La colazione perfetta prima di correre

Il momento più delicato per la gestione di una buona performance in gara o in allenamento è quello della colazione, visto che gli allenamenti più lunghi si fanno al mattino.

Partire leggeri, con lo stomaco vuoto e i nutrienti essenziali già in circolazione, permette ai muscoli di affrontare al meglio il lavoro a cui andranno incontro, evitando di conseguenza tutti i problemi collegati alla digestione, come crampi o vari dolori tra fegato e milza.

Il tempo di svuotamento gastrico varia da persona a persona, ma in generale possiamo considerare circa due ore e mezza (tre per chi è più lento e sensibile) come intervallo di tempo necessario tra colazione e allenamento.

Le opzioni tra cui scegliere per fare una colazione energetica ed equilibrata sono:

  • Pane bianco con prosciutto crudo sgrassato, con accompagnamento di bevande classiche come il caffè o il tè verde
  • Fette biscottate non integrali con marmellata o miele, aggiunta di burro di cocco, con accompagnamento di bevande classiche come il caffè o il tè verde
  • Tortino di riso senza creme e derivati del latte, con accompagnamento di bevande classiche come il caffè o il tè verde

Le bevande consigliate come accompagnamento sono abbondanti e diluite, questo garantisce un duplice effetto: la riduzione dell’irritazione a livello gastrico e il recupero dei liquidi persi durante la notte, attraverso la respirazione. Nel caso in cui si scelga un caffè espresso al posto del tè, o del caffè americano, si consiglia di bere un bel bicchiere colmo di acqua ad alto residuo fisso, per garantire il recupero dei liquidi e per partire adeguatamente idratati.

Alla semplice acqua, nella mezz’ora che precede l’uscita (se supera le due ore), possono essere aggiunte le maltodestrine in polvere, come piccolo carico finale di carboidrati, in modo tale da avere le riserve energetiche pronte per sostenere lo sforzo a cui si andrà incontro.

Dott.ssa Annalisa Faè