Quando leggerete queste righe sicuramente avrete già preparato la borsa per raggiungere Jesolo, leggermente in ansia per la vostra gara di sabato. Avete completato gli allenamenti, studiato il pasto pre-gara e comprato il completino ideale per l’evento. Ora
dovete solo correre ventuno chilometri, giusto? Osservo molti atleti impegnarsi nella preparazione di una gara fino alla linea di partenza. A quel punto si rischia di perdere il buon senso e qualsiasi strategia di gara.

Non dovete aver un piano scritto ma, se riuscite a ricordarvi alcuni suggerimenti, vi garantisco una gara migliore con il possibile “Personal Best”. Sceglietene uno o tutti!

Il riscaldamento pre-gara
Non è necessario fare chilometri e chilometri di riscaldamento. Dovete attivarvi per il tempo necessario a sciogliere la vostra tensione. Iniziate camminando a un ritmo veloce per poi passare a una corsa lenta per pochi minuti. Controllate la respirazione e aggiungete esercizi per i piedi (alzate i talloni da terra) insieme ad alcuni allunghi. Ora dovreste essere pronti per partire!

Il vostro ritmo di gara
Per aver una stima della vostra velocità di gara fate un po’ di matematica. Prendete il vostro tempo sui 10km, raddoppiatelo e aggiungete dieci minuti. Esempio: 50’00” x 2 = 1h40’00” + 10’00” = 1:50:00 = 5’13” al km per la vostra mezza maratona. Facile!

Usare i pacers
Se correte con i nostri pacer (per vederli tutti andate QUI ) farete la metà della fatica. Correre in gruppo o direttamente dietro a un altro atleta riduce la resistenza al vento del 90% e diminuisce il vostro dispendio energetico quasi del 10%. E’ davvero un peccato non approfittarne.

Bevete ai ristori, farà caldo!
Il meteo per sabato prevede cielo limpido e circa 23° gradi. Sarà fantastico per una corsa serale ma ricordatevi di bere ad ogni ristoro. Altro segreto è di bagnare gli avambracci e un poco la testa per dare un senso di freschezza quando vi sentite surriscaldati.

In progressione fino all’arrivo
Se intorno al quindicesimo chilometro avete ancora dell’energia, lasciate il vostro gruppo dei pacer e accelerate un poco, portandovi avanti al gruppo. Non fate azioni improvvisate o cambi di ritmo troppo drastici: semplicemente aumentate la velocità di un paio di secondi al km, concentrandovi sul vostro respiro. Il trionfo in Piazza Mazzini è proprio dietro l’angolo. Ci vediamo lì!