Ormai mancano pochi giorni alla gara di Coppa Europa sui 10mila in pista e il nostro Eyob è pronto per indossare la sua prima magli azzurra. Nel frattempo si è tolto anche la soddisfazione di una bella vittoria “in casa”, sabato scorso alla 10K Garmin, gara organizzata dalla Venicemarathon in concomitanza con la 21km della Moonlight Half Marathon.
Ci ha raccontato com’è andata.
 
Finalmente, dopo tanti mesi, sono tornato a gareggiare “in casa”. Sabato ho corso la Garmin 10k, a Jesolo. E’ stato bello vedere che in tanti mi hanno riconosciuto e incitato, mi ha fatto davvero sentire a casa, e soprattutto è stato bello vincerla.
Avevo deciso, insieme a Ruggero, di correre questa distanza e non la 21 km, perché sarebbe stato un test migliore in vista della gara di Coppa Europa a Minsk, in Bielorussia, il 10 giugno.
In effetti è stato un buon allenamento, sono molto soddisfatto. Alla partenza ho visto chi erano i miei avversari, ho capito che avrei potuto fare bene e così è stato. Sono anche andato più forte di quanto mi ero prefissato. Simone Gobbo è partito subito veloce, impostando un buon ritmo e mi ci sono affiancato senza troppa fatica. Poi al settimo km ho allungato e ho guadagnato il vantaggio.
Alla fine il cronometro ha segnato 30’58’’, in una gara che mi è sempre piaciuta molto, per l’ora in cui si corre, per il percorso e per l’ottima organizzazione, anche se negli ultimi due anni avevo fatto la 21km. Nel 2015 l’avevo anche vinta, mentre l’anno scorso non era andata benissimo: avevo la febbre e non ero riuscito a fare il tempo che mi ero prefissato. Anche allora c’era in gioco una maglia della nazionale per gli europei, ma non avrebbe avuto senso indossarla senza poterla di onorare come avrei voluto.
Questa volta invece so di poter dare il massimo.
Obiettivi particolari, di tempo o piazzamenti non ne ho. L’obiettivo per me era indossare la prima maglia azzurra. Tutto quello che verrà in più andrà bene. Intanto domani mi aspetta un’altra gara, un 5mila in pista. Anche questa sarà un buon test prima della Coppa Europa.
Ormai manca davvero poco!