LA FAME NEL RUNNER
Il cibo, per il runner, non è semplice cibo, ma la benzina che permette di andare avanti, avere una buona performance e stare bene.

Con l’aumento dell’intensità e della durata degli allenamenti, cresce anche la fame, che può arrivare durante un allenamento o presentarsi spesso in tempi diversi e in più riprese durante la giornata.

Questo significa cambiamenti nelle abitudini alimentari, per allenarsi in modo corretto e non avere attacchi di fame tra i pasti.

Le domande che dobbiamo farci sono:

- Mangio abbastanza proteine?
Le proteine si trovano nella carne bianca, legumi, pesce, mandorle, latte e sono importanti perché forniscono la struttura del muscolo e danno un senso di sazietà più prolungato dei carboidrati

- Mangio abbastanza prima dell’allenamento?
Correre a stomaco vuoto non è utile per prepararsi ad una maratona, perché si consumano le riserve endogene e non ci si abitua a quella che sarà la propria strategia di gara

- Mangio abbastanza spesso?
La corretta alimentazione, della persona sportiva, contempla 3 pasti principali, più due spuntini al giorno, a base di frutta fresca, frutta secca, barrette proteiche oppure energetiche, la scelta dipende dal tipo di allenamento che dovrò affrontare.


Dott.ssa Annalisa Faè, R&D ProAction