Domenica 30 aprile si tiene la nona edizione della Corri Mestre e se seguite questo blog vi sarete sicuramente già iscritti. Se non l’avete ancora fatto, siete ancora in tempo per collegarvi al sito enternow.it e iscrivervi alla gara agonistica . Se vi spaventa l’idea di indossare un pettorale ma volete comunque partecipare alla festa, potete iscrivervi alla non competitiva, anche la mattina della gara, scegliendo fra la 18km, la 11km o la 5km.

Parliamo della gara! L’errore più grande che vedo fare sia con i principianti che ai podisti più esperti è di correre qualsiasi distanza alla stessa velocità. Corrono i primi chilometri nella loro zona di comfort (qualunque sia in quel momento) e proseguono fino alla fine a quella velocità tranquilla, sino al traguardo. In teoria, invece, più corta è la distanza più veloce dovreste correre. Spesso però i principianti senza molti chilometri sulle gambe hanno difficoltà a capire a che velocità partire.

Per calcolare il ritmo della vostra 10km c’è una formula matematica molto semplice che potete usare: prendete il vostro miglior tempo recente sulla distanza di 5km e moltiplicate per 2.1. Ad esempio: Se correte 5km in 30 minuti, moltiplicato per 2.1 = 63 minuti = 6’17” al km.

Così saprete di dover partire a 6’20” al km senza scendere sotto questo ritmo nella prima metà di gara. Una volta che avete sotto controllo le emozioni, l’adrenalina e il vostro respiro, provate a finire la gara in progressione, correndo cioè leggermente più veloce la seconda metà del percorso.

Provate per credere e fatemi sapere se è stato un successo!

Julia Jones si trova online a www.juliajones.it
Domande? Scrivetemi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.