C’è chi in montagna ci va per vacanza e chi, invece, per “lavorare”. È il caso di Eyob Faniel, in queste settimana in ritiro a Livigno, per preparare i prossimi importanti appuntamenti.



Ritiro che vince non si cambia, quindi anche quest’anno siamo tornati a Livigno per rifinire la preparazione in vista dei Giochi del Mediterraneo ma, soprattutto, dei campionati europei di maratona, che mi aspettano a Berlino in agosto.
Qui le giornate sono piene e stiamo lavorando tanto. Ogni giorno, pioggia permettendo, doppio allenamento. Il primo al mattino, e di solito è quello che usiamo per fare i lavori più pesanti, sulla velocità; al pomeriggio, dopo il pranzo e un po’ di riposo, la seconda uscita, tra le 16.30 e le 17. In questa cerchiamo di non sovraccaricare troppo ma, piuttosto, di far girare le gambe senza spingere, per agevolare il recupero dopo il lavoro pesante della mattina.
Ci ritagliamo un po’ di tempo anche per fare qualche esercizio in palestra, ma devo dire che qui a Livigno è tutta una salita e discesa, quindi è impossibile correre senza fare insieme anche un po’ di potenziamento.
Il lavoro è intenso, ma al momento sono molto contento di come sta andando la preparazione e delle sensazioni positive.
Certo non è semplice preparare una maratona. Significa aumentare sensibilmente i km, e questo vuol dire allenare poco alla volta sia il fisico che la testa.
Tutto questo carico, insomma, porta un po’ di stanchezza, ma è normale. Di base sono molto soddisfatto di come ci stiamo allenando.
Resteremo qui fino più o meno fino alla fine del mese. Il 27 giugno lasceremo il ritiro e io andrò direttamente a Tarragona per i Giochi del Mediterraneo, dove correrò la mezza maratona. Avere nelle gambe i km per la preparazione di una maratona non dovrebbe crearmi problemi: quelli che si fanno per una 42 km vanno bene anche per correre una 21.
Più che altro, a Tarragona in questa stagione fa molto caldo e questo complicherà le cose. Non sarà facile fare un buon tempo e d’altra parte non andrò là per quello. Punterò ad un buon piazzamento in classifica e, per questo, darò come sempre il massimo.