Premiati gli atleti e le società veneziane

I protagonisti veneziani della 24a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia si sono ritrovati lo scorso 20 novembre al Russott Hotel di Mestre, per prendere parte alla premiazione indetta dagli organizzatori della maratona e da Banco San Marco.

Nell’occasione sono state premiate tutte le 32 società della Provincia di Venezia che hanno preso parte alla manifestazione dello scorso 25 ottobre con almeno un atleta, e il primo uomo e la prima donna classificati per ciascuna società.

I premiati hanno ricevuto una coppa del Banco San Marco e l’iscrizione gratuita alla 25a Venicemarathon, mentre alle società veneziane è stata consegnata una targa a ricordo della partecipazione.

Un premio speciale è stato conferito al BREMA RUNNING TEAM che, con ben 41 atleti giunti al traguardo, si è aggiudicato il Trofeo Banco San Marco.

Riconoscimento speciale anche per la prima veneziana e il primo veneziano classificati, la top runner Giovanna Volpato e Giorgio Zanta dell’Atletica San Marco Venezia, che si sono aggiudicati il 2° Trofeo Banco San Marco.

Presenti alla serata, il Presidente Onorario di Venicemarathon Piero Rosa Salva, il Vice Presidente di Venicemarathon Stefano Fornasier, il Segretario Generale di Venicemarathon Lorenzo Cortesi, e i consiglieri Andrea Basso e Claudio Zamengo che hanno premiato gli atleti assieme al rappresentante del Banco San Marco Dario Santi.

A far gli onori di casa il Presidente Onorario di Venicemarathon Piero Rosa Salva che ha espresso grande soddisfazione per la sempre più nutrita e sentita partecipazione da parte delle società veneziane alla maratona.

Per Dario Santi, rappresentante del Banco San Marco: “è un onore far parte della famiglia della Venicemarathon, alla quale siamo legati da tempo, ed è un onore poter gratificare assieme agli organizzatori le società e gli atleti locali che rendono grande questa manifestazione che ben rispecchia i valori della nostra banca”.

Di seguito l’elenco dei premiati:

Cognome Nome Società Tempo
ANFODILLO TOMMASO G.S.A. Venezia 3.32.00
BELLATO CLAUDIO Atl. Audace Noale 2.49.23
BERGAMO MASSIMO Atl. Jesoloturismo 2.57.41
BERTOLDO LUIGI Atletica Agora' 3.05.42
BOFFO MARCO Brema Running Team 2.33.09
BRAGATO ALESSIA Runners Club Agggredire 3.28.36
BRUNI ANTONIO Amatori Atletica Chirignago 2.58.44
BUSO GIANPAOLO Essetre Running 3.05.59
CACCIATORI MONICA Atl. Audace Noale 3.42.40
CALLIGARIS MASSIMO Runners Club Agggredire 2.59.16
CAMPAGNARO MOIRA Asi Veneto 3.06.09
CANDIOTTO LUCIA A.S.D. Atletica San Rocco 3.29.59
CARLIN MONICA Brema Running Team 2.56.32
CAUSIN ACHILLE Atl Lib Mirano 2.59.14
CIPRIANO ANTONELLA Sez.Atl.Ca.Ri.Ve. 4.31.51
COCCATO FRANCESCO Atletica Riviera Del Brenta 3.11.26
COPPO MASSIMO Atl.Body Studio Bofrost 3.40.21
CREUSO FLAVIO A.S.D. Atletica San Rocco 2.42.26
DE ANGELI GIANPIETRO Sez.Atl.Ca.Ri.Ve. 3.09.45
ENZO MANUELA Ass. Sport Dil. Jolly 4.38.18
FANTON LORIS Spotorni Run 2.39.42
FOCARDI RICCARDO Atl C.R.C. Ca'Foscari 3.19.10
GALZIGNATO LUCA Vigili Del Fuoco Venezia 3.25.58
GIACOMAZZO STEFANO Olimpicaorle 3.07.56
MASETTO STEFANO Gs.Tortellini Voltan Martellag 2.47.29
MOGNATO LORIS Atl. C.R.A. Generali Venezia 3.00.25
MORANO SALADO PALOMA Polisportiva Venezia Triathlon 2.48.25
NOVELLO IVANO Pol. Biancazzurra Pettinelli 2.39.40
ORMENESE GIULIANO Atl.Mirafiori 3.24.38
PAGGIARIN LORENZA Atletica Riviera Del Brenta 3.52.27
PAGNIN STEFANIA Aics Marathon Cavalli Marini 4.40.20
PENZO FRANCESCO Venezia Runners Atl.Murano 2.57.54
PENZO MONICA Venezia Runners Atl.Murano 3.22.50
PESTUGIA ANDREA Ga Aristide Coin Venezia 1949 2.46.59
POLLEY MELANIA Essetre Running 3.47.35
PULIERO EMANUELA Pol. Biancazzurra Pettinelli 3.25.42
RANZATO RENZO Aics Marathon Cavalli Marini 2.56.32
RIZZO GUIDO Polisportiva Venezia Triathlon 3.17.39
ROSSI JURIS Ass. Sport Dil. Jolly 2.45.44
ROSSI NICOLETTA Amatori Atletica Chirignago 3.43.24
SCARPA ANDREA Atl. Biotekna Marcon 2.53.07
SIMONE JENNY Atl. Mirafiori 4.02.24
VANZETTO GIORGIO Venicemarathon Club 2.55.59
VEDOVATO EMILIANO Polisport. Sporting Club Noale 3.31.54
VIANELLO MIRNA Venicemarathon Club 3.43.08
VISENTIN GIULIA Atl. Jesoloturismo 4.23.22
ZANTA GIORGIO Atletica San Marco Venezia 2.32.28
ZUCCA MASSIMO Atletico Sala 3.46.07
Zanardi mette all'asta la tutina della vittoria
Alex Zanardi, vincitore nella categoria hand-bike dell’ultima Venicemarathon ­ Trofeo Casinò di Venezia dello scorso 25 ottobre, ha deciso di mettere nell’asta di beneficenza di eBay il body di gara con cui ha messo a segno la sua prima vittoria di carriera, da quando corre sulle 3 ruote.

Il ricavato della vendita della tutina, autografata e realizzata ad arte dalla Rudy Project, servirà per costruire pozzi d’acqua potabile in Uganda, a supporto del progetto Run for Water, Run For Life, promosso dalla Ong-Onlus Africa Mission ­ Cooperazione e Sviluppo e da Venicemarathon.

Dal 2006 la Maratona di Venezia e la Ong piacentina hanno donato da bere a 7.512 persone attraverso la costruzione di 6 fonti d’acqua pulita e la riattivazione di 3 pozzi esistenti, ma non più funzionanti, tutto grazie ai fondi raccolti in occasione della manifestazione e grazie all’invio di sms solidali attraverso le compagnie telefoniche che hanno aderito al progetto: TIM, Vodafone, Wind e Telecom Italia.
Nell’arida Regione del Karamoja, oggi sono sei i villaggi e tre le scuole che hanno accesso al bene più prezioso della terra, grazie a chi ha deciso di correre per una buona causa.

Alex Zanardi si rende così protagonista di un bellissimo gesto di solidarietà e di riconoscenza verso i progetti benefici sostenuti dalla Venicemarathon.

“Per me è un gesto simbolico, pur sperando che il ricavato sia qualcosa in più di una goccia nel mare. Privarmi di un oggetto che per me ha un valore altissimo significa voler lanciare un messaggio per trovare la generosità di altre persone disposte a mettersi in scia agli amici di Venicemarathon nel contribuire a rendere ancora più efficace il progetto Run For Water, Run For Life”.

L’asta è iniziata ieri, giovedì 12 novembre, sul sito http://pages.ebay.it/charity/ e terminerà giovedì 19 novembre. La cifra simbolica di partenza è di 1 euro.

Di seguito il link diretto alla pagina: http://members.ebay.it/ws2/eBayISAPI.dll?ViewUserPage&userid=onluscampo.
Komen, Kosgei e Zanardi sono i trionfatori di Venicemarathon
È stata, per molti aspetti, un’edizione straordinaria la 24a Venicemarathon che si è corsa ieri mattina da Stra a Venezia, in una splendida e ancora calda giornata d’inizio autunno. Il keniano John Komen ha fatto registrare il nuovo record della corsa con 2h08’13” (precedente: Makori 2h08’49” nel 2002), Anne Kosgei ha rotto l’incantesimo riuscendo a mettere la firma sulla maratona con il primato personale 2h27’46” dopo i diversi secondi posti, Alex Zanardi ha ottenuto il primo successo in carriera nella gara di hand-bike ed infine, oltre 6.491 atleti si sono dati appuntamento davanti a Villa Pisani per colorare di entusiasmo la Riviera del Brenta e Venezia. Unica nota dolente, l’ottavo posto di Giovanna Volpato che qui cercava la prestazione.

La gara, che ha visto anticipare per la prima volta quest’anno la partenza delle atlete professioniste, si è accesa come sempre negli ultimi chilometri. Il keniano Komen, che fino al 35° era rimasto nel gruppo, ha preso la parola proprio al termine del Ponte della Libertà e si è lanciato in una progressione sempre più sostenuta malgrado l’insidia dei 14 ponti finali. Dietro di lui i connazionali Paul Samoei con il nuovo primato personale di 2h10’09” (precedente: 2h11'37'' questa primavera a Torino) e Benson Cherono in 2h10’19”. Komen, ex terzino di calcio affacciatosi al mondo delle maratone solo lo scorso anno, aveva già fatto intendere in conferenza stampa di essere molto in forma e soprattutto fresco del nuovo primato personale sulla mezza di 1h01’57” fatto a Torino quest’anno. Solo 4° l’ucraino Oleksandr Kuzin, mentre il primo italiano al traguardo è stato Pasquale Rutigliano dell’Esercito in 2h20’18”.

La gara femminile è stata una sfida Kenya – Etiopia tra la Kosgei e le etiopi Yal Koren e Haji Makda fino al Parco San Giuliano (30° km). La keniana sapeva di essere in forma e non voleva farsi scappare l’occasione di strappare finalmente una vittoria alla sua portata. L’etiope Koren è infatti giunta al traguardo con un ritardo di 55” (2h28’41”) mentre la russa Alena Samokhvalova si è lanciata all’inseguimento del gruppo di testa negli ultimi chilometri, riuscendo a superare l’altra etiope Makda e a raggiungere quasi al traguardo la Koren. Il suo tempo finale è stato di 2h28’47”.

Male Giovanna Volpato che non è riuscita a fare meglio di 2h32’12”, tempo che l’ha vista tagliare il traguardo all’ottavo posto. “Non so neppure io cosa sia successo in gara, anzi me lo sto chiedendo ancora adesso. La maratona dovrebbe essere come la matematica: se i calcoli sono giusti, tornano. Invece oggi non è stato così e purtroppo non capisco neppure il perché visto che stavo bene, i tempi in allenamenti davano i giusti riscontri”.

Alex Zanardi ha messo la ciliegina su questa splendida giornata vincendo la sua prima Venicemarathon nella gara di hand-bike in1h13’56”. “Ci speravo molto in questo risultato! Non posso dire che ne ero sicuro, ma ci speravo. Sono uscito di strada al Parco San Giuliano dopo una curva e mi è caduta tre volte la catena ma non mi sono perso d’animo, anzi ho ricominciato a spingere come un dannato”. Dietro di lui Mauro Cattai (1h14’54”) e Cristiano Picco (1h30’06”).

Gli stranieri hanno rappresentato il 20,5% degli iscritti e 55 sono state le nazioni presenti. La più rappresentata, dopo l'Italia che conta ben 5.092 iscritti, è stata la Francia con i suoi 298 atleti, seguita da Gran Bretagna (216 atleti) e Germania (147), mentre la regione italiana più rappresentata è ovviamente il Veneto con 2164 iscritti, di cui 710 della provincia di Venezia, 525 di Treviso e 480 di Padova, seguita da Lombardia con 1059 e in terza fila con un notevole distacco l’Emilia Romagna con 322.

Hanno tagliato il traguardo in 5.558 atleti. Il corridore più anziano è stato un maratoneta italiano di 80 anni mentre le maratonete più mature sono state un’italiana ed una straniera, entrambe di 70 anni. Sono stati ben 18 gli atleti che oggi hanno compiuto gli anni. L’ultimo a tagliare il traguardo è stato l’ipovedente Norberto e Katia che hanno chiuso la loro avventura in 6h24’24”.

Premi speciali questa mattina per Alex Zanardi che ha ricevuto il Trofeo Porto di Venezia dall’ Autorità Portuale di Venezia, Oleksandr Kuzin ha ricevuto il premio Compeed ‘La Solidarietà in gara con te’. Il tempo di 2h10’54” dell’ucraino è diventato una donazione di 1.005,27 euro a sostegno di Susan G. Komen Italia, onlus attiva nella lotta ai tumori al seno.
Il premio Banco San Marco riservato al primo veneziano e alla prima veneziana al traguardo è stato dato a Giovanna Volpato e Giorgio Zanta mentre il premio speciale Trofeo Sprint è stato consegnato da Il Gazzettino sempre alla Volpato, in qualità di atleta del Veneto o del Friuli Venezia Giulia giunta per prima all’arrivo.

Lungo il percorso ci sono stati punti di ristoro ogni 5 km, per i quali sono stati impiegati oltre 60.000 bottiglie di Acqua San Benedetto e 60.000 bottiglie di Powerade. A partire dal ventesimo chilometro oltre agli integratori liquidi gli atleti sono state fornite 30.000 confezioni di biscotti Palmisano e quasi 60 quintali di frutta fresca offerta dalla Coldiretti.
Il ristoro finale è stato arricchito anche dai prodotti Alpro Soya e Yakult, mentre alle migliaia di spettatori assiepati negli ultimi chilometri del percorso sono state distribuite Mentos Gum.
Dopo l'arrivo, poi, gli atelti hanno potuto usufruire gratuitamente del servizio Pasta Party, con le ottime penne rigate di Pasta Zara ed i prodotti tipici dei consorzi agroalimentari della Provincia di Venezia.

Una maratona anche di numeri quella di oggi che ha visto oltre 2.000 volontari in azione, 450 rappresentanti delle forze dell’ordine, 16 ambulanze pronte ad intervenire lungo il percorso, 3 postazioni fisse di soccorso, 2 idroambulanze.

Si archivia un'altra splendida edizione, trampolino di lancio per le nozze d’argento del 2010.
Giovanna Volpato: 'La gara di casa mi stimola'

L’atleta di casa Giovanna Volpato sarà una delle protagoniste della 24ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia, al via domenica 25 da Villa Pisani a Stra. La maratoneta di Mira, che corre per i colori dell’Assindustria Sport Padova, fa il suo ritorno a Venezia cinque anni dopo quell’edizione, del 2004, che la vide salire sul secondo gradino del podio alle spalle della keniana Ekimat.

“Il tifo di casa mi stimola, anche se il percorso lo conoscono meglio le mie avversarie che hanno corso questa maratona molte più volte di me. Il cast delle atlete è in effetti di livello, ma io mi saprò ben comportare perché sto bene, sono serena e carica.”

Fari puntati quindi sulla gara femminile che vedrà al via atlete che hanno fatto la storia della Venicemarathon come Lenah Cheruyot, dominatrice delle edizioni 2006 e 2007 e detentrice del record della corsa (2h27’02”) e Anne Kosgei già tre volte seconda (2002, 2007 e 2008). Ad impensierirle, oltre alla Volpato, ci sarà la portoghese Ana Dias, all’esordio a Venezia ma che vanta un personale di 2h28’49” fatto registrare alla maratona di Berlino nel 2003.
La prima metà di gara sarà guidata dalla maratoneta della Forestale Bruna Genovese che le piloterà fino alla mezza maratona per un passaggio previsto di 1h13’50”, dopodiché il testimone passerà a Florence Chepsoi.

In campo maschile, proverà a bissare il successo il keniano della tribù Nandi Joseph Lomala, vincitore in volata lo scorso anno con 2h11’06’’, di nuovo in gara dopo un anno tribolato. Assieme a lui, i migliori rappresentanti del Kenya saranno: Benson Cherono Kipchumba, vincitore della maratona di Milano nel 2006 con il personale di 2h07’58”; John Kipkorir Komen che vanta un personale di 2h08’06” fatto registrare lo scorso anno al debutto in maratona, e un personale di 1h01’57” sulla mezza fatto quest’anno a Torino; Ben Kipruto Chebet vincitore quest’anno della maratona di Padova con il personale e nuovo record della gara di 2h09’41”. L’atleta con il miglior accredito resta però Oleksander Kuzin, che alla maratona di Linz nel 2007 fece fermare il cronometro a 2h07’33”. Presente in ben due edizioni della Venicemarathon, l’ucraino concluse quella del 2000 al 9° posto mentre nel 2005 fu 4° con il tempo di 2h10’54”.

In campo azzurro, sarà al via con il pettorale n°8 l’italo-marocchino Mostafà Errebah, classe 1971, che corse già a Venezia nel 2003 con il tempo di 2h13’49”.

Nella gara di hand-bike, esordio alla Maratona di Venezia per l’ex pilota di Formula Uno Alex Zanardi. Reduce dal debutto in maglia azzurra ai Campionati del Mondo di Paraciclismo di Bogogno (NO), per Alex questa sarà la 4ª maratona. Tra gli avversari, spicca ancora una volta il nome di Mauro Cattai vincitore della 20ª, 22ª e 23ª Venicemarathon.
La gara di hand-bike partirà 9.19, alle 9.22 le donne top runner mentre alle 9.31 gli uomini e la massa degli oltre 6.900 iscritti.

Questa mattina, durante la conferenza stampa dei Top Athletes è stata ricordata la figura di Primo Nebiolo a 10 anni dalla scomparsa. L’uomo che è stato alla guida della Federazione Internazionale di Atletica Leggera (Iaaf) per diversi anni, è stato anche una figura decisiva nella nascita della maratona di Venezia. Alla vedova Giovanna, presente in sala, è stato consegnato come ricordo una foto della prima Venicemarathon, dove il vincitore Salvatore Bettiol veniva premiato proprio da Nebiolo.

Durante la conferenza questa mattina è stata inoltre sottoscritta dal Coni Veneto la “Dichiarazione del Panathlon sull’Etica dello sport giovanile”. La firma è stata posta da Gianfranco Bardelle, presidente del Coni regionale, Massimo Rosa, governatore dell’Area 1 Triveneto oltre alle firme dei Presidenti di Panathlon e Coni provinciali.

Tra le curiosità di domani: la nazione più rappresentata, dopo l'Italia che conta ben 5092 iscritti, è la Francia con i suoi 298 atleti, seguita da Gran Bretagna (216 atleti) e Germania (147), mentre la regione italiana più rappresentata è ovviamente il Veneto con 2164 iscritti, di cui 710 della provincia di Venezia, 525 di Treviso e 480 di Padova, seguita da Lombardia con 1059 e in terza fila con un notevole distacco l’Emilia Romagna con 322.

Il corridore più anziano sarà un maratoneta italiano di 80 anni mentre i più giovani sono due neo-diciottenni, uno italiano ed uno straniero.
Per le donne, invece, le maratonete più mature sono un’italiana ed una straniera, entrambe di 70 anni; la più giovane sarà invece una straniera di 20 anni.

Ben 18 gli atleti che spegneranno le candeline il giorno della corsa.

Molte le professioni rappresentate dagli atleti, di cui le più numerose: 782 sono impiegati, 401 operai, 110 sono commercianti ed altrettanti gli artigiani.

Pistorius e Zanardi inaugurano le rampe 'Venezia accessibile'

Oscar Pistorius e Alex Zanardi hanno inaugurato le 13 rampe di legno che dal 19 ottobre all’11 febbraio 2010 ricopriranno i tredici ponti di Venezia, da San Basilio (area del Porto) ai Giardini della Biennale. Con una pendenza inferiore all’8%, queste rampe avranno il duplice intento di facilitare l’azione di corsa degli oltre 6900 maratoneti al via domenica per la 24a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia, ma soprattutto di permettere una migliore fruibilità della città da parte dei disabili per molti mesi all’anno.

Oltre due mesi di accessibilità garantita in più parti della città, un’opportunità unica per vivere Venezia come mai prima.

I dettagli di quest’importante progetto di sensibilizzazione e apertura della città alle problematiche dell’accessibilità ai disabili, che prende il nome di ‘Venezia Accessibile – le barriere si superano di corsa’ e che da cinque anni è promossa di concerto dal Comune di Venezia e dagli organizzatori della maratona, sono stati illustrati questa mattina nel corso di una conferenza stampa, che ha avuto luogo nelle elegantissime sale dell’hotel Metropole di Venezia. Erano presenti Mara Rumiz, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Venezia, Sandro Simionato, Assessore allo Sport e alle Politiche Sociali del Comune di Venezia, Maurizio Calligaro, Direttore Gabinetto del Sindaco - Relazioni Esterne e Comunicazione, Giuseppe Toso, Consigliere Delegato per la Mobilità delle Persone con Disabilità, Lucia Baracco, Dirigente dei Servizi di Comunicazione al Cittadino ed Enrico Jacomini, Presidente Venicemarathon.

Dopo il successo riscosso nelle edizioni precedenti, apprezzate non solo dalle persone con disabilità motoria ma anche dalle mamme con i passeggini, dai turisti con le valigie e dagli anziani con le borse della spesa, l’iniziativa verrà quindi prorogata fino al periodo di carnevale.

I presenti hanno sottolineato l’impegno sempre più attivo da parte dell’amministrazione pubblica a rendere questa città a portata di disabili e migliore per tutti, ed hanno ringraziato la Venicemarathon per aver sposato questo progetto e promosso l’iniziativa attraverso due testimonial d’eccezione come Oscar Pistorius e Alex Zanardi.

L’atleta sudafricano, oltre ad aver sottolineato la sua gratitudine per essere stato scelto come testimonial di un’iniziativa a lui così vicina, ha espresso enorme stima nei confronti della città per i numerosi sforzi nel superare le barriere architettoniche e manifestato grande ammirazione per il contributo e la visibilità che la maratona di Venezia riesce a dare a questo importante progetto. Sulla stessa lunghezza d’onda Alex Zanardi, che si è detto orgoglioso di partecipare a questa nobile iniziativa, e che tra l’altro domenica sarà al via nella gara di hand-bike della 24a Venicemarathon. Sempre in ambito di solidarietà l’ex pilota di Formula 1, per ringraziare gli organizzatori che quest’anno hanno destinato 500 pettorali all’associazione da lui sostenuta Bimbingamba, ha deciso di mettere all’asta gli indumenti da gara che indosserà domenica.

Oscar Pistorius taglia il nastro di Exposport

Oscar Pistorius ha inaugurato Exposport e Open Sport al Parco San Giuliano di Mestre, dando il via ufficiale al lungo week-end di eventi legato alla 24ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia. Dalle 16.00 di giovedì fino a sabato tutti potranno recarsi a Exposport, la fiera dello sport e del tempo libero che per 3 giorni sarà il fulcro sportivo della città. Un’area coperta che supera i 2.000 mq ed una scoperta di oltre 10.000 mq con più di 100 aziende. In contemporanea ad Exposport è stato inaugurato anche Open Sport, il villaggio degli sport, coorganizzato con il Coni provinciale, in cui federazioni, enti di promozione e società sportive, creeranno campi prova e percorsi didattici in cui tutti i visitatori, seguiti da allenatori e tecnici federali, avranno la possibilità di cimentarsi nelle diverse discipline.

Grande emozione al momento del taglio ufficiale del nastro, dove Oscar è stato avvicinato da tre ragazzi disabili.

“Sono felice di trovarmi per il secondo anno in una delle più belle città del mondo ed essere testimonial di una maratona che porta avanti così tante iniziative benefiche e di solidarietà”.

Presenti all’inaugurazione anche: Renzo De Antonia, Presidente Provinciale CONI; Gianfranco Bardelle, Presidente Regionale CONI; Sandro Simionato, Assessore allo Sport e Politiche Sociali del Comune di Venezia e Massimo Venturini, Presidente Municipalità Mestre-Carpenedo; Lorenzo Cortesi, Segretario Generale Venicemarathon; Piero Rosa Salva, Presidente Onorario Venicemarathon; Enrico Jacomini, Presidente Venicemarathon.

Giovanna Volpato lancia la Venicemarathon 2009
L’atleta di casa Giovanna Volpato sarà una delle protagoniste della 24ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia al via domenica 25 ottobre da Stra. Con lei, un cast di atlete che hanno fatto la storia della gara come Lenah Cheruyot, vincitrice nel 2006 - ‘07 e detentrice del record della corsa (2h27’02”), Anne Kosgei, tre volte seconda nel 2002-07-08, e l’etiope Leila Aman, seconda a Venezia nell’edizione del 2005. In campo maschile, proverà a bissare il successo il keniano Joseph Lomala, vincitore in volata lo scorso anno con 2h11’06’’. Gli sfidanti saranno Benson Cherono Kipchumba, John Kipkorir Komen, Ben Kipruto Chebet e l’ucraino Oleksander Kuzin, l’atleta accreditato con il miglior tempo: 2h07’33”. Una delle novità dell’edizione 2009 sarà la partenza anticipata di qualche minuto della gara femminile rispetto alla maschile. Un’idea che nasce da esigenze tecniche di riprese video, ma che vuole anche aumentare la visibilità delle donne in gara, e rendere ancora più interessante e spettacolare l’arrivo ravvicinato agli uomini, sia per tv e pubblico. I primi a partire saranno i disabili alle ore 9.15 con al via anche Alex Zanardi. A seguire le Top Runners della gara femminile e infine gli uomini e la massa dei 6.900 partenti. Numeri da record quest’anno, con una richiesta complessiva di oltre 8.500 persone e iscrizioni chiuse già nei primi giorni di agosto. Oltre 6.000 atleti saranno al via con il pettorale classico, mentre gli altri 500 correranno con quello speciale di Bimbingamba, il progetto creato dall’Associazione Niccolò Campo di cui Alex Zanardi è testimonial e che aiuta a fornire protesi a bambini che a causa di malattie, incidenti o guerre hanno subito la perdita di uno o più arti.

Nutrita è la rappresentanza di stranieri, con una percentuale del 20,5% sul totale e 55 nazioni rappresentate. Anche questa edizione della maratona, come ormai è consuetudine, sarà trasmessa dalla Rai con una diretta di tre ore su Rai Tre Nazionale e sul canale digitale RaiSportPiù, e in differita su Rai International.

Il livello agonistico ed organizzativo di Venicemarathon consente alla gara di fregiarsi della IAAF Road Race Silver Label, un riconoscimento di qualità concesso dalla Federazione Internazionale di Atletica ad un ristretto numero di eventi in tutto il mondo.

Queste e molte altre novità sono state illustrate questa mattina nel corso della presentazione ufficiale della manifestazione, ospite ancora una volta dell’elegante Salone delle Feste di Ca’ Vendramin Calergi, palazzo rinascimentale veneziano, oggi sede del Casinò di Venezia, alla presenza del padrone di casa nonché Direttore Generale Carlo Pagan, dell’Ass. allo Sport della Provincia di Venezia Raffaele Speranzon, all’Ass. all’ Industria, Artigianato e Agricoltura della provincia di Venezia Massimiliano Malaspina all’Ass. allo Sport del Comune di Venezia Sandro Simionato, dell’Assessore Piano Strategico e Pianificazione Territoriale del Comune di Venezia Laura Fincato, dell’Ass. allo Sport del Comune di Mira Maricla Sartori, del Consigliere Nazionale della Fidal Osvaldo Zucchetta e del Presidente del Comitato Regionale Giovanni Paolo Valente e del Presidente di Venicemarathon Enrico Jacomini, del Presidente Onorario Piero Rosa Salva e del Direttore Generale Lorenzo Cortesi. Ha salutato la Venicemarathon anche Federico Fantini, esponente del progetto Venezia Olimpica.


Invariato il percorso nel suo tratto di terra ferma, con le caratteristiche che negli anni lo hanno reso famoso ed apprezzato in tutto il mondo: partenza da Villa Pisani a Stra, passaggio lungo la Riviera del Brenta con l’attraversamento dei comuni di Dolo, Mira, Fiesso d’Artico e Oriago e ingresso nel Parco San Giuliano a Mestre. In laguna, dopo la variazione del 2008 a causa per i lavori di modernizzazione, si tornerà a passare per Punta della Dogana. Non mancherà lo spettacolare attraversamento del Canal Grande, sul classico ponte di barche installato per l’occasione da Insula e i passaggi in Riva degli Schiavoni, Riva Ca' di Dio (sede dell'arrivo dal 1991 al 1995), Riva San Biagio e Riva Sette Martiri.

Il percorso sarà interamente chiuso al traffico, grazie all’aiuto della Polizia Stradale, della Polizia Municipale, dei Vigili del Fuoco e di oltre 400 volontari di Protezione Civile. 100 moto, tra Harley Davidson ed altri modelli molto personalizzati, faranno anche quest’anno da carovana d’apertura e l’intero percorso sarà animato dai 22 gruppi di “Anima la Maratona” che allevieranno le fatiche degli atleti a suon di Rock, Pop e Blues e intratterranno il pubblico assiepato lungo il percorso.

Molto attesa è la partecipazione di Alex Zanardi nella gara di hand bike. Dopo l’esordio in maglia azzurra dello scorso settembre e dopo solo 2 anni dal debutto nella specialità, cercherà l’impresa nella gara di casa. Oscar Pistorius invece fa il suo ritorno in laguna ancora una volta come prezioso testimonial, assieme a Zanardi, del progetto “Venezia Accessibile - le barriere si superano di corsa”, l’iniziativa promossa dal Comune di Venezia e dagli organizzatori della maratona, che prevede il rivestimento con rampe di legno i 14 ponti della città interessati dal passaggio della maratona e che permettono una migliore fruibilità della città da parte dei disabili da ottobre fino all’Epifania. Entrambi i campioni inaugureranno il progetto 2009/2010 nel corso di una conferenza stampa in programma giovedì 22 ottobre all’Hotel Metropole di Venezia. Come ha ricordato il Presidente di Venicemarathon Enrico Jacomini “Oscar e Alex aiutano ad amplificare il messaggio che la maratona di Venezia e lo sport in generale devono essere accessibile a tutti”.

Sabato mattina il campione sudafricano Pistorius assieme ad una scatenata folla di studenti sarà al via della Family Run di Mestre, le due corse di 3,5 km non competitive che si disputano il sabato mattina contemporaneamente al Parco San Giuliano e a Dolo. Un’occasione unica per vedere il campione sudafricano alle prese con una distanza per lui inusuale. Nella gara di Dolo, dedicata alla memoria di Lorenzo Trovò fondatore di Dolo Sport scomparso recentemente, la madrina sarà l’atleta di casa Manuela Levorato, sprinter della nazionale di atletica leggera. Il ricavato delle iscrizioni (3 euro per atleta), detratte le spese organizzative di 1 euro, verrà devoluto ad Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo per la costruzione di pozzi d’acqua potabile in Uganda nella misura di 1 euro e il restante euro invece sarà trattenuto direttamente dalle scuole, per finanziare progetti didattici. La neonata Onlus Art4Sport, invece ha rivenduto 500 pettorali speciali il cui ricavato, detratte le spese, sarà destinato alla costruzione di protesi sportive per bambini, simili a quelle utilizzate da Oscar Pistorius. A Dolo invece, i familiari di Trovò doneranno alla scuola più numerosa un computer portatile.

Lungo il percorso ai punti di ristoro verranno impiegate oltre 60.000 bottiglie di Acqua San Benedetto e 60.000 bottigliette di Powerade. A partire dal ventesimo chilometro poi, oltre a integratori liquidi gli atleti potranno usufruire di 30.000 confezioni di biscotti Palmisano e di oltre 4 tonnellate di frutta fresca offerta dalla Coldiretti. Il ristoro finale sarà arricchito anche dai prodotti Alpro Soya e Yakult, mentre alle centinaia di spettatori assiepati negli ultimi chilometri del percorso saranno distribuite le Mentos Gum.

Essere quarti alla Venicemarathon significherà soprattutto sostenere la lotta ai tumori del seno, Compeed, infatti, trasformerà il tempo di percorrenza impiegato dal quarto in classifica in una donazione a sostegno di Susan G. Komen Italia, onlus attiva nella lotta ai tumori al seno.

Per celebrare i 10 anni di collaborazione con la maratona, l’Autorità Portuale ha istituito quest’anno un premio speciale. Il Trofeo Porto di Venezia verrà consegnato al primo disabile su hand-bike che taglierà il traguardo mentre Banco San Marco sarà presente, come lo scorso anno, con due premi speciali per il primo veneziano e la prima veneziana che taglieranno il traguardo di Riva Sette Martiri. Il premio speciale Trofeo Sprint sarà poi consegnato dal Gazzettino al primo atleta del Veneto o del Friuli Venezia Giulia che taglierà il traguardo di Riva Sette Martiri.

Sabato 24, al Russott Hotel – quartier generale dell’organizzazione – la parola verrà data ai veri protagonisti della gara i Top Runners con consegna dei pettorali da parte di Oscar Pistorius. Nel corso della conferenza stampa verranno ricordati i 10 anni dalla scomparsa di Primo Nebiolo, l’uomo che ha condotto la Federazione Internazionale di Atletica Leggera (Iaaf) per molti anni e che è stato decisivo nella fase iniziale della nascita della maratona. Sarà presente la vedova Giovanna. Inoltre, sempre nella stessa occasione il Coni Veneto sottoscriverà il documento “ Dichiarazione del Panathlon sull’Etica dello sport giovanile”. La firma sarà posta da Gianfranco Bardelle, presidente del Coni regionale, e Massimo Rosa, governatore dell’Area 1 Triveneto e da 7 presidenti dei Panathlon e del Coni rappresentanti i capoluoghi di provincia del Veneto

Domenica 25 ottobre la Venicemarathon festeggerà i 24 anni di una maratona che fa parte ormai della storia della città di Venezia. Questa sarà solo una prima importante tappa per le celebrazioni delle nozze d’argento del 2010, che ospiteranno il Campionato Italiano di Maratona Fidal: una ciliegina in più su una torta già ricca di ingredienti.
Presentati i Collaterals
La Maratona di Venezia si fa sempre più ricca di eventi e personaggi. È stato infatti presentato questa mattina, al Russott Hotel di Mestre, il ricco cartellone di eventi e iniziative collaterali della 24ª Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia, in programma il prossimo 25 ottobre, con al via 6.500 partenti. La 24a edizione si lega ancora una volta al carisma e alla simpatia di Oscar Pistorius, che “debutterà” nella Family Run di 3,5 km del sabato mattina, e accoglie a braccia aperte l’arrivo di Alex Zanardi. Entrambi i campioni aiuteranno ad amplificare il messaggio che la maratona di Venezia e lo sport in generale devono essere accessibili a tutti attraverso l’iniziativa di superamento delle barriere architettoniche del Comune “Venezia Accessibile - le barriere si superano di corsa”.

Ad illustrare i dettagli dei ‘collaterals’ il Segretario Generale Venicemarathon Lorenzo Cortesi al cospetto di giornalisti e autorità quali Sandro Simionato, Assessore allo Sport e Politiche Sociali del Comune di Venezia; Laura Fincato, Assessore Piano Strategico e Pianificazione Territoriale del Comune di Venezia; Mariolina Toniolo, Presidente Istituzione Bosco e Grandi Parchi; Gianfranco Bardelle, Presidente del CONI Veneto e Piero Rosa Salva, Presidente Onorario Venicemarathon. Nel saluto d’apertura Piero Rosa Salva ha chiaramente espresso la condivisione della Venicemarathon alla candidatura olimpica. “La 24a Venicemarathon sarà idealmente dedicata alla candidatura olimpica di Venezia. Ci crediamo e abbiamo accolto con entusiasmo la notizia, d’altronde la maratona è una delle icone dei Giochi Olimpici.” Concetti ribaditi anche dall’Ass. Laura Fincato: “Al progetto Venezia Olimpica 2020 non rinunciamo e la maratona di Venezia rappresenta uno di quei momenti salienti del percorso di questo progetto, attraverso il quale possiamo dimostrare la nostra tradizione sportiva e la consistenza economico-sociale del nostro territorio, mix imprescindibile per organizzare un evento del genere”. Non di sogni, ma di proposte concrete parla anche l’Assessore allo Sport Simionato: “La nostra è una proposta concreta perché il territorio è maturo culturalmente, economicamente e socialmente per pensare di ospitare un evento come l’Olimpiade. Da questa solida base è partita anche la Venicemarathon che oggi è diventata un evento fiore all’occhiello del territorio, un contenitore ricchissimo di progetti e iniziative”. Rosa Salva ha poi voluto virtualmente salutare le Giornate Paralimpiche che iniziano proprio domani, ricordando ancora una volta come la Venicemarathon sia molto sensibile al mondo paralimpico. “Infine – ha concluso sempre il Presidente Onorario – ricorrendo in questo periodo l’anniversario dei 10 anni dalla morte, ricorderemo anche noi Primo Nebiolo, l’uomo che condotto la Federazione Internazionale di Atletica Leggera (Iaaf) per molti anni e che è stato decisivo nella fase iniziale della nostra impresa. Sarà con noi presente la moglie Giovanna.”

Si parte giovedì 22 ottobre con l’inaugurazione di Exposport, il cuore di tutte le attività socio-economiche della maratona, il punto di ritrovo dei maratoneti per il ritiro del pettorale e pacco gara. L’Expo, che verrà ufficialmente inaugurato alle ore 16:00 da Oscar Pistorius, sarà allestito all’interno del Parco San Giuliano. Gli organizzatori della maratona furono i primi, 19 anni fa, a promuovere un’iniziativa fieristica sul territorio veneziano ed a sfruttare in maniera diversa l’area portuale nella quale la fiera aveva collocazione. Da tre anni è ospite del Parco San Giuliano e da quest’anno, grazie alla collaborazione dell’Istituzione Bosco e Grandi Parchi, sarà attenta alla sostenibilità del parco, promuovendo la raccolta differenziata per tutti i 40.000 visitatori. La superficie fieristica occupata sarà di 12.000 mq totali tra area coperta e area scoperta dove saranno più di 100 le aziende rappresentate, tra cui la Confartigianato che proporrà il made in Veneto relativamente alla produzione di articoli e accessori per lo sport.

All’esterno della fiera, ci sarà un vero e proprio villaggio dello sport all’aria aperta che, con campi prova e percorsi didattici supervisionati da allenatori e tecnici esperti, richiamerà molti giovani interessati alla pratica sportiva. Open Sport, questo il nome dell’iniziativa nata da un’idea del C.O.N.I. regionale e gestita ogni anno dal Comitato Provinciale di Venezia, si articolerà in tre giornate: il venerdì sarà dedicato alle scuole elementari, il sabato al pubblico e la domenica agli Intercentri del C.A.S. Hanno aderito al progetto 14 tra Federazioni, Enti di Promozione e Società Sportive operanti sul territorio.

Venicemarathon si conferma ancora una volta un evento a tutto tondo, che rivolge la propria attenzione allo sport in tutte le sue sfaccettature. Quest’anno infatti tutti gli appassionati potranno partecipare al convegno internazionale “150 anni di Educazione Fisica nella scuola italiana: confronto con l’Europa” organizzato di concerto con Capdi & LSM (la Confederazione delle associazioni nazionali dei diplomati ISEF e Laureati in Scienze Motorie) ed in collaborazione con la Commissione Europea. L’appuntamento avrà luogo venerdì 23 ottobre presso il Russott Hotel di Mestre.

Al convegno, che illustrerà le varie realtà europee nell’ambito dell’Educazione Fisica e dell’attività motoria nelle scuole, tracciandone analogie e differenze, interverranno le massime autorità italiane e continentali in tema di educazione fisica e sport.

Nella sessione mattutina tra i relatori provenienti da tutta Europa ci sarà la possibilità di ascoltare il professor Ken Hardman, uno dei teorici dell'educazione fisica e dello sport più accreditati al mondo. Durante la sessione pomeridiana invece sarà ripercorsa la storia dell'Educazione Fisica in Italia attraverso la voce di alcuni protagonisti e studiosi, con approfondimenti sui rapporti tra la disciplina, la Scuola e il Ministero prima con le Accademie, poi con gli ISEF per arrivare ai giorni nostri con la nascita della Facoltà di Scienze Motorie. Relatore e ospite d'onore sarà il professor Sergio Pivetta, decano della disciplina, scienza e memoria dell'Educazione Fisica italiana del '900.

Sabato mattina, Pistorius ed una scatenata folla di studenti saranno i protagonisti delle due Family Run, le corse non competitive aperte ai giovani e famiglie e promosse da Banco San Marco e OVS Industry. Com’è tradizione, le corse si svolgeranno contemporaneamente, una nel Parco San Giuliano e l’altra a Dolo, nella giornata di sabato 24 ottobre. Il campione paralimpico sudafricano, come promesso, si presenterà sulla linea di partenza della gara del Parco San Giuliano per correre tutti i 3.500 metri assieme ai ragazzi. Un’occasione davvero unica per vedere Oscar alle prese con una distanza per lui inusuale. L’altra competizione avrà come cornice l’affascinante Riviera del Brenta, con partenza e arrivo allo stadio “Walter Martire” di Dolo e sarà dedicata alla memoria di Lorenzo Trovò, il fondatore di Dolo Sport recentemente scomparso. È stata presentata questa mattina la maglietta ufficiale che verrà distribuita a tutti i partecipanti, realizzata da OVS Industry, partner della manifestazione da 11 anni e assieme a Banco San Marco main sponsor dell’evento. Come sempre, chi parteciperà alle due Family Run contribuirà a fare del bene. Il ricavato delle iscrizioni (3 euro per persona), detratte le spese organizzative di 1 euro, verrà devoluto a Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo, la o.n.g.-o.n.l.u.s. piacentina impegnata da anni attraverso il progetto “Run for Water, Run for Life” nella costruzione di pozzi d’acqua potabile nell’arida regione del Karamoja in Uganda, nella misura di 1 euro. Il restante euro invece sarà trattenuto direttamente dalle scuole per finanziare progetti didattici. La neonata Onlus Art4Sport, ha rivenduto invece 500 pettorali speciali il cui ricavato, detratte le spese, sarà destinato alla costruzione di protesi sportive per bambini, simili a quelle che utilizza lo stesso Pistorius. Nel pomeriggio Pistorius, dalle 16 alle 17, sarà disponibile per autografi e interviste allo stand Groupama, all’interno dell’Expò del Parco San Giuliano.

Sono state infine mostrate le immagini delle due nuovi fonti d’acqua pulita e i tre pozzi riattivati in Uganda, che vanno a sommarsi ai 4 precedenti costruiti grazie al progetto Run For Water, Run For Life. Salgono così a 9 le operazioni di perforazione e riabilitazione dei pozzi per un numero complessivo di 7.512 beneficiari diretti. Per aiutare Africa Mission si potrà donare 1 euro tramite sms solidale inviato da cellulare TIM, Vodafone e Wind e 2 euro chiamando da rete fissa Telecom Italia: in entrambi i casi il numero è il 48583, attivo dall’11 al 26 ottobre. In alternativa, si potrà fare una donazione direttamente allo stand di Cooperazione e Sviluppo.

La conferenza stampa ufficiale di presentazione della 24a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia è in programma martedì 20 ottobre, ore 11:00, al Casinò di Venezia mentre la conferenza stampa “Venezia Accessibile - Le barriere si superano di corsa” è in programma alle 11:30 di giovedì 22 ottobre presso l’Hotel Metropole di Venezia.
Iscrizioni chiuse!

Il numero massimo di 6.000 iscrizioni è stato raggiunto e le iscrizioni alla 24a Venicemarathon sono pertanto chiuse.

Si rende noto che le iscrizioni che sono state erroneamente effettuate dopo la chiusura (e che non potranno essere "recuperate" in virtù delle rinunce di altri partecipanti già iscritti) saranno rimborsate a partire da Novembre.

Stella d'argento del CONI a Piero Rosa Salva

Il presidente del C.O.N.I. Giovanni Petrucci ha comunicato, con una lusinghiera lettera personale, il conferimento del prestigioso riconoscimento sportivo a Piero Rosa Salva, fondatore e presidente onorario della VENICEMARATHON. La Stella d'Argento premia la lunga e qualificata attività di Piero Rosa Salva a favore dello sport e dei suoi valori, prima come atleta e poi come dirigente in molte Federazioni Sportive e nello stesso Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Grande festa per tutto il team della Maratona di Venezia giunta alla 24a edizione - in programma il prossimo 25 ottobre - che ha già registrato un grande successo di partecipazione, costringendo alla chiusura anticipata delle iscrizioni.

PIERO ROSA SALVA è nato a Venezia dove ha sempre vissuto. Laureato in Economia e Commercio presso l'Università di Ca' Foscari, ha proseguito l'attività commerciale di famiglia nel settore dei pubblici esercizi.

Fin da giovanissimo pratica diverse discipline sportive conseguendo lusinghieri successi soprattutto nell'atletica leggera (in particolare nel salto in alto, specialità nella quale conquista più volte il titolo regionale e si distingue a livello nazionale); ben presto però all'attività agonistica si affianca l'attività dirigenziale ed organizzativa interpretata sempre come un impegno nei confronti della corretta formazione psico-fisica dei giovani e come un momento di valorizzazione compatibile della città di Venezia; in questa logica si collocano alcune prestigiose esperienze organizzative (Campionati Mondiali di Pallavolo nel 1978, Campionati Nazionali Universitari nel 1982, ecc.) ed in particolare della Maratona di Venezia (subito ribattezzata "VENICEMARATHON" per il grande successo internazionale conseguito), ideata nel 1985 nell'intento di organizzare a Venezia una grande manifestazione sportiva con spiccate valenze promozionali, aggregative e culturali.

Tra gli incarichi ricoperti nel mondo sportivo: dal 1970 al 1982 presidente del C.U.S. Venezia; dal 1978 al 1986 dirigente nazionale dello sport universitario; dal 1974 in poi importanti incarichi a livello nazionale, regionale e provinciale nel C.O.N.I. ed in alcune Federazioni Sportive (in particolare: Presidente Comitato Regionale Veneto della FIDAL, Vicepresidente Regionale della F.I.T. e varie presenze negli organismi delle Federazioni Pallavolo, Rugby e Sci); dal 1972 socio del Panathlon Club, del quale per lungo tempo consigliere e vicepresidente.

Attualmente è Presidente del Comitato Veneziano del Palio delle Quattro Repubbliche Marinare.

Nell'ambito professionale diversi i ruoli ricoperti nella A.E.P.E. - Associazione Esercenti Pubblici Esercizi di Venezia, nella CONFCOMMERCIO Provinciale di Venezia, per alcuni anni vicepresidente di PROMOVE (Soc. Cons. a r. l. a partecipazione pubblica e privata per la Promozione Turistica di Venezia), fondatore e primo presidente di VENEZIAFIERE, consigliere di amministrazione dell'AEROPORTO "G. NICELLI" di Venezia Lido e presidente della Società "ALATA" (Soc. Cons. a r.l. costituita dagli Enti Locali dell'area dell'Alto Adriatico per la realizzazione e gestione del progetto ALATA).

Nel dicembre 1995 viene nominato nel CdA della CASINO' MUNICIPALE DI VENEZIA spa, incarico lasciato nel marzo del 1998 in concomitanza con la nomina, in qualità di tecnico, da parte del Sindaco Massimo Cacciari ad Assessore al Turismo, Sport e Politiche del Giubileo del Comune di Venezia.

Nel marzo 2002 entra, in rappresentanza della CONFCOMMERCIO - Associazione Esercenti Pubblici Esercizi, nel Consiglio di Amministrazione della rinnovata "Azienda di Promozione Turistica di Venezia", della quale viene poi nominato vicepresidente favorendo la valorizzazione dello sport nella promozione turistica.

Tra i numerosi riconoscimenti conseguiti:
• nel 1990 STELLA DI BRONZO del C.O.N.I. al merito sportivo
• nel 1994 "PREMIO VIALI " del Panathlon International Club
• nel 1996 "PAUL HARRIS FELLOW" del Rotary Club
• proclamato "VENEZIANO DELL'ANNO 1996"

Venicemarathon, Zanardi e Pistorius supportano Bimbingamba con 500 pettorali speciali

Bimbingamba è un progetto ideato da Alex Zanardi - ex pilota di Formula 1 e Formula CART - e da Sergio Campo - fondatore della Associazione Niccolò Campo - che ha come obiettivo quello di aiutare i bambini che, a causa di malattie, incidenti o guerre, hanno perso uno o più arti.

Venicemarathon, in accordo con i suoi testimonial Alex Zanardi ed Oscar Pistorius, ha deciso di mettere a disposizione ulteriori 500 pettorali speciali a favore di Bimbingamba, oltre ai 6.000 normalmente disponibili per la partecipazione alla maratona.

Questi pettorali costeranno 20 euro in più dei corrispettivi normali e questa differenza sarà devoluta in beneficenza al progetto Bimbingamba. Si tratterà di pettorali speciali in tutti i sensi, perché avranno una grafica diversa dagli altri e saranno tutti autografati da Alex Zanardi e Oscar Pistorius.

I pettorali Bimbingamba consentiranno di partire dalla seconda  "gabbia" a prescindere dal proprio miglior tempo dichiarato. Inoltre, insieme al normale gadget previsto nel pacco gara Venicemarathon, gli acquirenti di questi pettorali riceveranno un altro gadget speciale.

Oltre ai 20 euro devoluti in beneficenza per ogni pettorale, al momento dell'acquisto del pettorale potrà essere effettuata una donazione aggiuntiva.

Considerando che le 6.000 iscrizioni disponibili per partecipare alla prossima Venicemarathon si stanno rapidamente esaurendo, acquistare un pettorale Bimbingamba significa garantirsi un posto alla partenza di una delle più affascinanti maratone del mondo e, contemporaneamente, contribuire in maniera tangibile ad un progetto di grande valenza sociale.

I pettorali Bimbingamba saranno acquistabili solo online, proprio per la necessità di monitorare in tempo reale le iscrizioni e di chiuderle al raggiungimento del limite di 500.

Oscar Pistorius e Alex Zanardi "lanciano la volata" alla 24a Venicemarathon
Oscar Pistorius e Alex Zanardi ‘lanciano la volata’ alla 24a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia del prossimo 25 ottobre. Il pluricampione paralimpico dei 100, 200 e 400 metri ed il grande pilota di Fomula 1 e Formula Cart – oggi protagonista anche nelle gare di handbike – si sono ritrovati questa mattina nelle eleganti sale del Casinò di Venezia assieme al sindaco di Venezia Massimo Cacciari, al Presidente del Venicemarathon Club Enrico Jacomini, al direttore generale del Casinò di Venezia nonché "padrone di casa" Carlo Pagan, al Presidente del CONI Provinciale Renzo De Antonia e all’Assessore ai Lavori Pubblici Mara Rumiz per presentare la 24a edizione della Maratona di Venezia e tutti i progetti sociali e di solidarietà ai quali essa è legata.

Alex Zanardi sarà al via della 24a Venicemarathon come uno dei favoriti nella gara di handbike, mentre Oscar si diletterà nella Family Run, la 4 km non competitiva riservata alle famiglie che si svolge il sabato prima della maratona. Entrambi scenderanno in campo anche a fianco del progetto “Venezia Accessibile - le barriere si superano di corsa” per sostenere l’iniziativa portata avanti dal Comune di Venezia, ma nata dalla sensibilità degli organizzatori della Venicemarathon, che prevede il prolungamento del periodo di posizionamento delle rampe di legno sui 13 ponti della maratona, per facilitare fruibilità ed accessibilità della città ai portatori di handicap.

“Sono davvero onorato di essere testimonial di questo importante progetto
– ha dichiarato il campione sudafricano – e quest’anno parteciperò ancora più attivamente prendendo parte alla Family Run nel Parco San Giuliano. Dopo i Mondiali di Berlino, potrebbe essere la gara che più m’impensierisce”.

Anche per Alex forte è l’impegno per l’accessibilità di Venezia: “Voglio aiutare a rendere sempre più nota e famosa questa splendida iniziativa che rende Venezia accessibile a chi è in carrozzina o comunque ha difficoltà nell’affrontare i ponti e le barriere architettoniche che questa città, per conformazione, presenta. Queste persone normalmente tendono a chiudersi in casa privandosi del piacere di viaggiare o semplicemente di uscire perché spaventati delle difficoltà. È  per questo che vengo a Venezia, per correre nella gara di handbike nel migliore dei modi per farmi promotore di quest'importante iniziativa”.

“Oscar ed Alex ci aiutano ad amplificare il messaggio che la Maratona di Venezia e lo sport in generale devono essere accessibile a tutti ”
– ha sottolineato il Presidente del Venicemarathon Club Enrico Jacomini.

Gli atleti della Venicemarathon quest’anno correranno anche per aiutare il progetto Bimbingamba dell’Associazione Nicolò Campo, di cui Alex è testimonial, nato per fornire protesi a bambini che a causa di malattie, incidenti, guerre hanno subito la perdita di uno o più arti. Alex ha deciso di sfruttare tutte le conoscenze e le esperienze acquisite in termini di protesi e tecnici/ortopedici da quando nel 2001 perse gli arti inferiori a causa di un terribile incidente sul circuito tedesco del Lausitzring durante una gara automobilistica, per aiutare a velocizzare il percorso dei bambini che stanno disperatamente aspettando le protesi per tornare ad avere una vita normale.

Si fa sempre più forte l’impegno della Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia per l’approvvigionamento d’acqua potabile in Uganda attraverso il progetto ‘Run for Water, Run for Life’ gestito e curato da Africa Mission - Cooperazione e Sviluppo.

Grazie alla raccolta fondi ampia e diversificata realizzata nel 2008, sono stati complessivamente raccolti 35.157,50 euro, destinati alla costruzione di altri 2 pozzi d’acqua potabile. Salirà così in breve tempo a quota 6 il numero dei pozzi perforati nella regione del Karamoja (Nord-Est dell’Uganda), che fino ad oggi hanno soddisfatto il fabbisogno d’acqua potabile degli alunni di due scuole secondarie nel distretto di Moroto e degli abitanti della baraccopoli di Nakapelimen. Con questi altri due pozzi saranno più di 4.000 le persone che potranno accedere quotidianamente al bene più prezioso della terra.

La raccolta fondi per l’Uganda, iniziata nel 2006 solo attraverso l’invio di SMS solidali, nel 2007 ha visto l’introduzione anche del ricavato delle iscrizioni delle due Family Run - le corse non competitive dedicate ai ragazzi e alle loro famiglie che si svolgono il giorno prima della maratona al Parco San Giuliano di Mestre e a Dolo - e l’offerta spontanea del contributo di collaborazione dei gruppi di Protezione Civile di Campolongo, Camponogara, Dolo, Fiesso, Fossò, Marcon, Mestre, Mira, Pianiga, Santa Maria di Sala, Spinea, Stra, Venezia, Vigonovo e della Croce Gialla di Spinea.

Dallo scorso anno si sono aggiunte inoltre le donazioni personali fatte tramite l’iscrizione alla maratona, le donazioni delle associazioni "Ancient Dragons" e "Best Day for Bikers" (dedicata ai bikers diversamente abili di Marghera), il ricavato dalla vendita di prodotti artigianali di Cooperazione e Sviluppo, ma soprattutto la “vendita” (ad offerta libera) di 7.000 magliette tecniche realizzate ad hoc da Venicemarathon Club e Radio Deejay. Quest’ultima voce da sola rappresenta un terzo dei ricavi dell’intero progetto.

Si sta lavorando affinché la raccolta fondi attraverso l’invio di SMS solidali - con la collaborazione dei quattro principali gestori di telefonia mobile (TIM, Vodafone, Wind e 3) e di Telecom Italia – possa essere riproposta anche nel 2009 e, insieme con le offerte spontanee degli atleti, possa contribuire ad aiutare un popolo ed una nazione per cui l’acqua è risorsa rara e preziosa.

Come ha illustrato Lorenzo Cortesi, direttore generale di Venicemarathon, proseguono intanto a gonfie vele le iscrizioni, con una richiesta di pettorali che quest’anno ha fatto registrare incrementi importanti già dai primi mesi dell’anno. “Sono già più di 4.000 gli atleti che si sono già assicurati il pettorale, consci del fatto che la maratona di Venezia, per necessità logistiche e organizzative, può accogliere non più di 6.000 atleti. E’ la prima volta, nella storia di tutte le edizioni, che a luglio sono già stati acquistati il 70% dei pettorali disponibili”.

Sicuramente questa massiccia adesione italiana e straniera è frutto, in gran parte, della grande azione di promozione del turismo sportivo sviluppata attraverso il progetto “Maratona: il Turismo Veneto corre”, voluto e realizzato congiuntamente alle maratone di Treviso e Padova, sotto l’egida della Regione Veneto. Secondo una ricerca recentemente commissionata dall’A.S.D. Venicemarathon Club ad un’agenzia specializzata, è evidente che nel processo di scelta tra l’offerta di maratone in tutto il mondo la possibilità di abbinare sport e turismo, come avviene a Venezia, riveste un ruolo fondamentale. L’appeal turistico è forte in particolare verso gli stranieri: infatti il 63,3% dei partecipanti non italiani indica questa peculiarità come principale motivazione alla partecipazione, mentre per il 71% del segmento non italiano l’iscrizione alla corsa ha costituito un’occasione per la prima visita alla città. La stessa ricerca mette in luce inoltre che, in termini di indotto economico, negli ultimi anni la Venicemarathon ha arricchito il territorio di quasi 8 milioni di euro annui, con una crescita del 30% negli ultimi 7 anni ed un ritorno d’immagine che conta oltre 1.000 articoli pubblicati su carta stampata nazionale ed internazionale, 3 ore di diretta Rai ogni anno, 29 paesi collegati ed uno share televisivo di tutto rispetto. Ogni anno la Riviera del Brenta, Mestre, Venezia ed i comuni limitrofi ospitano oltre 6.000 atleti con al seguito famiglie, amici e accompagnatori, con una percentuale di presenze straniere che si attesta sul 30% circa. Ad essi vanno inoltre aggiunti gli oltre 2.000 operatori e fornitori dei servizi della gara, dell’Exposport e di tutti gli eventi collaterali.

Ottimi risultati sta conseguendo anche il “percorso ufficiale d’avvicinamento” alla maratona, rappresentato dalle 9 tappe del Grand Prix Strade d’Italia. In particolare, la prima edizione della CorriMestre+ dello scorso 12 giugno, una 10 chilometri che ha visto al via più di 800 partecipanti, ha avuto un successo di pubblico oltre ogni aspettativa. Il Grand Prix Strade d’Italia, circuito di corse su strada finalizzato, tra l’altro, alla promozione turistica del territorio, è partito domenica 5 aprile con la Maratonina Riviera dei Dogi, proseguendo con il 14° Circuito Internazionale della Città Archeologica di Oderzo, la 20a Corritreviso, la 1a CorriMestre+ e il 38° Trofeo San Vittore di Tonadico di Primiero (TN). Prima di arrivare in laguna per la tappa conclusiva del 25 ottobre, si correranno la 18a edizione de ‘Le Miglia di Agordo’ (1 agosto, BL), il 21° Giro delle Mura di Feltre (29 agosto, BL) ed il 28° Giro Podistico Internazionale Città di Pordenone (13 settembre).

Le prime 10 squadre classificate si divideranno 50 iscrizioni gratuite per la 24a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia.

Riparte in questi giorni anche il progetto My 1st Marathon, il ciclo di allenamenti studiati e gestiti da Julia Jones per aiutare chi non ha mai corso una maratona a portare a termine il sogno di una vita con il sorriso sulle labbra. Il programma di allenamento, unico nel suo genere, prevede quattro sedute settimanali, con la possibilità di accedere ad una consulenza diretta tramite Internet.

Confermate le iniziative collaterali alla 24a Venicemarathon a partire da Exposport, la fiera dello sport e del tempo libero che si terrà come di consueto al Parco San Giuliano di Mestre dal giovedì precedente la maratona. Oltre ad Exposport il Parco, sempre al centro degli eventi di Venicemarathon, ospiterà Open Sport, l’iniziativa organizzata con il CONI di Venezia che consente a bambini e ragazzi di cimentarsi nelle diverse discipline sportive.

Riconfermate le due Family Run (una a Dolo e una all’interno del Parco San Giuliano), sempre targate Oviesse e Banco San Marco, che lo scorso anno richiamarono oltre 10.000 giovani e che il giorno prima della gara, sabato, rappresenteranno quasi un prologo della maratona.

Per quanto riguarda gli aspetti tecnici della gara, nella prossima edizione i runners potranno contare sul supporto del SUUNTO Pace Maker Team – un gruppo di “lepri”, facilmente riconoscibili da palloncini colorati, che aiuteranno a portare a termine la maratona nei vari tempi prestabiliti. Chi seguirà i pacers sarà sicuro di ottenere il proprio obiettivo cronometrico, con uno scarto massimo di pochi secondi.

Dal punto di vista commerciale, malgrado l’anno difficile per l’economia mondiale, sono state riconfermate le principali sponsorizzazioni a dimostrazione che l’evento ha forte appeal per le aziende. Lo sponsor tecnico Asics sarà al fianco della Venicemarathon fino al 2010, anno del 25° anniversario della maratona, mentre prosegue la partnership con Powerade, lo sports drink di The Coca Cola Company che aiuterà i maratoneti a reintegrare i liquidi ed i sali minerali persi durante la maratona, e viene riconfermata la presenza di Yakult, il probiotico che aiuta la salute dell’intestino.

È in fase di rinnovo la preziosa collaborazione con Casinò di Venezia, mentre si riconfermano le sponsorizzazioni Banco San Marco, Groupama, Oviesse, Insula, Gruppo Veritas, San Benedetto, ACTV, Vela, Coldiretti, biscotti Palmisano e Russott Hotel.

Radio Deejay
, infine, sarà anche per questa edizione la radio ufficiale di Venicemarathon.

Fanno invece il loro ingresso nella maratona i marchi: Suunto, Alpro Soya e Mentos (brand del gruppo Perfetti Van Melle).

La manifestazione ha già ricevuto il patrocinio di: Regione Veneto, Provincia di Venezia, Città di Venezia, Comune di Stra, Comune di Fiesso d’Artico, Comune di Dolo, Comune di Mira, Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Venezia Opportunità, Autorità Portuale di Venezia, APT Venezia, Vigili del Fuoco, IAAF, CONI, FIDAL, AIMS, Maratone Italiane e da quest’anno anche del CIP (Comitato Italiano Paralimpico), considerato il forte impegno della maratona nella lotta all’abbattimento delle barriere architettoniche di Venezia testimoniata dalla presenza di Oscar Pistorius e Alex Zanardi.

È partita in questi giorni anche la vendita online del merchandising ufficiale Venicemarathon sul sito www.venicemarathon.it. Sarà possibile acquistare i prodotti tecnici e per il tempo libero, firmati Asics e Venicemarathon.

Domenica 25 ottobre la Venicemarathon festeggerà il suo 24° anno di età, ma questa sarà solo una prima importante tappa per le celebrazioni delle nozze d’argento del 2010.
Volano le iscrizioni

La 24a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia non teme la crisi! A sei mesi dall’evento è già boom di iscritti. Alla prima scadenza del 10 aprile sono oltre 2.500 infatti i maratoneti che si sono assicurati il pettorale per domenica 25 ottobre.

“Un piccolo record è già stato battuto – commentano gli organizzatori – è il primo anno che raggiungiamo cifre di questo genere nel mese di aprile. Sapendo che abbiamo il numero chiuso a 6.000 per necessità logistiche, gli atleti sono abituati ad organizzarsi con largo anticipo per non farsi scappare l'occasione di correre nella città più bella del mondo, ma quest’anno stiamo andando oltre ogni aspettativa con oltre 1.000 iscritti in più alla stessa data rispetto al 2008.”

Sicuramente, frutto di questa massiccia adesione italiana e straniera, è la grande promozione sulla quale gli organizzatori investono molto, anche attraverso il progetto di promozione territoriale “Maratona: il Turismo Veneto corre”, sposato congiuntamente alla maratona di Treviso e a quella di Padova sotto l’egida della Regione Veneto.

Prosegue intanto il percorso d’avvicinamento all’appuntamento di fine ottobre con il Grand Prix Strade d'Italia che nella sua prima tappa, la Maratonina Riviera dei Dogi del 5 aprile, ha visto al via ben oltre 1.100 atleti, molti dei quali punteranno a gareggiare in tutte le tappe per finalizzare la preparazione alla 24a Venicemarathon, oltre che per i numerosi premi messi in palio.

Cresce anche l’attesa per la prima edizione della CorriMestre+ di venerdì 12 giugno (partenza ore 20:30), la nuova 10 km cittadina, tappa del circuito Grand Prix ed evento collaterale della tradizionale manifestazione MestrePiù organizzata dall’Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Venezia.

Domenica 25 ottobre a Venezia si correrà anche per contribuire alla tutela e alla conservazione dei beni architettonici della città, attraverso il progetto S.M.S. (Saint Mark’s Square) Venice, nato nel 2008 dall'unione d’intenti tra il Comune di Venezia, la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e laguna e Fran Tomasi e Associati.
Da quest’anno infatti la onlus SMS Venice sarà sostenuta anche dalla Venicemarathon che metterà a disposizione la propria vetrina a favore del restauro e della salvaguardia di opere straordinarie come il Ponte di Rialto, la Chiesa di San Giorgio Maggiore e le Procuratie Nuove. Per saperne di più: www.smsvenice.com.

Le tre maratone in vetrina a Parigi

Dodici mila metri quadrati di superficie espositiva, oltre sessantamila visitatori nell’arco di due giorni e mezzo.

L’Expo della 33a Maratona di Parigi, in programma domenica 6 aprile, una delle 42 km più attese della primavera, è un evento nell’evento. E nel grande “Parc des Expositions”, alle porte di Versailles, correrà metaforicamente anche il turismo veneto.

A pochi giorni dalla Treviso Marathon e a tre settimane dalla Maratona S.Antonio, del 26 aprile, prosegue il lungo tour promozionale che sta portando le grandi maratone venete attraverso i centri espositivi legati ai più importanti appuntamenti podistici mondiali.

Archiviata Treviso, è ormai agli sgoccioli il conto alla rovescia in vista di Padova, ma cresce anche l’attesa per la 24a Venicemarathon, del prossimo 25 ottobre.

L’Expo parigina è una tappa obbligata per i 37 mila partecipanti alla maratona. Il numero dei visitatori, però, raddoppia se si considerano anche i tanti appassionati che ogni anno frequentano il “Parc des Expositions” per andare alla scoperta delle ultime novità del settore.

Un’occasione unica per promuovere gli itinerari storici, artistici ed enogastronomici del Veneto, oltre che per distribuire il materiale illustrativo delle tre grandi maratone.

E a Versailles, città nota per la splendida reggia, il Veneto porterà con sé anche la bellezza delle sue dimore storiche. Uno dei tanti gioielli di un territorio che le maratone di Padova, Venezia e Treviso non mancheranno di promuovere in una delle passerelle - sportive e turistiche - più prestigiose dell’anno.

Al via il percorso di avvicinamento

Prende il via il percorso di avvicinamento alla 24a Venicemarathon Trofeo Casinò di Venezia, in programma il prossimo 25 ottobre. Per un maratoneta, cosi come per un organizzatore, una maratona richiede mesi di intensa preparazione, scanditi da tappe ben precise che formano un percorso d’avvicinamento ben programmato e, se l'obiettivo cade nella stagione autunnale, allora i lavori cominciano proprio dalla primavera.

Se da un lato la macchina organizzativa ha cominciato a riprendere di nuovo contatto con il mondo dei maratoneti, proponendo nuove idee per lanciare un’edizione 2009 ancora più ricca sia da un punto di vista turistico che promozionale, con agevolazioni sulla quota di iscrizione che diventano sempre più convenienti, come il Fidelity Program, ideato per premiare i maratoneti ‘più fedeli’ delle due ultime edizioni con speciali sconti sia per l’iscrizione dell’anno in corso sia per quella del prossimo anno e offrendo una vasta gamma di pacchetti turistici per accompagnatori e familiari, con soluzioni pensate anche per fornire un servizio di trasporto a domicilio e proposte alberghiere di ogni tipo.

Dall’altro, atleti, maratoneti e semplici appassionati delle corse su strada possono iniziare a finalizzare la preparazione per il 25 ottobre prendendo parte al Grand Prix Strade d’Italia, il circuito di gare su strada di promozione turistica del territorio, al via domenica 5 aprile con la Maratonina Riviera dei Dogi, prima tappa del circuito, organizzata dalla Polisportiva Libertas Mira e dal Centro Regionale Sportivo Libertas Veneto.
Sempre in ambito Grand Prix, il 12 giugno, il Venicemarathon Club terrà a battesimo la 1° edizione della ‘Corrimestre+’, una nuova 10 km su strada competitiva in notturna, novità assoluta del circuito.

Domenica 29 marzo con la Treviso Marathon prende il via anche il progetto di promozione turistica e valorizzazione del territorio ‘Maratona: il Turismo Veneto Corre’, che con la gara di Treviso e la Maratona S.Antonio in primavera e la Venicemarathon in autunno richiama oltre 16 mila runners da tutto il mondo, attratti dal Veneto proprio per l’opportunità di abbinare l’esperienza della 42 km alla visita di una regione affascinante e culturalmente molto ricca.
Per saperne di più, oltre al sito ufficiale della manifestazione www.venicemarathon.it, il Venicemarathon Club sarà presente agli Expo delle maratone di Roma (dal 19 al 21 marzo) e Treviso (27 e 28 marzo).

Aperte le iscrizioni per la Venicemarathon 2009

Le iscrizioni alla 24a Venicemarathon del 25 ottobre 2009 sono aperte dal 1 gennaio 2009.

É possibile iscriversi online, con pagamento tramite carta di credito, cliccando sul banner qui sotto. In alternativa, seleziona "iscrizione passo per passo" dal menu "iscrizione" e segui le indicazioni fornite.

Fino al 10 aprile sarà disponibile la quota d'iscrizione promozionale di soli 30 euro.