Si fa presto a dire: “Fai una maratona”, ma tra il dire e il fare spesso passano preparazione, mesi e anche valutazioni. Per noi comuni “maratoneti” la parte più difficile è la preparazione, mentale e atletica. Ci basta scegliere una città che magari vorremmo visitare (Venezia, ad esempio!) oppure un percorso che sappiamo essere congeniale alle nostre caratteristiche per decidere quale 42 affrontare.
Ma per chi, come il nostro Eyob, ha obiettivi di tempo importanti da raggiungere, la decisione è molto, molto più complessa e tutt’altro che scontata.
E infatti è proprio a questo che sta pensando negli ultimi giorni. Senza tuttavia smettere di macinare km.

Una maratona nel mese di ottobre: la mia seconda maratona, per la precisione, dopo l’esordio a Firenze di un anno fa.
Questo era il mio obiettivo dichiarato all’inizio della stagione.
In questi ultimi mesi mi sono allenato, preparato, sono stato in ritiro, ho macinato km; ad ottobre ora manca veramente pochissimo eppure ancora non so qualche sarà la mia seconda maratona.
Immagino suoni un po’ strano a voi, che magari iniziate a sognare una 42km e sapete già quale vorreste correre: magari una vicino a casa o una famosa, con tanta gente al via, oppure ancora quella che volete abbinare ad un viaggio. Probabilmente l’iscrizione è la prima cosa che avete fatto e poi è venuto tutto il resto.
Io invece ho fatto il percorso al contrario.
Durante l’estate ci siamo concentrati sulla preparazione e in particolare abbiamo aumentato i km, poi trasformati in velocità. Abbiamo fatto alcuni test, che sono andati bene. Ora è il momento di decidere dove gareggiare.
Dopo una prima fase di selezione, io e Ruggero ci siamo concentrati su un paio di possibili maratone, una in Italia e una all’estero e stiamo valutando qualche scegliere.
Non è così semplice, ci sono tanti fattori da tenere in considerazione. Prima di tutto il percorso, che deve essere adatto alle mie caratteristiche, per cercare di fare un buon tempo, e poi i top runner al via.
Sapere chi gareggerà è importante: non per evitare gli avversari più forti, anzi! Mi piacerebbe fare una maratona veloce quindi devo capire chi potrebbe aiutarmi a farla, cioè un avversario capace di tenere un buon ritmo e di darmi una mano a tenerlo per 42 km.
Molte maratone importanti hanno a disposizione le tabelle con i passaggi intermedi dei vari gruppi di testa, ai 10km, alla mezza e ai 30km. Questi dati, incrociati con gli altri atleti in gara dovrebbero aiutarci a decidere.
Ormai siamo alle battute finali.
Nel frattempo la preparazione prosegue. Sono ancora in fase di carico e ci stiamo concentrando sui lavori di rifinitura, per capire cosa manca e come ottenerlo.
Probabilmente nel weekend dell’8 ottobre gareggerò su una mezza. Sarà un test importante, l’ultimo prima della maratona. Dopodiché inizierò la fase di scarico.

La start line è davvero vicina.