che alleggeriranno le fatiche degli atleti a suon di Rock, Pop e Blues.

Consegnati già oltre 6.000 pettorali e magliette Oviesse – Banco San Marco per Family Run, le corse non competitive di 4 km aperte agli studenti e alle famiglie, che si svolgeranno in contemporanea a Dolo e al Parco San Giuliano di Mestre sabato 25 ottobre (partenza alle ore 10.00) con starter d’eccezione al Parco Oscar Pistorius e Alex Schwazer e a Dolo il maratoneta azzurro Ruggero Pertile.

Attivo dal 23 al 26 ottobre il numero multioperatore 48583 che permetterà di donare 1 euro via sms TIM, 3, Vodafone e Wind o 2 euro da numero fisso di Telecom Italia al progetto solidale “Run for Water, Run for Life” per la costruzione di pozzi d’acqua in Uganda.

La conferenza stampa di presentazione avvenuta questa mattina è stata anche l’occasione per presentare la nuova maglia tecnica di Asics, nuovo technical ponsor della maratona.

Sono intervenuti il Sindaco di Venezia Massimo Cacciari, il Presidente del Casinò di Venezia Mauro Pizzigati, l’Assessore allo Sport del Comune di Venezia Sandro Simionato, il Pro Sindaco per la Terraferma Michele Mognato, l’Assessore Provinciale all’Industria e all’Artigianato Giuseppe Scaboro, l’Assessore Provinciale al Turismo Danilo Lunardelli, il Presidente Nazionale di Cooperazione e Sviluppo Carlo Venerio Antonello, il Presidente di Venicemarathon Enrico Jacomini, il Presidente Onorario di Venicemarathon Piero Rosa Salva, il Vice Presidente di Venicemarathon Stefano Fornasier.

Presentati i Collaterals della 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia. Attesi Oscar Pistorius e Alex Schwazer.

Sono stati ufficialmente presentati ieri, nell’elegante sala Casanova dell’Hotel Russott di Mestre, sede del quartier generale della macchina organizzativa, gli eventi e le iniziative collaterali della 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia, in programma il prossimo 26 ottobre con partenza da Stra e arrivo in Riva Sette Martiri. Ospiti d’eccezione di questa serie di eventi a supporto della maratona che accrescono di anno in anno il valore della manifestazione Oscar Pistorius e Alex Schwazer.

L’atleta sudafricano, vincitore di 3 medaglie d’oro ai Giochi Paralimpici di Pechino nei 100, 200 e 400 metri, sarà ospite della maratona di Venezia in qualità di testimonial del progetto di solidarietà “Venezia Accessibile”; un’iniziativa promossa di concerto da Venicemarathon e il Comune di Venezia che mira al superamento delle barriere architettoniche della città. Una conferenza stampa, in programma venerdì 24 ottobre all’Hotel Metropole di Venezia, ne illustrerà i dettagli.
Il marciatore altoatesino, vincitore dell’oro olimpico nella 50 km di marcia di Pechino, sarà in visita alla 23ª Venicemarathon Casinò di Venezia grazie all’impegno di Powerade, sponsor e partner ufficiale della maratona.

Nel saluto iniziale, il Presidente Onorario di Venicemarathon Piero Rosa Salva ha voluto fare omaggio ad un altro grandissimo evento sportivo che il prossimo anno avrà proprio la città di Venezia come palcoscenico: “Sono felicissimo e come veneziano orgoglioso di aver saputo che la 92ª edizione del Giro d’Italia partirà dal Lido di Venezia. Colgo l’occasione quindi, a nome mio e di Venicemarathon, di salutare questa splendida manifestazione che porterà grandissimo lustro alla città e prestigio a tutto il nostro territorio”.

Oscar e Alex saranno inoltre gli starter ufficiali della Family Run del Parco San Giuliano, la corsa non competitiva di 4 chilometri riservata a studenti e famiglie e che si svolgerà in contemporanea anche a Dolo alla presenza del maratoneta padovano Ruggero Pertile, con partenza e arrivo per la prima volta nello stadio Walter Martire. La manifestazione, in programma sabato 25 con inizio ore 10.00, nata come evento collaterale per animare la vigilia della maratona, lo scorso anno vide al via oltre 10.000 partecipanti: un dato importante, che dimostra come la Venicemarathon riesca a coinvolgere sempre di più fasce diverse di età e a penetrare il territorio. Presentata questa mattina la maglietta ufficiale che verrà distribuita a tutti i partecipanti e realizzata grazie al contributo di Oviesse, sponsor della manifestazione da 10 anni assieme a Banco San Marco partner dell’evento. I due terzi delle iscrizioni, divisi in parte uguali dalle aiuterà a finanziare progetti didattici per lo sviluppo della pratica sportiva degli istituti scolastici partecipanti e i progetti di solidarietà di Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo, la o.n.g.-o.n.l.u.s. piacentina impegnata da anni attraverso il progetto “Run for Water, Run for Life” nella costruzione di pozzi d’acqua potabile nell’arida regione del Karamoja in Uganda. Per aiutare Africa – Mission si potrà donare al 1 euro da telefono mobile TIM, Vodafone, Wind e 3 e 2 euro da telefoni di rete fissa Telecom Italia al numero 48583 attivo dal 23 al 26 ottobre, oppure fare una donazione direttamente allo stand di Cooperazione Sviluppo ricevendo la maglia tecnica realizzata appositamente da Radio Deejay.

Exposport, la tradizionale Fiera dello Sport e del Tempo Libero e punto di ritrovo dei maratoneti per il ritiro del pettorale e pacco gara, aprirà i battenti giovedì 23 e verrà ufficialmente inaugurata alle ore 16.00 da Oscar Pistorius. L’Expò, allestito all’interno del Parco San Giuliano e ampliato di circa il 40% rispetto alle passate edizioni (2.150 mq) ospiterà più di 50 espositori, tra i quali le maggiori aziende del settore sportivo e quest’anno anche lo stand della Provincia di Venezia che offrirà degustazioni di prodotti tipici, la Confartigianato con 6 aziende dello Sport System locale che presenteranno articoli sportivi artigianali di qualità e l’Associazione Diabetici della Provincia che effettuerà la prova della glicemia a tutti coloro che lo desiderino.

Sabato 25 sarà l’occasione per incontrare e strappare autografi al campione olimpico Alex Schwazer che, a partire dalle ore 17.00, girerà tra gli stand Asics e Powerade.

Prosegue per il secondo anno l’iniziativa Open Sport, la cittadella dello sport aperta al pubblico e che vedrà il coinvolgimento di oltre 20 entità sportive tra Federazioni, Enti di Promozione Sportiva territoriali e società sportive. Open Sport, è un progetto che nasce dal C.O.N.I. regionale, ma che sarà gestito dal Comitato Provinciale di Venezia del C.O.N.I. per avvicinare i giovani allo sport.
Le Federazioni saranno posizionate in un vero e proprio villaggio dello sport all’interno del Parco San Giuliano, nel quale allestiranno campi prova o percorsi didattici e dove bambini e ragazzi avranno la possibilità di provare le più svariate discipline sportive.

Novità sarà il 5° Meeting dei Consulenti e Convegno Nazionale Fiscosport organizzato da Fiscosport e Venicemarathon e aperto a consulenti, dirigenti delle società e associazioni sportive dilettantistiche e agli esperti di fiscalità sportiva. L’appuntamento è venerdì 24 e sabato 25 ottobre presso le sale dell’Hotel Russott di Mestre.

Presenti alla conferenza stampa Sandro Simionato, Assessore allo Sport del Comune di Venezia; Rita Zanutel, Assessore allo Sport della Provincia di Venezia; Anna Maria Giannuzzi Miraglia, Assessore alle Politiche Educative Comune di Venezia; Gianfranco Bardelle, Presidente Regionale del CONI; Renzo De Antonia, Presidente Provinciale del CONI e Lorenzo Cortesi,Segretario Generale di Venicemarathon.

Il ciclista Cadel Evans gregario alla 23ª Venicemarathon - Dalle vette alla maratona a bordo acqua: le imprese di Jean Pellissier.

Continua ad arricchirsi il cast di personaggi illustri e di campioni dello sport che domenica 26 ottobre prenderanno parte alla 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia.

Un ruolo del tutto speciale sarà quello rivestito dal campione di ciclismo Cadel Evans. L’australiano che corre per la Silence Lotto, vincitore del ProTour 2007 e due volte secondo (2007 e 2008) al Tour De France,vestirà per una volta i panni del "gregario" e accompagnerà in sella alla sua bicicletta la lunga fatica del suo amico e direttore sportivo Roberto Damiani.

Damiani, direttore sportivo della squadra olandese e da anni al fianco del ciclista australiano, nonostante i mille impegni in giro per il mondo, è stato contagiato dalla passione per la corsa nel 2005, trascinato da un amico alla Maratona di New York. Da quel momento è scoccato l’amore per le 42 km, arrivando ben presto ad un personale di 4h09’ e con l’ambizioso obiettivo di scendere sotto le 4 ore proprio alla Venicemarathon. Se dovesse riuscire nell’ impresa Cadel, che con grande spirito di sportività ha accettato la sfida posticipando addirittura il suo ritorno in Australia, dovrà portarlo a fare un giro in gondola per Venezia.

Ma i grandi campioni dello sport che saranno di scena alla maratona di Venezia non finiscono qui. Chi è specializzato in imprese "no-limits" è sicuramente Jean Pellissier. Nato ad Aosta 36 anni fa, oltre ad essere uno dei più famosi sciatori alpinisti al mondo, è senza dubbio uno dei più forti skyrunner (ovvero specializzato nelle scalate e discese dalle montagne in velocità) di tutti i tempi. Nel suo palmarès figura il record mondiale di scalata e discesa dell’Aconcagua (6985 metri, la vetta più alta delle Ande) coperta nel 2000 in 4h52’, e quello del Dome des Neiges (4080 m - Francia) riuscita nel 1999 in 1h58’. Medaglia di bronzo ai Campionati Mondiali di Skyrunner nel 1998, terzo classificato nel Circuito Mondiale Skymarathon nel 1999, nel 2007 è giunto terzo ai Campionati Europei del circuito di sci alpinismo. Dopo il tentativo di  record del mondo del Monte Mc Kinley in Alaska (6194m) avvicinato nel mese maggio e dopo una serie infinita di gare che lo hanno impegnato per tutta l’estate, Jean ha deciso di chiudere la stagione tornando a Venezia per la seconda volta (nel 2001 corse in 2h35’48”) con l’obiettivo di portare il suo record personale sotto le 2h30’.

Damiani, Cadel e Pelliser sono tutti personaggi che ancora una volta testimoniano come la maratona di Venezia, così affascinante quanto impegnativa, è sempre di più meta d’attrazione non solo per professionisti delle corse su strada ma per chi ama lo sport e le grandi sfide.

Alla 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia si va a scuola di gestione fiscale sportiva

Appuntamento annuale per i professionisti e gli esperti di Fiscosport che venerdì 24 e sabato 25 ottobre, grazie alla collaborazione con la 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia, daranno vita al 5° Meeting dei Consulenti e Convegno Nazionale Fiscosport, presso le sale dell’Hotel Russott di Mestre – quartier generale della maratona.
Il Convegno, rivolto principalmente a Presidenti, Dirigenti e Consulenti delle società ed associazioni sportive dilettantistiche, rappresenterà un’importante occasione di aggiornamento, confronto e apprendimento in materia fisco-sportiva, finalizzata a fornire strumenti utili per la gestione fiscale delle società ed associazioni sportive dilettantistiche.

Si inizierà venerdì 24 con il Meeting dei Consulenti (ore 15.30-19.30), momento di discussione tra professionisti (sono invitati tutti i Dottori Commercialisti ed esperti contabili nonché coloro che si occupano direttamente della gestione fiscale degli organismi sportivi) su tematiche di difficile interpretazione. I Consulenti Fiscosport cercheranno, dopo aver analizzato le problematiche, di fornire ai presenti una possibile soluzione, aprendo poi il dibattito tra gli intervenuti. Sabato 25 il Convegno Nazionale Fiscosport (ore 9.00-13.30) sarà invece l’occasione per assistere agli interventi e alle relazioni dei maggiori esperti in materia fiscale-sportiva. Tra i relatori il Dott. Stefano Andreani, il Rag Pietro Canta, la Dott.ssa Rosanna D’Amore, la Dott.ssa Valentina Di Renzo, il Dott. Giuseppe Mauro, l’Avv. Katia Scarpa, la Dott.ssa Patrizia Sideri e il Dott. Giuliano Sinibaldi. Moderatore della giornata sarà il Dott. Enrico Zanetti, Presidente dei Giovani Dottori Commercialisti della Provincia di Venezia. Gli argomenti trattati verteranno sul tema delle agevolazioni fiscali e contabili per le associazioni e società sportive dilettantistiche, gli aspetti fiscali delle pubblicità e sponsorizzazioni, la responsabilità civile nell’organizzazione di un evento, cenni sul registro del CONI (la cui iscrizione è obbligatoria per usufruire delle agevolazioni fiscali e non), la gestione degli impianti sportivi, le verifiche fiscali ed il contenzioso tributario nel mondo dello sport, le collaborazioni sportive ed i rapporti di lavoro nello sport dilettantistico, nonché l’aggiornamento sulle ultime disposizioni legislative in materia di sport dilettantistico e sport.

Il progetto CONI/Fiscosport nasce nel 2001 dall’esigenza di fornire a società e associazioni sportive dilettantistiche un supporto costante in materia fiscale-sportiva. Ora, venuto meno l’accordo a livello nazionale con il Comitato Olimpico, la proposta è stata accolta dal CONI Regionale del Veneto, che garantisce la gratuità dei Servizi Fiscosport a tutte le società ed associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro del CONI (nonché a tutta la struttura del CONI, delle Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Associate ed Enti di Promozione Sportiva a livello regionale) e si avvale di diversi strumenti di comunicazione. Il mezzo principale è un sito internet, costantemente aggiornato, nel quale viene data voce ai maggiori esperti in materia fiscale-sportiva e poi da un servizio di newsletter quindicinali dalle quali è possibile consultare direttamente le notizie pubblicate sul sito di Fiscosport.

Le iscrizioni sono aperte e disponibili per gli utenti registrati sul sito www.fiscosport.it.
La registrazione al portale è gratuita (grazie all’adesione del CONI Veneto – occorre indicare a quale organismo l’associazione è affiliata).

Gli organizzatori della Venicemarathon hanno accolto con entusiasmo l’idea di collaborare con questo prestigioso appuntamento nazionale, che si inserisce all’interno di programma già molto ricco di eventi, a corollario della 23ª maratona di Venezia.

Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia: una maratona che si "Anima"

Non solo i maratoneti correranno sulle strade veneziane il prossimo 26 ottobre, ma oltre 100 Harley Davidson per la prima volta apriranno la strada ai 7000 maratoneti. 100 moto a ritmo del Rock, Blues e Jazz dei più di 20 gruppi di “Anima la Maratona”.

Novità assoluta per questa 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia l’introduzione di una “carovana” di testa composta da oltre 100 moto tra Harley Davidson e altri tipi tutte customizzate (preparate dai proprietari secondo il proprio gusto personale, aggiungendo elementi e personalizzando colori e disegni) tra queste anche alcune moto preparate per persone portatrici di Handicap, il club infatti da anni opera per far avvicinate tutti alla pratica motociclistica, non solo come passeggeri, ma anche come piloti. La carovana sarà organizzata dall’ Ancient Dragons M.C. di Venezia, un’associazione nata circa 10 anni fa all’inizio solo come un gruppo di amici che si trovava assieme per andare in giro la domenica, crescendo sempre più fino a raggiungere lo stato di M.C. nel 2001 che si basa sulla fiducia, sincerità e lealtà, come negli intenti dei 7 fondatori.

“Anima la Maratona” nasce nel 2003 quando si è pensato di posizionare lungo il percorso alcuni gruppi musicali per rallegrare sia gli atleti che il pubblico. Dopo questo inizio un po’ per scommessa, un po’ per gioco, “Anima la Maratona” si è consolidata anno dopo anno diventando un appuntamento fisso, sia per i gruppi che per gli stessi atleti che si aspettano di trovare, durante il loro sforzo, la vivace compagnia delle note musicali.

Quest’anno i gruppi confermati al momento sono 21, che si daranno battaglia per vincere il concorso organizzato per l’occasione da Venicemarathon e il pub “Al Vapore” di Marghera, dove i primi tre gruppi classificati potranno esibirsi per una serata. Membri della giuria oltre al rappresentante di Venicemarathon lo stesso proprietario del pub. Si potranno ascoltare: gli Ephemeris, che suonano Alternative Rock e New Wave; i The Fence (Pop e Rock), i Malaspina (Rock), i Multidimensional Blues (Blues, Jazz, Wave), i Valerio Vaiarelli e Chiara Vanin Duo (Reggae e Rock), i Lucy Lea – Seppoine in Sol Minore, gli Starwinds (Rock e Disco anni 70-80), i Tamtabanda (percussioni africane), gli Rb3 (Pop Rock e Blues), la scuola “A.F. Musica” (Rock, Blues e cover Pop), i Sixteenstrings Band (Acustic pop/rock), i Marcho’s (Melodico popolare e Unza Unza Trallallà), i Decimomeridio (Rock), gli Autumn’s Rain (Rock), la scuola “La Sordina” (Rock), i Soldout (Rock, Funky e Pop), i Solovetro (Rock), i Dulcamara (Folk Cantautorale Gitano Balcanico), i Ratz Keller (Superswing), i Takablack! (Rock e ClassicRock) e infine la scuola “Music Lab” che proporrà vari generi.

I gruppi saranno dislocati lungo tutto il percorso, con cadenza ogni 2-3 chilometri circa, privilegiando i centri abitati, punti fissi restano i centri di Fiesso d’Artico, Dolo, Mira, Malcontenta, Mestre e il Parco San Giuliano.

Domani presentazione ufficiale dei "collaterals" di Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia

Saranno presentati domani, mercoledì 15 ottobre alle 11:00 presso il Russott Hotel di Mestre i ‘collaterals’ della 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia: Exposport, Family Run e Open Sport.

Interverranno: Sandro Simionato, Assessore allo Sport del Comune di Venezia; Rita Zanutel, Assessore allo Sport della Provincia di Venezia; Gianfranco Bardelle, Presidente Regionale per il Veneto del CONI; Piero Rosa Salva, Presidente Onorario Venicemarathon.

La 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia è in programma domenica 26 ottobre.

Sempre più vicina la sfida della vita di Andrea Brutesco

Andrea Brutesco, ventottenne veneto, domenica 26 ottobre sfiderà il suo cuore malato affrontando la prima maratona della vita. Palcoscenico di questa nuova esperienza non poteva che essere la maratona più affascinante d’Italia, la 23a Venicemarathon.

All’età di 4 anni il piccolo Andrea ha subito la ricostruzione della valvola mitrale che non funzionava perfettamente; un intervento che gli avrebbe salvato la vita, privandolo però dell’esuberanza e della vivacità che contraddistingue i bambini di quell’età. Il suo ritorno alla vita normale è stato graduale, ma ogni piccolo sforzo doveva sempre essere tenuto sotto controllo medico.
Tre anni fa la svolta. Indossate le prime scarpe da jogging è scattato l’amore per la corsa, e passo dopo passo Andrea ha iniziato a toccare con mano il sogno di preparare una maratona.

“Era nata in me una forte esigenza di correre. Non avrei pensato di potermi preparare per una maratona, ma allenamento dopo allenamento sentivo che era giunto il momento di mettersi in gioco e provare a raggiungere quella meta tanto ambita dai podisti. E’ stato così che ho scelto di correre la Maratona di Venezia, non solo perché è la maratona di casa, ma per il fascino che mi ha sempre trasmesso. Malgrado la stanchezza e la fatica fisica degli allenamenti non ho mai avuto ripensamenti. Anzi, la voglia aumenta giorno dopo giorno e non vedo l’ora che arrivi domenica 26 ottobre per affrontare un’importante sfida con me stesso.”

Nella colorata e vivace fiumana di maratoneti che da Villa Pisani giungerà a Riva dei Sette Martiri (VE), Andrea sarà riconoscibile da una t-shirt con scritto “Un cuore per correre”, slogan coniato dall’associazione di beneficenza da lui creata “Un cuore per tutti”, impegnata tra l’altro nella raccolta fondi per il reparto di Oncoematologia pedriatica dell’ospedale Città della Speranza di Padova.

“Quel giorno correrò non solo per me stesso, ma per tutte le persone che soffrono del mio stesso problema. Il mio vuole essere un segnale che l’attività fisica fa bene per chi ha subito interventi al cuore. Vorrei spronare sempre di più la gente a non aver paura e ad avvicinarsi alla corsa con spensieratezza. Ad oggi, la mia associazione conta già 80 iscritti e ne vado fiero”.

Fautrice dell’impresa del giovane veneto è la giornalista americana Julia Jones, ideatrice del programma “My First Marathon” - la tabella d’allenamento specifica per neofiti che affrontano la loro prima maratona e che da alcuni mesi segue Andrea nella preparazione.

“Andrea è pronto a raggiungere il suo sogno e a concludere la sua prima maratona con un buon crono. Il mio obiettivo è che, come tutti i partecipanti di My First Marathon, riesca a finire i 42 chilometri con il sorriso sulle labbra e non stravolto per la stanchezza. Però, visti i risultati degli ultimi test, posso azzardarmi a dire che potrebbe chiuderla sotto le 4 ore. Con lui ho dovuto svolgere una pre-preparazione di 5 – 6 mesi prima del ciclo d’allenamento specifico che è iniziato a gennaio, ovviamente con il nulla osta del cardiologo e dei medici.
La cosa che mi più mi sorprende di Andrea è il suo ottimismo e la sua positività. E’ un vincente in partenza, ed ogni piccolo miglioramento che fa è un sorriso e una gioia anche per me.”

Una cosa è certa, la Venicemarathon ha già regalato un nuovo sogno!

A piedi nudi per 42.195 metri, Francesco Arone alla 23a Venicemarathon

Nella maratona, gara di fiato, gambe e cervello, dove la gestione oculata dello sforzo va di pari passo con la voglia di migliorarsi, ci sono molti modi per raggiungere e superare i propri limiti. Francesco Arone, podista piemontese, ha deciso di farlo correndo a piedi nudi alla prossima 23a Venicemarathon in programma domenica 26 ottobre.

“Riesco ormai a correre una maratona solo a piedi nudi! Forse, se usassi le scarpe, potrei migliorarmi di qualche minuto, ma temo di non essere più in grado di indossarle. E poi, sarebbe troppo banale”.

Quando ha iniziato a correre a piedi nudi?
“Nel 2000 con l’Atletica Carignano, una piccola società del paese in cui vivo. Mi allenavo per correre le 10 km su strada e all’inizio usavo le scarpe, ma ben presto decisi che dovevo provare senza perché volevo far qualcosa di diverso dagli altri”.

Influenzato da Abebe Bikila?
“Giuro che non sapevo neppure chi fosse! Hanno iniziato gli altri a chiamarmi così e poi ho capito il perché”.

Cosa l’ha spinto in questa impresa un po’ bizzarra?
“La mia voglia di competere contro me stesso e il mio desiderio di superare i miei limiti. Iniziai come detto con le 10 chilometri, passai alle mezze maratone nel 2006 e poi, non ancora soddisfatto, approdai alla maratona. Ad oggi ne ho già corse 8, tra cui New York, Torino e naturalmente Venezia nel 2007. I primi tempi dovevo medicarmi i piedi giorno e notte: una volta rimasi addirittura a casa dal lavoro per una settimana. Adesso la mia pelle dei piedi ha fatto ‘il callo’ e non soffro quasi più”.

Qual è la più grande difficoltà in gara?
“Lo sterrato! Mi è capitata una maratona con 2 km di sterrato ed è stata durissima, tra pietre e sassi è difficile correre senza farsi male”.

Capita spesso farsi male?
“Succede molto spesso che mi si conficchi un sassolino, una pietra appuntita o anche un piccolo vetro sotto la pianta del piede, ma cerco sempre comunque di arrivare al traguardo senza fermarmi e medicarmi all’arrivo. Non mi sono mai arreso, ho sempre portato a termine tutte le mie gare”.

Prossimo obiettivo?
“Alla Maratona di Venezia voglio scendere sotto le 3h45’. Attualmente il mio personale sulla maratona è di 3h53’, ma sono sicuro di valere molto di più”.

Di nuovo a Venezia, dunque.
“Sì, torno a Venezia per il secondo anno perché per me è la maratona più bella e meglio curata. Ho trovato molta cura nell’organizzazione e tanta attenzione ai particolari, come al pacco gara, ai servizi sul percorso e alla logistica”.

Cosa dicono gli amici di questa sua scelta di correre scalzo?
“Ormai si sono abituati. Mia madre, invece, mi aiutava a medicarmi tutte le volte che tornavo a casa dagli allenamenti con i piedi sanguinanti”.

Si allena sempre scalzo?
“Per forza. Gli allenamenti servono non solo per preparare il fisico allo sforzo, ma soprattutto per abituare la mente al dolore”.

E’ costretto a tenere lo sguardo basso durante una gara?
“Purtroppo sì: mi godo poco il paesaggio, ma in compenso mi aiuta moltissimo il calore della gente. Si entusiasmano sempre quando mi vedono transitare a piedi nudi. A Venezia cercherò però di alzare anche un po’ lo sguardo per non perdermi le bellezze della città e della laguna che il percorso offre. Un tracciato come questo è davvero unico al mondo e non posso perdermelo!”.

Oscar Pistorius testimonial della 23a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia

Oscar Pistorius, l’atleta sudafricano disabile che ieri ha vinto i 400 metri con il nuovo record del mondo paralimpico di 47"49 e conquistato così la terza medaglia d’oro ai Giochi Paralimpici di Pechino dopo l’oro sui 100 metri e quello sui 200 con il nuovo primato mondiale di 21"67, il 26 ottobre sarà testimonial della 23a Venicemarathon – Trofeo Casinò di Venezia.

Gli organizzatori della maratona lagunare hanno trovato nell’atleta sudafricano il promotore ideale del progetto "Venezia Accessibile". Un’iniziativa, portata avanti di concerto con il Comune di Venezia, che prevede la posa di rampe sui ponti della città che attraversano calli e canali, per favorire il passaggio dei maratoneti durante la gara, ma soprattutto l’accessibilità e la fruibilità della città da parte dei portatori di handicap per diversi mesi all’anno.

Oscar Pistorius inaugurerà il progetto e sarà al traguardo della 23a Venicemarathon, in Riva dei Sette Martiri domenica 26 ottobre.

Ampio risalto sui media per Run for Water

L'inizativa Run for Water, Run for Life promossa da Venicemarathon e da Africa Mission - Cooperazione e Sviluppo ha avuto ampio risalto sui media in occasione della comunicazione degli ottimi risultati benefici conseguiti nel 2007. Grazie alla campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi realizzata nel 2007, è stata infatti possibile la costruzione di 3 pozzi d'acqua nell'arida regione del Karamoja, in Uganda. Grazie ai nuovi pozzi, più di 3.000 persone potranno usufruire di acqua potabile.

Questi sono alcuni dei media che hanno riportato la notizia.

La Tribuna di Treviso

IMG Press

Wall Street Italia

Runners.it

Vita.it

La Gazzetta dello Sport

Metro

Il Gazzettino

Runner's World

Atleticanet

La Venicemarathon dona da bere a 3000 abitanti dell'Uganda

La Venicemarathon dona da bere a circa 3000 abitanti dell’arida regione ugandese del Karamoja, devolvendo 41.148 euro a favore della O.N.G. Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo per il progetto “Run for Water - Run for Life.” La somma, raccolta durante l’edizione 2007 della maratona di Venezia, ha permesso la costruzione di 3 pozzi che soddisferanno il fabbisogno d’acqua potabile degli alunni di due scuole secondarie (1.500 ragazzi circa) nel distretto di Moroto e degli abitanti di una baraccopoli di Nakapelimen (1.300 persone).

Lo hanno reso noto quest’oggi gli organizzatori della Maratona più bella d’Italia, nel corso della conferenza stampa di presentazione della 23° Venicemarathon, che si è tenuta presso il Russott Hotel Venezia San Giuliano alla presenza del Presidente della A.S.D. Venicemarathon Club Enrico Jacomini, del Pres. Onorario Piero Rosa Salva, del Segretario Generale Lorenzo Cortesi, del Prosindaco di Mestre Michele Mognato, dell’Ass. allo Sport e alle Politiche Sociali del Comune di Venezia Sandro Simionato, all’Ass. alle Politiche Educative del Comune di Venezia Anna Maria Giannuzzi Miraglia, all’Ass. al Turismo del Comune di Venezia Augusto Salvadori e al Pres. del Coni Prov. Renzo De Antonia.

Grazie ad una campagna di sms solidali del costo di 1 euro, supportata da tutti i gestori di telefonia mobile (TIM, TELECOM, WIND E VODAFONE ) e sostenuta da moltissimi dei maratoneti che presero parte alla Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia 2007, sono stati raccolti 41.148 euro. Rientrano nel ricavato anche parte delle quote d’iscrizione delle due Family Run, le gare di contorno della maratona aperte alle famiglie, e il contributo che la Protezione Civile ha voluto spontaneamente devolvere al progetto. I fondi raccolti sono serviti alla costruzione di tre pozzi presso la Moroto High School, la Moroto Parents Standard Accademy e Nakapelimen.

Per il 2008, oltre all’invio di sms e alle quote d’iscrizione delle gare delle famiglie, gli atleti potranno aderire al progetto anche tramite un’offerta libera all’atto dell’iscrizione e infine, presso il “villaggio africano” allestito al Parco San Giuliano e negli appositi punti allestiti lungo il percorso della maratona, i runners, i visitatori e gli spettatori che vorranno offrire il proprio contributo riceveranno la maglia ufficiale Radio DeeJay – Venicemarathon appositamente creata per l’occasione.

Il progetto di solidarietà, sposato da Venicemarathon nel 2006, con il nobile intento di avvicinare idealmente una città ricca d’acqua come Venezia ad una delle regioni dell’Africa più povere d’acqua del mondo, ha come testimonial il maratoneta abruzzese del gruppo sportivo Carabinieri Alberico Di Cecco: “Ho preso a cuore da subito l‘iniziativa perché conosco la serietà e la professionalità sia di Africa Mission che degli organizzatori di Venicemarathon e mi è piaciuto moltissimo il connubio tra la città di Venezia, che a volte deve affrontare disagi per la troppa acqua e l’Uganda dove la gente muore di sete. Penso che, come nella maratona, un piccolo sacrificio come quello di una donazione possa portare grandi soddisfazioni, come il sapere che hai donato il sorriso e la vita a qualcuno”.

Oltre al progetto “Run for Water, Run for Life”, verrà riproposta la collaborazione con l’Ufficio Eliminazione Barriere Architettoniche del Comune di Venezia, che ha consentito negli ultimi due anni di prolungare il tempo di permanenza in loco delle rampe allestite sui 13 ponti del percorso veneziano della maratona. Lo scorso anno sono rimaste percorribili fino a Carnevale, consentendo così alla città di acquistare una nuova accessibilità non solo per la giornata della corsa.

Intanto, prosegue a pieno regime l’organizzazione della 23° Venicemarathon in programma il prossimo 26 ottobre. Il numero degli iscritti, che ad oggi supera largamente quota 2.000, rappresenta già il 30% in più rispetto lo stesso periodo dello scorso anno e mostra un incremento positivo della partecipazione di atleti stranieri. Quest’importante risultato è stato raggiunto grazie anche al progetto “Il Veneto Corre tra la Terra e il Cielo”, iniziativa promossa dalla Regione Veneto e che ha portato Venicemarathon (assieme alla Maratona S.Antonio di Padova e alla Treviso Marathon) nelle fiere delle più importanti maratone al mondo, tra cui New York, Londra, Parigi, Rotterdam, Madrid, Stoccolma e Roma.

Un’altra importante novità sarà il convegno “Fisco e Sport”, in programma nei giorni che anticiperanno la gara, e che sarà rivolto a tutte le persone, enti e società sportive che devono far fronte alle molte e complicate normative fiscali.

Confermate le iniziative collaterali a partire da Exposport, la fiera dello sport e del tempo libero, che si terrà come di consueto al Parco San Giuliano di Mestre dal giovedì precedente la maratona. Oltre ad Exposport il Parco, sempre al centro degli eventi di Venicemarathon, ospiterà Open Sport, l’iniziativa organizzata con il CONI di Venezia che consente ai bambini e ai ragazzi di cimentarsi nelle diverse discipline sportive.

Riconfermato l’appuntamento con le due Family Run, targate OVIESSE e BANCO SAN MARCO, aperte a famiglie e studenti e che si svolgeranno il sabato precedente la Maratona all’interno del Parco San Giuliano di Mestre e a Dolo.

Per quanto riguarda gli aspetti tecnici della gara, nella prossima edizione i runners potranno contare sul supporto del Sector No Limits Pace Maker Team - gruppi di “lepri” facilmente riconoscibili da palloncini colorati, che aiuteranno a portare a termine la maratona nei vari tempi prestabiliti. Chi seguirà i pacers sarà sicuro di ottenere il proprio obiettivo cronometrico, con uno scarto massimo di pochi secondi.

Il programma My 1st Marathon, iniziato lo scorso 7 luglio, consentirà a chi è esordiente sulla distanza di essere assistito nella preparazione della maratona dalla nostra esperta Julia Jones, che compila le tabelle di allenamento e segue costantemente gli atleti durante i mesi precedenti la gara.

Dal punto di vista commerciale, l’ingresso di nuovi partner di livello nazionale ed internazionale dimostra la solidità e l’appeal dell’evento anche in una situazione economica non favorevole.
ASICS è il nuovo sponsor tecnico che accompagnerà Venicemarathon fino al 2010, anno del 25° anniversario della maratona.
POWERADE PRO, lo Sport Drink Isotonico di The Coca-Cola Company è il nuovo Sponsor e Fornitore Ufficiale di Venicemarathon per i prossimi 3 anni. Powerade Pro idraterà efficacemente tutti gli atleti in gara lungo il percorso e al ristoro finale.
Tra i fornitori ufficiali SECTOR NO LIMITS, YAKULT e PINO SILVESTRE affiancano per la prima volta Venicemarathon.
Hanno invece riconfermato la loro importante collaborazione CASINO’ DI VENEZIA, BANCO SAN MARCO, GROUPAMA, OVIESSE, INSULA, GRUPPO VERITAS, SAN BENEDETTO, GRUPPO ACTV, SOCIETA’ AUTOSTRADE VENEZIA-PADOVA, COLDIRETTI, RUSSOTT HOTEL. RADIO DEE JAY, infine, sarà anche per questa edizione la radio ufficiale di Venicemarathon.

Venicemarathon porta l'acqua in Africa
Venicemarathon non è solamente corsa, ma anche solidarietà.

In questo ambito nasce il progetto “Run for Water, Run for Life” in collaborazione con Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo, che da più di trent’anni opera in Africa, per raccogliere fondi da utilizzare per la costruzione di pozzi d’acqua nella povera regione ugandese del Karamoja.
Il progetto è in atto già dal 2006, anno nel quale sono stati raccolti più di 15.000 euro interamente utilizzati per la costruzione di un pozzo d’acqua "intitolato" a Venicemarathon ed ai suoi amici. Nel 2007 i fondi raccolti sono stati ancora maggiori e sono al momento utilizzati per la costruzione di altri pozzi.

Partecipare alla realizzazione di questo piccolo grande atto di solidarietà è facile: nei giorni a cavallo della 23ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia verrà attivato un numero SMS solidale, come già negli anni scorsi, attraverso cui sarà possibile donare 1 euro all’iniziativa. In alternativa, si può effettuare una donazione al momento già dell’iscrizione a Venicemarathon.
Venicemarathon cerca inoltre di rendere partecipi i ragazzi delle scuole alle sue iniziative solidaristiche: una parte del ricavato delle due Family Run (le corse non competitive riservate ai ragazzi delle scuole e alle famiglie, che si corrono il giorno prima della maratona al Parco San Giuliano e a Dolo) verrà infatti devoluto a Africa Mission.

Nei giorni di apertura di Exposport, infine, sarà possibile trovare Africa Mission nel "villaggio africano" allestito proprio all'interno della Fiera dello Sport, quartier generale della maratona.

www.africamission.org
"Il Veneto corre" si fa in tre
Non ci sarà solo la Maratona S.Antonio. Il calendario internazionale delle corse su strada domenica 27 aprile propone altri due appuntamenti di primissimo livello, a Vienna e Madrid. Appuntamenti a cui le Tre Maratone non possono mancare: lo stand che accomuna Padova, Venezia e Treviso questa settimana si farà letteralmente… in tre e sarà presente sia all’Expo allestito in Prato della Valle, sia a quelli della capitale austriaca e della capitale spagnola. Insomma: dove c’è maratona c’è il Veneto, con i suoi itinerari storici, artistici e gastronomici.

L’Expo di Padova aprirà i battenti alle 10 di mattina di venerdì 25 aprile, per proseguire sino alle 17 di domenica. Qui gli atleti potranno ritirare il proprio pacco gara, trovando anche uno stand gastronomico aperto a tutti e la possibilità di degustare prodotti tipici locali e di partecipare al Pasta Party, al Pizza Party, e agli spettacoli in piazza, con giochi e animazione per i bambini.

Anche il Vienna City Marathon Expo spalancherà le proprie porte alle 10 di venerdì mattina, pronto a ricevere i circa 25 mila atleti iscritti alla gara austriaca, giunta alla sua venticinquesima edizione. I 4.000 metri quadri dell’«Expodepor 2008» di Madrid accoglieranno invece atleti e visitatori già dalle 11 di giovedì 24 aprile, per la trentunesima edizione della manifestazione spagnola.

Dopo le tappe di Parigi, Londra e Rotterdam, continua dunque il tour internazionale delle Tre Maratone, promosso dalla Regione per far conoscere i tre avvenimenti sportivi e lo splendido territorio che fa loro da sfondo. Il «Veneto corre», e non si stanca mai.
La Venicemarathon a Zurigo
Da oggi fino a domenica il tour promozionale di Venicemaratahon farà tappa a Zurigo. Si tratta di una meta inedita, mai visitata in passato, ma di sicuro interesse per la promozione della maratona lagunare.

Il percorso della gara, che conta più di 6.000 partecipanti, si sviluppa prevalentemente lungo le rive del lago di Zurigo con un andamento sinuoso, ma scorrevole, come è testimoniato dal record della gara di 2:08:19 stabilito lo scorso anno dal campione elvetico Viktor Roethlin.
Le tre maratone raddoppiano
Londra e Rotterdam, due tra le più prestigiose maratone primaverili. Due appuntamenti, in cartellone entrambi domenica 13 aprile, a cui il Veneto non poteva mancare. E infatti le Tre Maratone per l’occasione si sono “sdoppiate” e saranno presenti con un proprio stand sia all’interno dell’Expo della capitale inglese, sia nella città di mare olandese.

La Maratona di Londra è da sempre una delle più attese. Al via anche quest’anno ci sarà l’azzurro Stefano Baldini, campione olimpico in carica, pronto a dar battaglia ai vari Lel, Mutai, Limo e Kamau. Ma a loro modo correranno anche Venezia, Padova e Treviso, presenti per promuovere le proprie gare ma anche gli itinerari storici, artistici e gastronomici del Veneto. Il “palcoscenico” è quello giusto: l’edizione 2008 della “London Marathon Exhibition” è la più grande degli ultimi anni. Iniziata mercoledì, richiamerà nei propri padiglioni almeno 70 mila visitatori, 25 mila dei quali coinvolti nella sola giornata di sabato.

Ne attirerà molti anche l’Expo della “Fortis Marathon Rotterdam”, che aprirà i battenti venerdì e rimarrà aperto sino a domenica. Sarà, questa, la terza tappa internazionale nel viaggio delle Tre Maratone, tour che la scorsa settimana ha fatto scalo a Parigi e che continua a promuovere il Veneto e le sue corse su strada in giro per il mondo.
Le tre maratone all'assalto di Parigi
Parigi val bene una corsa. A pochi giorni dall’ultima, splendida edizione della Treviso Marathon e a tre settimane dalla Maratona S.Antonio del 27 aprile, prosegue il viaggio di «Il turismo veneto corre», il tour che sta portando le Tre Maratone attraverso i centri espositivi legati ai più importanti appuntamenti podistici mondiali. Stavolta lo stand di Padova, Venezia e Treviso sarà presente alla trentaduesima Marathon de Paris, in programma domenica 6 aprile.

L’Expo alle porte di Versailles è una tappa obbligata per i 35 mila iscritti alla gara francese. Sono circa 60 mila, però, i visitatori che ogni anno si incontrano, comunicano e scoprono le novità del settore nel “Parc des Expositions” francese, per questa edizione aperto dalle 15 di giovedì pomeriggio sino alle 20 di sabato sera.

Un’occasione unica per promuovere gli itinerari storici, artistici e gastronomici del Veneto e per distribuire il materiale illustrativo delle Tre Maratone. La prossima settimana il tour proseguirà il suo itinerario europeo, “sdoppiandosi” per essere presente in contemporanea a Londra e a Rotterdam, sedi di due delle più prestigiose maratone primaverili.
A Treviso protagoniste anche Venezia, Padova e la Regione Veneto
Nei giorni scorsi il tour promozionale de "Il Veneto corre" ha fatto tappa a Treviso, in occasione della quinta edizione della Treviso Marathon.

All'interno dell'area espositiva allestita nelle vicinanze dello Stadio "Tenni" era presente - come è ormai diventata una tradizione - l'ampio stand delle 3 maratone di Venezia, Padova e Treviso. Anche questa volta, sono stati migliaia i contatti raggiunti e le copie di materiale distribuito tra volantini delle gare e brochures con informazioni turistiche vere e proprie.
Il Veneto corre... a Roma
Nell'ambito del progetto "Il Veneto corre" il tour promozionale delle Maratone di Venezia, Padova e Treviso ha fatto tappa lo scorso weekend a Roma, in occasione del tradizionale appuntamento con la maratona della città capitolina.

Nello stand collocato all'interno del Marathon Village al Palazzo dei congressi, le tre principali gare podistiche venete hanno promosso le proprie attività, insieme con le opportunità turistiche e culturali offerte dalla Regione Veneto.

Il prossimo appuntamento è per l'ultimo weekend del mese di marzo, dove le 3 maratone "giocheranno in casa" essendo infatti presenti all'expo della Treviso Marathon.

Nel frattempo, Buona Pasqua a tutti!
Le tre maratone corrono con la RomaOstia
Riparte il viaggio di «Il turismo veneto corre». Ricomincia dalla Roma-Ostia, la mezza maratona in cartellone domenica mattina, con partenza alle 9 e mezza. Giunta alla 34a edizione, è ormai una classica capace di richiamare sia i migliori specialisti in circolazione (tra cui il padovano Ruggero Pertile) sia una larga fetta di appassionati, migliaia di podisti che ogni anno si ritrovano davanti al Palalottomatica per il via. Ma in gara, a loro modo, ci saranno anche le maratone di Treviso, Padova e Venezia, presenti con uno stand all’interno dell’Expo al Salone delle Fontane, a Roma.

E’ questa la prima tappa del 2008 di un tour che porterà le Tre Maratone attraverso venticinque centri espositivi legati ai più importanti appuntamenti mondiali, da Parigi a Londra, da Vienna a Berlino, da Monaco a New York. Il tutto passando, ovviamente, anche per l’ormai vicina Treviso Marathon, in programma domenica 30 marzo, per la Maratona S.Antonio del 27 aprile e per la Venicemarathon del 26 ottobre.

All’interno dello stand delle Tre Maratone sarà distribuito il materiale illustrativo degli eventi e saranno promossi gli itinerari storici, artistici e gastronomici del Veneto. Nel corso del tour internazionale del 2007 sono stati più di un milione i volantini, le brochures e i dépliants promozionali del territorio consegnati. Un numero destinato a raddoppiare quest’anno.

Ma le Tre Maratone saranno presenti anche alla BIT (la Borsa Internazionale del Turismo) di Milano, uno dei più importanti appuntamenti dedicati a viaggiatori e operatori nazionali ed internazionali. Nello stand della Regione Veneto saranno dispensate le copie della rivista «Veneto&Veneti: genti, storie, sapori e profumi tra la terra e il cielo», all’interno della quale è presente un ampio servizio dedicato al progetto. Sabato mattina, alle 10, verrà poi presentato il tour 2008.
Il Comune di Venezia e il Venicemarathon Club organizzano un fine settimana all'insegna dell'accessibilità per 24 atleti disabili
Un weekend all'insegna dell'accessibilità, per mostrare quanto è stato fatto dall'Amministrazione comunale e Venicemarathon per rendere la città il più possibile fruibile e accessibile. Dal 18 al 20 gennaio, 24 persone con disabilità in carrozzina, con i loro accompagnatori, saranno ospitate in città e potranno usufruire gratuitamente di alberghi, ristoranti, trasporti e musei accessibili. L'iniziativa "Il Comune di Venezia e il Venicemarathon Club per una Venezia accessibile", organizzata con la collaborazione dell'Ava, l'Associazione veneziana albergatori, dell'Aepe, l'Associazione esercenti pubblici esercizi, di Actv e Vela, di Tu.Ri.Ve, l'Associazione delle guide turistiche di Venezia, e di Bullo Tecnologie e Servizi, è stata presentata questa mattina a Ca' Farsetti con una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, gli assessori comunali ai Lavori pubblici di Venezia, Mara Rumiz, e allo Sport, Sandro Simionato, il presidente onorario del Venicemarathon Club, Piero Rosa Salva, il consigliere comunale e delegato del sindaco sui temi della mobilità e accessibilità per le persone a mobilità ridotta, Giuseppe Toso.

Ideata per premiare gli atleti disabili che hanno partecipato alle ultime edizioni della maratona, l'iniziativa - come ha sottolineato l'assessore Rumiz - sarà l'occasione per sfatare il luogo comune di una città inaccessibile alle persone disabili e per testimoniare il lavoro finora svolto da tutti i soggetti interessati all'abbattimento delle barriere architettoniche e culturali. L'assessore Simionato ha ribadito la validità del progetto, che nasce dallo sport e sposa le politiche dell'Amministrazione sui temi della fruibilità, dando alla città la possibilità di ampliare le zone accessibili. Durante il fine settimana, infatti, gli ospiti sperimenteranno l'accessibilità della città, testando il trasporto pubblico e quello dedicato, provando rampe e servoscala, visitando musei e luoghi d'arte. Il sindaco Cacciari ha espresso apprezzamento per l'apporto dato da parte delle categorie economiche della città. Questa collaborazione è stata possibile - ha detto il sindaco - perché si sta realizzando un progetto i cui obiettivi sono chiari e trasparenti: è seguendo questo metodo che continueremo la nostra proficua collaborazione.

Il programma delle giornate prevede, il 18 gennaio, l'arrivo a Venezia con mezzi propri e, in caso di utilizzo dell'auto, la possibilità di usufruire del parcheggio gratuito nell'autorimessa comunale. Un servizio di accoglienza accompagnerà poi gli atleti al loro albergo. Sabato 19 gennaio è prevista una visita turistica con guida specializzata e, la sera, una cena di benvenuto con le autorità locali. Infine, domenica sarà fornita agli ospiti assistenza per la partenza.

Determinante per la riuscita del progetto, il supporto della Soprintendenza ai Beni artisti e architettonici, che ha espresso parere favorevole alla permanenza delle rampe collocate sui 13 ponti della Venicemarathon fino al termine di Carnevale.

Comunicato a cura dell'Ufficio Stampa del Comune di Venezia