Per il nostro Eyob queste sono settimane di scarico. Dopo l’impegno degli Europei, domenica era in gara Telese per una 10km. Ma la pausa durerà ancora per poco: c’è una maratona da preparare.
 
D’accordo con Ruggero, in queste settimane me la sto prendendo con un po’ più di calma.
Gli europei sono andati come sono andati e ora è tempo di guardare ai prossimi obiettivi.
Domenica ero a Telese, per una 10 km, e le settimane di scarico si sono fatte sentire: ho corso per conto mio, non sono mai stato attaccato ai primi, pur arrivando terzo, mancando per un soffio il secondo posto, e facendo una buona gara.
E’ stata comunque una bella esperienza, soprattutto per l’ambiente che ho trovato. Lungo il percorso c’era tantissima gente e anche con gli avversari si è creato un bel clima di amicizia.
Anche questa settimana continuo con lo scarico, in vista della 10 km di Treviso, un’altra gara che corro molto volentieri. E’ a circuito, in centro: sono le gare che preferisco perché gli spettatori e il tifo sono sempre stimolanti. Speriamo bene.
Dopo Treviso partirò di nuovo, questa volta per Livigno, dove sarò in ritiro per tre settimane. Ora l’obiettivo è fare bene una maratona in autunno. Non so ancora quale sarà, ma sicuramente dovrò prepararla in modo diverso rispetto a quella del mio esordio, lo scorso autunno a Firenze. In quell’occasione per me era importante avvicinarmi alla 42 km per la prima volta, capire la gara e prenderci le misure. Questa volta invece si tratta di prepararla bene, per fare un buon tempo e sperare di entrare nei primi sei italiani che si guadagneranno la convocazione per gli europei del 2018.
Il ritiro di Livigno servirà a gettare le basi per la maratona e almeno potrò farlo a fresco: allenarsi in pianura con questo caldo sta diventando difficile.
Tornerò dopo metà luglio, giusto il tempo di un paio di gare e poi sarò di nuovo in ritiro, questa volta al Sestriere. Si torna a lavorare sul serio.
Adesso capite perché mi sto godendo le settimane si scarico?