Archiviata la trasferta in Qatar e la mezza maratona di Dubai, ora per il nostro Eyob è tempo di ritiro in altura, in vista dei più importanti obiettivi stagionali: i campionati Mondiali di mezza maratona, a marzo, a Valencia, e gli Europei di maratona, che si correranno a Berlino in agosto.
Prima di partire, però, Eyob correrà un’altra 21 km.



Non che abbia mai smesso di lavorare sodo e di allenarmi dopo la pausa post maratona, nelle ultime settimane, però, le tabelle si sono fatte più impegnative. Si fa sempre più sul serio. D’altra parte gli obiettivi per questa stagione sono importanti: i Mondiali di mezza maratona, a Valencia in marzo e i campionati Europei di maratona, ad agosto a Berlino.
La gara in Qatar è stata un utile tassello della preparazione, che è ricominciata a pieno ritmo appena rientrato in Italia, ma era solo l’inizio.
In questi giorni sto lavorando sulla distanza, aggiungendo chilometri agli allenamenti, sulla forza, con sedute di pesi in palestra e in settimana valuteremo anche la condizione fisica, con un nuovo test del VO2max e gli esami del sangue.
Il test fornirà una misurazione obiettiva del consumo massimo di ossigeno sotto sforzo: un dato fondamentale per definire i ritmi di allenamento e di gara di questo periodo. Ruggero sa benissimo a quanto posso andare, ma il riscontro scientifico ci darà una sicurezza in più.
Sulla base di queste valutazioni, poi, decideremo a che ritmo gareggiare domenica 4 febbraio, quando sarò al via della Mezza Maratona internazionale delle Due Perle, a Santa Margherita Ligure.
Non so ancora chi saranno i miei avversari ma non importa. Quello che conta è fare una buona gara e stare al mio ritmo.
Giusto il tempo di scaricare un paio di giorni e poi, l’8 febbraio, partirò per il ritiro in altura, dove potremo perfezionare la preparazione.
Aggiungeremo ancora chilometri alle uscite, aumentando allo stesso tempo anche i ritmi. Quanto alla forza, abbandoneremo il lavoro con i pesi: in altura il saliscendi naturale farà il suo per il potenziamento.
Il lavoro di queste settimane unito a quello in ritiro dovrebbe permettermi di affrontare in buone condizioni i mondiali di Valencia, il primo obiettivo importante della stagione.